Cambio operatore di telefonia fissa: quanto tempo ci vuole?

Cambio operatore di telefonia fissa: quanto tempo ci vuole?
4.8 (96%) 5 votes
di | 25-10-2018 | Internet ADSL e Fibra

Quanto tempo ci vuole per cambiare operatore di telefonia fissa e Internet? Passaggio a TIM, Vodafone, Fastweb, Wind, Eolo o Tiscali: le tempistiche sono le stesse? Se non il telefono fisso, senz’altro Internet è divenuto un servizio fondamentale in casa come in ufficio. Per le chiamate ci si può affidare alla telefonia mobile, per le operazioni online più complesse lo smartphone non può (ancora) aiutarci. Quindi, anche pochi giorni di “blackout” di connessione possono risultare un problema. È importante, quindi, capire quali sono le tempistiche previste per il passaggio da un provider all’altro.

Sommario

Tempistiche cambio operatore fisso: cosa dice la norma

Nella legge n. 40/2007, all’articolo 7, comma 1, si legge:

L’utente deve poter recedere dal contratto o richiedere il trasferimento delle utenze di telecomunicazioni con un preavviso che – ove previsto ed indicato nel contratto – non può essere superiore a 30 giorni. E’ dunque legittimo richiedere contrattualmente un preavviso compreso in un arco temporale da 1 a 30 giorni.

La giurisprudenza ha desunto, da questa norma, l’obbligo per gli operatori di effettuare il passaggio dei clienti nello stesso arco di tempo massimo: 30 giorni. Nella maggior parte dei casi, però, l’attivazione di un contratto su una linea già esistente richiede circa 10 giorni. La data di passaggio effettivo dovrebbe essere “concordata tra cliente ed operatore ricevente”.

Durante tale periodo, la regolamentazione AGCOM prevede che il cliente sia tutelato nella continuità della fornitura del servizio, imponendo agli operatori l’onere di coordinare le fasi tecnico-amministrative affinché “il passaggio avvenga con il minimo disservizio per il cliente finale”.

Per chi è preoccupato di rimanere per giorni interi senza la connessione internet, è importante sapere che lo switch effettivo tra gli operatori, non dovrebbe richiedere più di qualche ora.

Passaggio a: TIM, Vodafone, Fastweb, Wind e Tiscali, le tempistiche sono per tutti le stesse?

Quando si parla di passaggio ad altro operatore, vigono le regole definite dall’AGCOM per tutti, che sia Vodafone, TIM, Fastweb, Tiscali o Wind. Quindi non sarà necessario preoccuparsi di quali siano i tempi di un cambio tra due provider o verso un provider specifico.

Ad ogni modo, per rimanere sempre aggiornati sull’andamento del passaggio, si potrà contattare il servizio clienti del nuovo operatore.

Passaggio ad altro operatore mobile: i tempi sono gli stessi?

Il cambio di operatore mobile deve rispettare tempi molto più brevi. Già in 3 giorni si dovrebbe avere attivata l’offerta del nuovo provider. Anche in questo caso, i disagi dovrebbero essere minimi, potendo contare sulla continuità dell’operatività della SIM vecchia, finché la nuova non sarà attivata.

Cosa fare quando i tempi di attivazione della nuova offerta si allungano

A differenza di quanto avviene per le prime attivazioni della linea telefonica, il passaggio tra operatori TLC non dovrebbe comportare problematiche impreviste e il cambio di fornitore dovrebbe avvenire senza che l’utente finale si accorga di nulla. Tuttavia, non è raro che insorgano questioni tecniche o amministrative che allunghino i tempi della transizione anche oltre il giorno.

Il consumatore può rivalersi sull’operatore entrante, chiedendo un risarcimento economico secondo il tariffario indennizzi definito dall’AGCOM (scopri la tabella dei rimborsi AGCOM aggiornata).

Come cambiare operatore di telefonia fissa: iter e cosa serve

Per cambiare operatore di telefonia fissa (con un passaggio da TIM, Vodafone, Fastweb, Wind o Tiscali a uno dei restanti provider presenti sul mercato), l’iter richiede poco tempo, soprattutto se si sfrutta il servizio di un comparatore online di tariffe Internet e telefono. Grazie a questo tipo di servizio, infatti, si potranno ridurre i tempi di ricerca della migliore offerta per la telefonia fissa di casa e ufficio, confrontando contemporaneamente tutte le proposte degli operatori del mercato.

Per sottoscrivere una nuova offerta di telefonia su una linea già attiva, si avrà bisogno di:

Una volta sottoscritta la nuova offerta online o al telefono, usufruendo del supporto gratuito dei consulenti di ComparaSemplice.it, la procedura di cambio operatore per la telefonia fissa è già avviata con le tempistiche di cui sopra.

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995