Errore di fatturazione Wind: come contestarlo

Errore di fatturazione Wind: come contestarlo
Il post ti è stato utile?
di | 17-10-2019 | Internet ADSL e Fibra, Wind

Avete un’offerta Wind “by Infostrada” attiva sul vostro numero fisso e vi siete accorti che sulla bolletta vi è stato addebitato un importo non dovuto? Pur non essendo un problema così frequente, un errore di fatturazione Wind, così come con altri provider, può accadere, magari a causa di sviste o disservizi amministrativi. Vediamo, quindi, come contestarlo e ottenere il dovuto rimborso.

Sommario

Contattare subito l’assistenza clienti Wind

Ad aiutarci nel capire che cosa fare vi sono le condizioni di contratto ufficiali dell’operatore, esattamente all’articolo 23: leggiamo, infatti, che “le richieste di rimborso o i reclami relativi alla fatturazione potranno essere inoltrate a Wind per telefono al servizio clienti, per iscritto mediante raccomandata A.R. (con avviso di ricevuta) entro 45 giorni dalla data di emissione della fattura in contestazione”.

Il primo passaggio da seguire, quindi, è il contatto tramite l’assistenza clienti Wind, attraverso il numero di gratuito 155 (o utilizzando un altro dei canali messi a disposizione dal provider, come ad esempio i messaggi privati sulle pagine social ufficiali, cosi da poter esporre il problema ed essere ricontattati nel momento migliore).

È possibile anche inviare una richiesta di rimborso tramite raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo Wind Tre SPA – Casella Postale 14155 – Ufficio postale Milano 65 – 20152 Milano. L’Unione Consumatori mette a disposizione un modulo già pronto per la domanda, da stampare, compilare e spedire. Potete scaricarlo dal link qui in basso:

Modulo Wind per errata fatturazione e richiesta rimborso

Chi è in possesso di Posta Elettronica Certificata, potrà inoltrare la documentazione richiesta all’indirizzo windtreitaliaspa@pec.windtre.it.

Quanto aspettare per le verifiche e il rimborso

Una volta ricevuta la contestazione da parte del cliente, Wind effettuerà tutte le verifiche del caso e, qualora dovesse trattarsi effettivamente di un errore di fatturazione, il rimborso verrà liquidato entro 45 giorni dalla conclusione dei controlli. Il rimborso verrà erogato sotto forma di sconto sulla prima fattura valida o tramite accredito sul metodo di pagamento utilizzato per saldare le bollette Wind.

In linea generale la procedura da seguire per un errore di fatturazione Wind è abbastanza semplice e non richiede la produzione di documenti particolari: nella maggior parte dei casi la soluzione arriverà nel giro di 2-3 di mesi.

Procedura di conciliazione: come fare

Non sempre, però, il cliente è soddisfatto dell’esito delle verifiche e vorrebbe contestare la decisione dell’operatore in merito ad un palese errore sulla bolletta: come prevede l’AGCOM, in questi casi è necessario ricorrere alla procedura di conciliazione dinanzi al Corecom competente. Il procedimento potrà avere una durata massima di 30 giorni.

La pratica potrà essere aperta seguendo le istruzioni sul sito di Wind tre, attraverso la pagina Contatti associazioni consumatori, oppure, come si legge nelle condizioni contrattuali, “dinanzi agli altri organismi ADR richiamati dalla Delibera 203/18/CONS e dinanzi alle Camere di conciliazione istituite presso le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura aderenti al protocollo d’intesa stipulato tra l’Autorità e UNIONCAMERE”.

Un importo non dovuto in bolletta, quindi, verrà rimborsato al 100% dal provider, nelle modalità e nelle condizioni previste dal contratto sottoscritto. Vi ricordiamo che, nel caso in cui non siate più soddisfatti del servizio, avete sempre la possibilità di cambiare compagnia: per trovare la tariffa migliore per le vostre esigenze potrebbe essere utile confrontare le tariffe Internet e telefono per la casa, così da risparmiare tempo e oltre 400 euro all’anno in fattura. Se preferite l’aiuto di un esperto, invece, contattateci a info@comparasemplice.it, sulla chat che trovate nel sito o chiamando il numero di telefono 02 200 11 200.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti
02 20011111

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.