Velocità fibra Iliad e qualità del servizio: il nostro test

di | 10-02-2022 | News Fibra Ottica, News Iliad, News Internet Casa

A distanza di qualche settimana dal lancio ufficiale dell’offerta Iliadbox, abbiamo deciso di richiedere l’attivazione della fibra ottica del provider francese e di testare il servizio, in particolare su un Comune raggiunto dai 5 Gigabit complessivi e su un’abitazione dove non era mai stata attivata un’offerta FTTH. Vediamo com’è andata e qualche test di velocità, sia sfruttando il cavo Ethernet che il Wifi.

Velocità fibra Iliad e qualità del servizio: il nostro test
Confronta

Dopo un paio di settimane dall’esordio di Iliad sul mercato del fisso con la prima offerta casa Iliadbox, siamo riusciti a testare direttamente il servizio: chi vi scrive risiede in un’abitazione cablata di recente dalla rete Open Fiber e in un Comune dove l’operatore francese permette di avere gli ormai noti 5 Gigabit complessivi attraverso il modem proprietario.

Con l’apparato della compagnia, infatti, è possibile sfruttare 2 porte da 1 Gigabit, una da 2,5 Gigabit e il Wifi a 500 Mbps, per un totale di 5 Gbps. Sull’appartamento in cui è stata attivato il servizio non era mai stata sottoscritta un’offerta Internet: si tratta, quindi, di un’attivazione ex novo e non di una migrazione da altro provider.

Ecco com’è andata, partendo dalla richiesta fino all’effettiva attivazione della linea, e vediamo i primi test di velocità.

Sommario

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Tempi di attivazione Iliad fibra (nuova attivazione)

Non dovendo effettuare alcun passaggio da altro provider, l’attivazione dell’offerta internet casa di Iliad è stata particolarmente celere: la richiesta è stata presentata via Internet il 2 febbraio e i tecnici Open Fiber hanno attivato il servizio l’8 febbraio. Abbiamo scelto l’offerta con il modem incluso in comodato d’uso gratuito: l’Iliadbox è stata consegnata e installata dagli stessi tecnici Open Fiber in pochi minuti.

Non è stato necessario l’uso di un ONT: chi è raggiunto dalla tecnologia EPON, infatti, riceve insieme al modem un modulo SPF+ con porta ottica da inserire nel modem, in modo da collegare il cavo dalla borchia direttamente all’apparato (sarà comunque il tecnico ad occuparsi dell’installazione.

NB: nelle città raggiunte dalla FTTH-GPON (tra cui Milano, Torino e Bologna), invece, Iliad fornisce un modulo SPF da inserire nel modem, permettendo il collegamento Ethernet tra ONT esterna (fornita da Open Fiber) e modem Iliadbox.

Prima configurazione Iliadbox

La configurazione iniziale del modem Iliad richiede qualche minuto, come un qualsiasi router acceso per la prima volta. Non è necessario inserire alcun parametro manuale: dal display dell’apparato vengono visualizzati gli step in corso, fino alla fine della procedura.

Una volta terminata la configurazione automatica, il piccolo schermo del dispositivo mostrerà l’orario.

Attraverso un pad con quattro frecce direzionali posto accanto allo schermo è possibile scorrere sul menu dell’apparato e visualizzare la password predefinita del Wifi. Per semplificare la connessione con i propri dispositivi mobili, invece, basterà scorrere il menu fino alla visualizzazione di un barcode da scansionare con la propria fotocamera. Il collegamento è abbastanza rapido e non abbiamo notato disconnessioni.

Anche la configurazione dell’app Iliadbox, per la gestione delle funzionalità principali del router, è stata immediata e molto semplice.

 

Test velocità Iliad

Premettiamo che l’area in cui abbiamo testato l’offerta Iliad è coperta dalla tecnologia FTTH-EPON, quindi abbiamo la possibilità di sfruttare i 5 Gbps complessivi della compagnia. Inizialmente le misurazioni sono state contrastanti, soprattutto a seguito dei riavvii del modem, ma c’è un motivo: ad ogni accensione dell’apparato, la rete a 5 GHz, essendo su un canale DFS, necessita di qualche minuto per la scansione. Durante la fase di avvio di Iliadbox e nei primi minuti in cui viene accesa, quindi, è normale notare dei cali di prestazione.

La fase di scansione può essere monitorata direttamente dall’app Iliadbox entrando su Rete/Diagnostica Wifi/Avvia la Diagnostica. Subito dopo questa fase, la rete può dare il meglio di sé senza troppi problemi.

Ecco alcuni test di velocità della fibra Iliad effettuati con il cavo Ethernet:

Ed ecco delle misurazioni della velocità Internet Iliad su rete Wifi:

 

Come potrete notare, le velocità sono molto buone sia in download che in upload. Sono test effettuati in prossimità dell’apparato, a pochi metri di distanza. Allontanandoci di vari metri su altre stanze dell’abitazione, il calo è fisiologico e probabilmente un extender Wifi potrebbe far comodo per sfruttare al massimo la banda. In questo caso stiamo parlando di un appartamento di circa 75 mq, disposto in un solo livello, con pareti abbastanza spesse: gli scenari, quindi, possono variare notevolmente a seconda del tipo di abitazione e delle effettive dimensioni. Anche a livello di ping i risultati sono buoni, anche se probabilmente non così “estremi” come i gamers incalliti spererebbero.

Nell’uso “normale” della connessione, con due computer, due smartphone, un tablet e una TV connessi (quasi tutti via Wireless, a parte un PC), non abbiamo riscontrato particolari problemi, se non qualche prestazione altalenante nello spostamento dei dispositivi da una stanza all’altra. Il modem Iliad, così come la maggior parte degli apparati dual band in commercio, gestisce automaticamente il passaggio dalla 2,4 alla 5 GHz a seconda della distanza dall’apparato: purtroppo, però, lo switch in alcuni casi risulta lento ed è necessario disconnettere e riconnettere il dispositivo connesso al router subito dopo averlo spostato, così da “forzare” il passaggio alla banda migliore.

Per evitare ciò e tenendo conto delle distanze non enormi all’interno della casa, abbiamo deciso di separare le due bande e di connettere quasi tutti i dispositivi alla 5 GHz, sfruttando al meglio la velocità della fibra Iliad: si tratta di un’operazione molto semplice, che può essere effettuata direttamente dall’app Iliad all’interno della sezione Rete. Tuttavia non è un’operazione obbligata e la lentezza dello switch potrebbe non essere un problema per gran parte dell’utenza (o può comunque essere risolto con un aggiornamento firmware dell’apparato). La gestione manuale delle due bande, inoltre, potrebbe non essere la scelta migliore in alcuni ambienti o se non è particolarmente avvezzi agli “smanettamenti”.

Velocità minima garantita

La velocità minima dichiarata dall’operatore nella documentazione ufficiale dell’offerta Iliadbox prevede due livelli di performance a seconda della tecnologia di connessione:

  • FTTH-GPON a 1 Gbps: 100 Mbps in download e 31 Mbps in upload;
  • FTTH-EPON a 5 Gbps complessivi: 300 Mbps in download e 28 Mbps in upload.

App Iliadbox: prime impressioni

L’applicazione Iliadbox, scaricabile gratuitamente dall’app store di iOS e dal Play Store di Android, è essenziale e facile da configurare. Al primo avvio verrà richiesto di associare il modem (da confermare poi sul mini display del modem stesso) e di impostare una password.

  • La tab Home dell’app mostra i dispositivi associati, lo stato di connessione, la velocità di trasmissione dati e la possibilità di condividere la password del Wifi via app terze o QRCode.
  • Sulla tab Dispositivi, invece, vengono visualizzati tutti i devices collegati al modem, i dati trasmessi in tempo reale e un elenco dei dispositivi connessi di recente.
  • Sulla tab Profili è possibile creare dei profili per impostare delle pause pianificate solo per dispositivi specifici;
  • Su Rete si possono gestire vari aspetti della rete internet Wireless, dalla separazione o unione delle due bande citata in precedenza, all’impostazione di restrizioni o blocchi per evitare la connessione di dispositivi “indesiderati”, fino alla diagnostica e alla modifica dei parametri principali (l’SSID di rete, la password e il protocollo di sicurezza del Wifi).
  • La sezione Altro dell’app Iliadbox raccoglie informazioni di carattere generale, come la versione dell’app, le librerie utilizzate, le info legali, etc….

Test Fibra Iliad: conviene attivarla?

Insomma, il primo impatto con il servizio e i primi test di velocità della fibra ottica Iliad ci hanno convinto: le prestazioni sono in linea con i principali provider concorrenti e, grazie alla FTTH-EPON disponibile in molte aree d’Italia, i 5 Gbps complessivi forniti dalla Iliadbox potrebbero essere comodi, soprattutto per chi usa cavo e Wifi in contemporanea su più dispositivi.

Il modem Iliadbox ha delle buone prestazioni ma, come abbiamo segnalato prima, ha ancora qualche difetto di gioventù. L’assenza del Wifi 6 in alcuni casi si fa sentire e il confronto con altri apparati di ultima generazione della concorrenza (ad esempio il Fastweb NeXXt e il TIM Hub+) ne evidenzia ancora di più la troppa “essenzialità”. Tuttavia questo aspetto potrebbe non essere uno svantaggio, soprattutto per gli utenti base e meno “smanettoni”.

Stesso discorso per l’app, essenziale, facile da usare, ma senza troppe opzioni “avanzate”: manca, ad esempio, la possibilità di impostare i dispositivi per priorità o personalizzare la velocità di banda in base alla distanza o alla tipologia di utilizzo (funzionalità disponibili con altri provider).

Ovviamente la qualità dell’esperienza dipenderà da vari fattori, ad esempio il tipo di copertura, le caratteristiche e le dimensioni dell’abitazione, i dispositivi che state utilizzando per connettervi o la modalità di collegamento (cavo o Wifi).

Volete sapere se Iliad fa al caso vostro e quali sono le altre migliori offerte Internet casa disponibili nella vostra zona? Scrivete a info@comparasemplice.it oppure aprite una live chat sul nostro sito per avere subito la consulenza di un esperto, senza costi e senza impegni d’acquisto.

Compila il modulo!

Sarai contattato gratuitamente da un nostro operatore per una consulenza sulle migliori offerte

  • Servizio Gratuito Nessuna commissione
  • Nessun obbligo Nessun impegno
  • Le migliori offerte Prezzi bassi

Richiedi Proseguendo si accettano i Termini e le Condizioni del servizio

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.