Andamento mercato telefonia e Internet: gross adds luglio 2018

Andamento mercato telefonia e Internet: gross adds luglio 2018
4.2 (84%) 5 votes
di | 03-08-2018 | Internet ADSL e Fibra, News e Varie

Sommario

Luglio 2018: panoramica del mercato Internet e telefonia

La crescente domanda di contenuti video fruiti online su rete fissa (come evidenziato dalla relazione annuale AgCom) è il grande volano che orienta le scelte dei consumatori. Da lì nascono le esigenze di connessioni Internet ultrabroadband e l’incremento dell’investimento degli operatori in infrastrutture per la rete fissa (+1,6% nel 2018). Una boccata d’aria per un mercato, come quello di Internet e telefonia fissa, che da tempo stava subendo lo scacco dei più agili (e meno vincolanti) servizi di telefonia mobile. L’assottigliamento dei margini di guadagno soprattutto sul mobile, con l’entrata in campo di Iliad, ma anche sul fisso a causa della campagna di normazione di AgCom ben accolta dai consumatori, richiede agli operatori di puntare tutto sulle economie di scala e sull’investimento in nuove e competitive reti (5G), anche per rimettere in gioco lo status quo del mercato.

A luglio 2018 il trend del settore Internet e Telefonia non ha riservato grandi sorprese, se non per i volumi sostenuti e in contro-tendenza rispetto alla stagionalità. Secondo i dati raccolti da ComparaSemplice.it (acquisizioni lorde), continuano a spartirsi le maggiori quote di mercato gli operatori storici come Tim, Vodafone, Fastweb, Wind e Tiscali. Vediamo, nello specifico, cosa hanno preferito i consumatori.

Il mese precedente

Il mercato Telefonia e Internet a giugno 2018 ha visto TIM guidare la classifica degli operatori preferiti dai consumatori per la linea fissa con il 33,41% delle quote di mercato. Vodafone era al secondo posto con il 29,19% delle preferenze, Fastweb si trovava al terzo posto (27,23%). Wind ha conquistato il 9,20% delle scelte dei consumatori che, a giugno, avevano scelto di cambiare operatore. Tiscali si muoveva sotto il punto percentuale delle preferenze, con lo 0,97%.

Telefonia fissa e Internet: gli operatori preferiti dai consumatori a luglio 2018 (gross adds)

Nel mese di luglio 2018, secondo i dati delle acquisizioni lorde raccolti da ComparaSemplice.it TIM è ancora in prima posizione, guadagnando circa due punti percentuali rispetto al mese precedente, arrivando a quota 35,3%. Vodafone ne guadagna circa tre (32,2%), proseguendo un testa-a-testa con l’ex monopolista. I due operatori hanno incrementato le loro quote a danno di Fastweb, che ne ha perso 5,63 punti percentuali rispetto a giugno, arrivando a quota 21,7%.

I Brand della famiglia Infostrada si attestano sul 9,7%, senza spostarsi troppo dalla posizione di mercato di un anno fa. Tiscali (1,1%) combatte per mantenere una quota dignitosa ma, anno su anno, ha perso circa 7 punti percentuali.

Quote mercato nuovi clienti luglio 2018

Migrazioni verso altro operatore

I consumatori che hanno scelto di cambiare gestore, a quale nuovo operatore si sono affidati? Un’analisi del mercato Internet e Telefonia fissa che ci permette di capire quali sono state le strategie vincenti dei singoli provider.

Chi ha abbandonato TIM, ha scelto prevalentemente Vodafone, confermando che il driver della mobilità dei consumatori è la performance della linea. La connessione di questo provider, anche secondo l’ultima classifica Netflix, offre le migliori performance.

Anche chi esce da Vodafone sembra avere le idee ben chiare: TIM è l’alternativa.

Coerentemente con la classifica generale, Tiscali risulta il provider meno scelto dai consumatori che vogliono cambiare operatore Internet e telefono per la linea fissa.

L’analisi

A luglio, TIM ha spinto sulle offerte in fibra ottica con una scontistica della durata di un anno, primi due mesi abbonati e modem in comodato d’uso gratuito. Con la tariffa aggressiva di 16,90€/mese di canone per il primo anno ha potuto presentare le proprie offerte (TIM Connect) tra le più economiche del mercato. Tuttavia, i costi di attivazione passati in comunicazione con il servizio TIM Expert rimangono elevati e sorprendono negativamente il cliente in chiusura di contratto. Nonostante ciò, il brand continua a creare un’aura di affidabilità che attrae i consumatori meno proni all’esplorazione del nuovo. In più, questione pratica da non sottovalutare, TIM uno degli operatori che offre la modalità di pagamento con bollettino postale. In un Paese in cui la diffidenza verso la domiciliazione bancaria è ancora elevata, anche per colpa di rimodulazioni frequenti e poca trasparenza su costi e fatturazioni, il bollettino postale rimane ancora una condizione sine qua non per molti consumatori.

Anche Vodafone, a luglio, ha puntato sullo sconto del canone per attrarre nuovi clienti. Con 24,90€/mese (prezzo bloccato) si poteva ottenere l’Iperfibra (1 Gbps) nelle zone raggiunte. I già clienti di rete fissa, invece, hanno ricevuto l’amaro annuncio di due rimodulazioni in aumento consecutive: una proprio a luglio (2,50€/mese) e una a novembre prossimo (da 2,50 a 3,00€/mese).

Le offerte Fastweb non sono le più convenienti del mercato dal punto di vista del canone mensile. Da listino si trovano di qualche euro sopra TIM e decisamente sopra le offerte base degli altri provider. Anche con lo sconto per il primo anno (24,95€), la tariffa può attrarre chi è affascinato dalla policy di trasparenza tariffaria e assenza di vincoli che caratterizza la campagna #nientecomeprima. Anche i già clienti di Fastweb (contratto Joy) avranno sicuramente apprezzato poco l’incremento unilaterale di 4€/mese da corrispondere a partire dal 1° agosto. E luglio era il mese utile per cambiare operatore senza doversi preoccupare di penali.

Wind, con Fibra1000 Unlimited in promozione al prezzo fisso di 22,90€/mese attrae per quei 100 GB di traffico dati mobile che rendono questa offerta convergente e per la formula magica: “Prezzo bloccato“. L’offerta a prezzo fisso vende maggiormente perché conquista il consumatore che, in un momento di disorientamento, cerca il miraggio di una bolletta che non subirà rimodulazioni, spesso fraintendendo la comunicazione che fa riferimento all’assenza di una scadenza del prezzo promozionale.

Il sentiment dei social, tuttavia, si concentra su bollette che incrementano notevolmente già nei mesi successivi alla chiusura del contratto, nonostante la dicitura di prezzo bloccato. Può trattarsi di un retaggio Infostrada, ma è una caratteristica che è rimasta associata ai contratti Wind per Internet e telefonia da linea fissa.

L’Ultrafibra di Tiscali è considerata da pochi un’opzione valida. Il prezzo di 24,95€/mese è alto e non aiuta nella comparazione delle tariffe anche se va tenuto conto che attivazione e modem sono gratuiti e che non sono previsti extra costi in caso di disdetta per passaggio ad altro operatore. Quello che convince ancora di meno il consumatore sono le numerose recensioni negative sul servizio clienti e sulla qualità della connessione.

Di seguito, sono state prese in considerazione le offerte più vendute del mese e le leve commerciali che le caratterizzano per comprendere l’appeal sul mercato delle singole proposte.

LeveTIMVodafoneFastwebWindTiscali
Offerta più vendutaConnectIperFibraInternetFibra1000 UnlimitedUltrafibra
Canone in offerta16,90€/mese24,90€/mese24,95€/mese22,90€/mese24,90€/mese
Canone a regime26,90€/mese29,95€/mese
Prezzo bloccatoNoNo
Traffico voceConsumo e scatto alla rispostaScatto alla rispostaNoConsumo e scatto alla rispostaIllimitato (nazionale)
Convergenza mobileNoNoNo
Attivazione283,2€GratisGratisGratisGratis
Modem incluso nel prezzoScontato in bolletta

A livello di strategia di advertising, luglio si è caratterizzato per un maggior focus sulla comunicazione delle offerte mobile per due ragioni principali: stagionalità e contrasto all’aggressione Iliad. Gli operatori hanno pressoché abbandonato la promozione delle offerte per il fisso, senza, però, rinunciare a una forte presenza del brand sui media tradizionali. Vodafone ha lanciato il tormentone (è proprio il caso di dirlo, vista la pianificazione battente in Tv) dello spot con Baby K come testimonial. TIM, da questo punto di vista, ha deciso di puntare su TIM Party per la fidelizzazione della customer base acquisita, mirando a una clientela giovane. Chiama a raccolta in video testimonial (Federica Pellegrini, i Maneskin), personaggi della scuderia TIM (attori della serie Skam Italia) e mascotte (l’implacabile Sven Otten e Angie Digitwin). Wind ha puntato ancora sul volto di Fiorello per la sua offerta mobile dedicata alla famiglia. Ancora più interessante, rispetto alla programmazione delle campagne pubblicitarie è il nuovo fronte aperto nella battaglia tra Iliad e operatori storici del mercato italiano a colpi di denuncia per comunicazioni commerciali scorrette.

Luglio si chiude con una notizia che potrebbe creare scompiglio nel mercato Internet e Telefonia: AgCom ha attuato la regolamentazione europea sul modem libero. La notizia è stata ufficializzata solo il 1° agosto. Rimane da capire come reagiranno gli operatori, quanto hanno a disposizione per riformulare le loro offerte e cosa ne sarà dei contratti già attivi.

Andamento mercato consumer telefonia e Internet: gross adds trend

Il seguente grafico mostra l’andamento del mercato telefonia e Internet fino a luglio 2018, secondo i dati raccolti da ComparaSemplice.it per avere una panoramica di medio periodo.

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Titolo Popup

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.