Che cosa è l’ADSL: cosa significa e come funziona

di | 20-11-2019 | Internet ADSL e Fibra

Nonostante la crescita costante della fibra misto rame e della fibra ottica, soprattutto in questi ultimi anni, su tutto il territorio nazionale, l’ADSL rimane ancora una delle tecnologie più presenti nelle case degli italiani e tutti i principali provider di servizi Internet riservano una o più offerte per chi non è ancora raggiunto dalla banda ultralarga. Ma che cos’è l’ADSL?

Sommario

Cos’è e come funziona l’ADSL

L’ADSL è una connessione dati in banda larga asimmetrica (la velocità di download è superiore a quella in upload) che permette di accedere ad Internet sfruttando il normale doppino telefonico, quindi la linea in rame della telefonia fissa. Grazie a questa caratteristica, quindi, non è necessario effettuare lavori particolari per portare il servizio in un’abitazione o in un ufficio già raggiunti dalla linea voce, come invece accade per le connessioni in fibra ottica.

È sufficiente avere un modem/router in casa per poter connettere il computer o qualsiasi altro dispositivo compatibile ad Internet, via cavo (con un cavo Ethernet) o sfruttando la rete Wireless. Ovviamente Wifi e ADSL non sono la stessa cosa: il segnale dati viene convertito in Wireless dal modem che si sta utilizzando (caratteristica ormai presente sulla maggior parte dei modelli in commercio o dagli apparati inclusi dall’operatore nelle offerte ADSL), così da poter collegare alla rete Internet senza fili molti più dispositivi, come gli smartphone, i tablet, le smart TV, le console da gioco, gli elettrodomestici smart, etc…

L’ADSL, quindi, fa parte delle cosiddette tecnologie XDSL, che sfruttano la trasmissione analogica dei dati in digitale attraverso la rete in rame. L’asincronia dell’ADSL è sempre stata considerata fin dagli esordi (in Italia si è diffusa a partire dal 2000) particolarmente adatta ad un’utenza Consumer: azioni come aprire le pagine Web, guardare video, ascoltare musica o scaricare file si basano soprattutto sulla banda in download. L’upload, invece, si riferisce al caricamento dei dati o all’invio degli stessi da parte dell’utente: negli ultimi anni, con il boom delle piattaforme di condivisione, dal P2P ai social, dalle chat al video sharing, anche questo valore ha assunto una sempre maggiore importanza.

Quanto è veloce l’ADSL?

Oggi tutti i principali provider offrono connessioni ADSL più moderne (ADSL2/ADSL2+) con una velocità massima in download di 20 Mega e in upload di 1 Mbps. In passato non era raro trovare soluzioni con velocità minori, a partire da 640 kbit, 2 Mega o 7 Mega. Anche oggi è possibile che le compagnie propongano tariffe dati inferiori alla 20 Mega, sia per motivi tecnici che commerciali.

Stiamo comunque parlando di velocità teoriche, che non possono essere raggiunte o mantenute costantemente nella realtà: le prestazioni di una connessione ADSL, infatti, possono degradarsi a seconda della distanza dalla centrale, a causa dello stato dei cavi e delle infrastrutture, della presenza di fonti di rumore o disturbo elettromagnetico o dall’esposizione alle intemperie.

Ecco perché le compagnie telefoniche sono tenute ad informare il cliente sulla velocità minima garantita, la banda che l’operatore garantirà in ogni caso (salvo guasti o malfunzionamenti) all’abbonato. Solitamente questo valore è più basso rispetto alla velocità teorica: qui sotto potete vedere qual è la banda minima in download dei quattro provider principali e relativa alle tariffe ADSL.

  • TIM (Telecom Italia): 7,2 Mbps;
  • Vodafone: 2,1 Mbps;
  • Wind (Infostrada): 7,2 Mbps;
  • Fastweb: 10,2 Mbps in download.

Qualora l’operatore non rispettasse la velocità minima garantita dell’ADSL, potrete richiedere un rimborso e/o di recedere il contratto senza costi o penali: a tale scopo è consigliabile utilizzare lo speed test di AGCOM, l’unico misuratore di velocità che permette di produrre una documentazione con valore legale.

Quali servizi si possono usare con l’ADSL

È chiaro che la fibra misto rame, ma soprattutto la fibra ottica, offrano molto di più in termini di prestazioni e di possibilità nell’uso dei servizi Internet. Tuttavia, pur tenendo presente la differenza tra ADSL e fibra, una buona connessione a 20 Mega permette di usare quasi tutti i servizi connessi alla rete senza grossi problemi. Proviamo a fare qualche esempio:

Streaming video

Dando un’occhiata alla guida relativa alla migliore offerta per lo streaming video è facile notare come i servizi più utilizzati, come Netflix, Amazon Prime Video, Now TV, etc.. richiedano pochi Mega al secondo (3-5 Mbps) per godere della qualità standard o in alta definizione dei contenuti. Un’ADSL, quindi, può sicuramente permettere la visione di film, serie tv e altri titoli in streaming senza problemi, anche con un’ottima qualità. Può rivelarsi insufficiente, invece, per guardare video in 4K o risoluzioni superiori.

Streaming audio

Lo streaming audio, anche in alta risoluzione, può essere utilizzato senza problemi con la linea ADSL. È possibile, quindi, usufruire facilmente di servizi come Spotify, Apple Music, Deezer, etc…, o anche ascoltare le radio in streaming.

VOIP

Le chiamate in VOIP vengono spesso incluse nelle offerte ADSL e/o fibra, sostituendo completamente il servizio voce analogico. La banda larga ADSL, inoltre, permette di usare anche i software che sfruttano l’Internet Protocol per le telefonate audio e video, come Skype o WhatsApp.

Navigazione, download e upload di file

Una buona connessione ADSL permette una navigazione fluida delle pagine Internet, anche se pesanti o ricche di contenuti multimediali. Il download di file può essere effettuato anch’esso senza troppi problemi: la banda limitata rispetto ad una fibra, ovviamente, richiederà tempi superiori, soprattutto per file di grosse dimensioni. Sull’upload, invece, la velocità è decisamente inferiore e rende difficoltoso il caricamento di video, audio o di altri contenuti di diversi MB o GB.

I limiti dell’ADSL e consigli per migliorare la banda

Oltre alle fonti di disturbo e al degrado delle prestazioni a seconda della distanza dalla centrale citati in precedenza, L’ADSL non può garantire delle ottime prestazioni se più dispositivi vengono collegati in contemporanea, ancor di più se uno o più terminali utilizza servizi particolarmente esigenti di banda (come lo streaming video o l’upload di grossi file). La saturazione della banda, quindi, potrebbe rendere più lenta la connessione e difficile la fruizione senza blocchi e interruzioni di contenuti multimediali. Nelle connessioni troppo affollate, anche la semplice apertura delle pagine Web può risultare lenta, rendendo insoddisfacente l’esperienza di utilizzo. La saturazione può essere anche un problema generale del servizio, a seconda degli orari in cui viene utilizzata la connessione (in particolare nelle fascie orarie in cui molti utenti sono connessi contemporaneamente).

Che cosa fare in questi casi? Ecco alcuni consigli per migliorare la velocità dell’ADSL:

  • riavviate computer e modem: alcuni processi in background potrebbero aver inciso negativamente sulle prestazioni;
  • connettete meno dispositivi contemporaneamente, per evitare la saturazione della banda;
  • evitate di usare streaming video, programmi di file sharing o di caricamento in cloud su più dispositivi contemporaneamente;
  • utilizzate il cavo quando possibile e confrontate le prestazioni rispetto all’uso del Wifi;
  • richiedete il supporto del servizio clienti del provider, soprattutto se non si tratta di un problema temporaneo o risolvibile con i consigli precedenti: potrebbe trattarsi di un guasto alla linea o di un malfunzionamento temporaneo del servizio.

Abbiamo visto, quindi, che cos’è l’ADSL, come funziona e cosa si può fare con questa tecnologia. Abbiamo anche parlato dei limiti di una connessione ADSL rispetto ad una fibra e di come risolvere i problemi più diffusi. Se, però, l’attuale provider non vi soddisfa, la soluzione potrebbe essere il cambio operatore: potete confrontare le offerte ADSL attualmente proposte sul mercato dalle compagnie o alternativa richiedere una consulenza senza costi o impegni d’acquisto a info@comparasemplice.it.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.