Sostituzione contatore gas digitale. Ecco a cosa fare attenzione

Sostituzione contatore gas digitale. Ecco a cosa fare attenzione
5 (100%) 2 votes
di | 08-02-2018 | Gas, Leggi Norme Regole

Continua il piano di sostituzione dei vecchi contatori del gas con i nuovi smart meter che avranno il compito di misurare finalmente i consumi reali di gas di migliaia di famiglie italiane. La campagna – partita nel 2013 in seguito alla delibera 631 da parte dell’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico – prevede la sostituzione del 60% dei vecchi contatori analogici del gas con nuovi contatori digitali di classe G4 e G6 entro il 31 dicembre 2018. Se siete quindi tra coloro che stanno ricevendo in queste settimane una lettera che vi avvisa della sostituzione del contatore del gas, niente paura. Abbiamo preparato proprio per voi una guida che vi spiegherà come comportarvi e a cosa prestare attenzione per evitare l’arrivo di bollette salate e ingiusti conguagli.

Sostituzione contatore gas: a cosa serve?

L’obiettivo della sostituzione dei vecchi contatori del gas è quello di diffondere una maggiore consapevolezza tra i cittadini sul risparmio energetico e la sostenibilità ambientale. I nuovi contatori del gas digitali, detti anche smart meters, misureranno infatti i consumi effettivi dei clienti finali e metteranno fine al vecchio sistema di misurazione del consumo energetico basato sulla valutazione di stime approssimative. L’installazione dei nuovi contatori del gas digitali rappresenta quindi un’importante innovazione tecnologica che renderà i consumatori più consapevoli dei propri consumi, gli errori e le maxi bollette meno frequenti e permetterà, infine, la lettura del gas e la gestione a distanza dei dispositivi. Vediamo ora insieme cosa dice la normativa in merito alle modalità di invio da parte del vostro distributore locale di gas della comunicazione della sostituzione contatore gas.

Cosa fare in caso di avviso di sostituzione contatore gas

La sostituzione del contatore del gas deve essere comunicata almeno tre mesi prima dell’operazione, mentre la data e l’orario precisi dell’installazione del nuovo contatore digitale vanno resi noti con almeno dieci giorni solari di anticipo. Cosa fare quindi in caso di ricezione di una lettera che vi avvisa della sostituzione? Prima di tutto è bene sapere che avete il diritto di spostare l’appuntamento in un giorno e in un orario più consoni alle vostre abitudini. La sostituzione contatore gas deve infatti avvenire sempre in presenza dell’intestatario della fornitura del gas o di una persona delegata. La seconda cosa da sapere è che la sostituzione del contatore è obbligatoria solo nel caso in cui l’apparecchio non funzioni piu’ o nel caso in cui il contatore sia piu’ vecchio di 15 anni.

Come funziona la sostituzione contatore gas

Una volta che avete deciso di procedere alla sostituzione del contatore del gas e una volta che avete stabilito il giorno e l’orario, un tecnico specializzato verrà a casa vostra per la realizzazione dei lavori. Ciò che occorre sapere è che il personale che effettuerà il lavoro di sostituzione dovrà essere munito di un tesserino di riconoscimento con il nome della società di distribuzione del gas incaricata. Vi ricordiamo che i lavori – che in genere non durano più di 2 ore – non vengono effettuati dal vostro fornitore di gas Eni, Enel o Gas Natural ma dalla società di distribuzione del gas del vostro comune di residenza. Al termine dei lavori di sostituzione ricordatevi di farvi rilasciare il certificato di conformità dell’apparecchio, il documento di sostituzione e il manuale delle istruzioni del contatore. Infine, ricordatevi di fare una foto al vecchio contatore che accerti l’ultimo consumo registrato per evitare di farsi recapitare a casa un maxi conguaglio.

Quanto costa la sostituzione contatore gas?

Formalmente la sostituzione del contatore è gratuita ma in realtà – dal momento che l’apparecchio una volta installato rimarrà di proprietà del distributore – costerà ai consumatori circa 3€ ogni due mesi per 15 anni per un costo totale che puo’ variare dalle 96€ alle 240€.

Come funziona il nuovo contatore digitale?

Il meccanismo con cui i nuovi contatori digitali del gas misureranno i consumi è molto simile a quello presente nei vecchi apparecchi analogici. La differenza sostanziale è che i valori registrati saranno visualizzati su un display digitale. Tra le nuove funzioni degli smart meter ricordiamo la possibilità della lettura del gas a distanza, quella di chiudere la fornitura senza bisogno del sigillo in caso di chiusura del contratto, l’esecuzione della diagnostica da remoto in caso di malfunzionamento, il rilevamento a distanza di eventuali frodi e la visualizzazione di informazioni quali il codice PDR, la data di fatturazione o il consumo di gas suddiviso per fasce orarie.

Come fare la lettura dei nuovi contatori digitali?

La principale caratteristica dei nuovi contatori digitali del gas è la gestione a distanza degli apparecchi. Questa funzionalità libera quindi i consumatori dall’onere dell’autolettura dal momento che sarà la società di distribuzione del gas a comunicare i volumi di gas consumato alle aziende fornitrici. La lettura del gas verrà quindi effettuata in automatico direttamente dal distributore. Tuttavia il nostro consiglio è quello di controllare sempre che i valori fatturati corrispondano ai volumi effettivamente consumati. La periodicità della lettura del gas sarà proporzionale ai consumi: una volta all’anno per i consumi fino a 500 Smc/anno; una volta ogni 6 mesi per i consumi compresi tra 501 e 5.000 Smc/anno; una volta al mese per consumi superiori a 5.000 Smc/anno.

I vantaggi dei nuovi contatori digitali

Tra i vantaggi dei nuovi contatori digitali ricordiamo prima di tutto la gestione a distanza degli apparecchi che consentirà l’attivazione e la cessazione della fornitura del gas da remoto, senza la necessità che esca un tecnico. Anche la gestione dei consumi sarà più facile e permetterà di controllare in ogni momento della giornata l’energia consumata garantendo in questo modo il risparmio e una gestione efficiente dei consumi. Infine, i nuovi contatori digitali misureranno finalmente i consumi effettivi dei consumatori evitando così le maxi bollette che diventeranno solo uno spiacevole ricordo del passato.

Il gas è una risorsa fondamentale per la vita di tutti i giorni, dal riscaldamento domestico alla cottura. Con il passaggio definitivo al mercato libero dell’energia ormai prossimo, i consumatori possono scegliere in totale libertà con quale fornitore di gas stipulare un contratto e a quali condizioni economiche. Dal 1° luglio 2019 il mercato tutelato cesserà di esistere e i consumatori saranno obbligati a scegliere esclusivamente tra le offerte del mercato libero. Comparasemplice.it confronta le tariffe gas dei migliori operatori italiani. Cliccate sul nostro comparatore di offerte qui in basso e selezionate la tariffa più adatta ai vostri consumi oppure chiamate il nostro numero verde 800 709 993 e parlate con uno dei nostri consulenti esperti di energia.

le migliori tariffe luce e gas a confronto

Articoli Correlati

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV