Modem libero? 3 rischi del fai-da-te e come evitarli

di | 21-05-2019 | Consigli per gli acquisti, Internet ADSL e Fibra

Ormai, come saprete, il modem libero è garantito da tutti i provider italiani: grazie ad una serie di delibere dell’AGCOM, già da qualche mese gli utenti possono decidere se utilizzare un modem fornito dall’operatore (a rate, in vendita, in comodato d’uso, etc…) oppure se acquistarne uno separatamente, configurandolo con i parametri forniti dall’operatore stesso. Tuttavia bisogna prendere in considerazione anche i rischi del fai-da-te, soprattutto se non si ha molta dimestichezza con apparati di questo tipo: ecco i più frequenti.

Sommario

Acquistare un modem non compatibile

Uno dei rischi maggiori del fai-da-te per quanto riguarda il modem libero potrebbe essere l’acquisto di un prodotto non compatibile con la tecnologia utilizzata per l’utilizzo del servizio dati e/o telefono. Ad esempio, acquistare un router con il solo supporto ADSL per un’offerta in fibra ottica oppure un dispositivo che permette di connettersi correttamente alla rete Internet ma su cui non è possibile collegare il telefono per le telefonate (nel caso del servizio in VOIP). Il consiglio, quindi, è di farvi aiutare da persone esperte nell’acquisto o, perché no, di chiedere informazioni anche allo stesso provider per evitare spese inutili.

Una spesa in più

Come abbiamo visto anche in occasione del nostro articolo dedicato ai modem router migliori del 2019, il costo di questi dispositivi varia, anche sensibilmente, da modello a modello: ecco perché è importante valutare bene l’acquisto e decidere se è più conveniente comprarlo o averlo direttamente dall’operatore.

Alcune compagnie, ad esempio, offrono il modem in comodato d’uso gratuito, quindi senza costi aggiuntivi per il cliente, con il solo vincolo di restituzione in caso di disdetta o passaggio ad altra compagnia. Si tratta di una formula comoda e in un certo senso conveniente, perché non dovrete spendere per averne uno. Nel caso dell’acquisto, però, sarà possibile utilizzarlo anche passando ad un’altro operatore (ovviamente se compatibile con la tecnologia proposta dal nuovo provider). A voi la scelta, quindi, in base alle vostre preferenze e necessità.

Configurazioni, aggiornamenti e ottimizzazione non sempre facili

Prima di chiarire meglio questo punto, possiamo rassicurare gli utenti su un fatto: oggi quasi tutti i modem in commercio vi consentono di configurare i parametri necessari per navigare e/o telefonare in modo facilissimo e rapido, grazie ad un sistema guidato e automatizzato. Su certi modelli troverete addirittura le impostazioni corrette di ogni singolo provider: basterà scegliere dal menu la compagnia di riferimento ed il gioco è fatto.

Ci potrebbero, però, essere dei casi in cui la configurazione debba essere fatta manualmente o modificata in un secondo momento in caso di malfunzionamenti: questo non è un problema per gli utenti più smanettoni ed esperti, ma lo potrebbe essere per chi, invece, non conosce queste pratiche. Per non parlare degli aggiornamenti firmware, spesso necessari e utili per la stabilità, le prestazioni e la sicurezza dei dispositivi, ma che non vengono fatti regolarmente per gli stessi motivi. I modem offerti dagli operatori, al contrario, si autoconfigurano utilizzando i parametri migliori e corretti per la vostra offerta, sono ottimizzati per essere usati con quel servizio specifico e spesso autoaggiornano il firmware, evitando così l’intervento del cliente. Due soluzioni differenti, quindi, per diverse tipologie di utenza.

Insomma i rischi del fai-da-te per quanto riguarda il modem libero ci sono e nella maggior parte dei casi sono gli utenti meno “tecnici” a correrli: scegliete consapevolmente la soluzione che fa maggiormente al caso vostro e, se avete ancora qualche dubbio, chiedete l’aiuto di un esperto. Vi ricordiamo che su ComparaSemplice.it avete a disposizione un servizio di consulenza senza costi o impegni d’acquisto: contattateci scrivendoci sulla mail info@comparasemplice.it, aprendo una chat in tempo reale sul nostro sito oppure chiamandoci al numero di telefono che visualizzate in altro a destra della pagina (la linea è attiva dalle ore 9 alle 20, dal lunedì al venerdì).

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.