Nel segno di Netflix

Nel segno di Netflix
Il post ti è stato utile?
di | 18-07-2015 | Fastweb, Internet ADSL e Fibra, TIM, TV

Sarà Settembre 2015 il mese di Netflix, l’esordio italiano del colosso dei contenuti multimediali on demand, l’apparato che potrebbe davvero congiungere internet e tv in un’unione definitiva, è pronto per sbarcare in Italia con formule e tariffe che gli esperti definiscono vincenti, e soprattutto pericolosissime per tutti gli altri competitors, che non sembrano del tutto pronti ad affrontare questa novità multimediale.

Sarannno circa 8-10 euro al mese
l’importo che ci toccherà pagare se vogliamo godere di questo super servizio: vedere a tutte le ore del giorno quando ci pare e quanti contenuti vogliamo a nostra scelta fra sport, serie tv, documentari e tanto altro ancora. Parliamo della maxi offerta Netflix, rivoluzionaria azienda americana, che dopo un’ottima risposta ottenuta in Inghilterra e in Irlanda cerca di fare lo stesso in Italia. Da pochi mesi Netflix è sbarcata in Germania e Francia con un discreto successo, vedremo cosa potrà succedere da noi.

Questa è la sfida di Netflix, irrompere sul mercato con un nuovo modo di vedere la tv, ormai consolidato negli Stati Uniti, e sicuramente ancora lacunoso da noi, con operatori del settore incapaci tecnologicamente di fare la differenza e con un palinsesto contenuti ancora decisamente limitato. Con 60 milioni di abbonati nel mondo Netflix si sta espandendo in Europa dove soprattutto in Italia le analoghe offerte di tv Internet sono gravate da difetti che balzano subito agli occhi: prezzi più alti e cataloghi troppo ridotti. Netlflix è una risposta perfetta per chi desidera vedere la tv dallo stesso televisore se smart, quindi interconnesso ad internet, oppure da tablet e smartphone, insomma una vera rivoluzione multimediale o un’autentica minaccia per gli operatori del settore del nostro paese?

 

Solo TIM ha investito parecchio in questi mesi per constrastare il fenomeno Netflix, Tim Cubo Vision, che adesso si chiama Timvision, ha infatti prezzi bassi, 3 euro al mese, e anche se vanta un catalogo piuttosto limitato può sfoderare la preziosissima allenza con Sky e fare all’improvviso la differenza. Già, la differenza in un mercato che comunque è vuoto, quello nostrano, vuoto di competitor degni di nome per improntare una bella e sana battaglia all’ultimo contenuto con Netflix. Chili TV, il prodotto di Fastweb è il segno che una risposta c’è stata da parte della concorrenza, come già detto TIM ha voluto dire la sua, a differenza della RAI che come scelte dal punto di vista internet tv sembra sempre essere un passo indietro rispetto a tutti; Infinity invece la risposta di Mediaset, ma forse non basterà per constrastare Netflix, staremo a vedere.

Secondo gli esperti comunque l’avvento di Netflix farà la differenza, anche in Italia. «Contribuirà ad aumentare i ricavi Internet tv. Questi infatti aumenteranno del 50 per cento nel 2015, in Germania, secondo l’istituto Futurescope», dice Bruno Zambardino,docente di produzione e gestione dello spettacolo all’università Sapienza di Roma. «Netflix amplierà l’audience dell’Internet tv, grazie alla forza del brand e dei prezzi. Costringerà gli attori locali e le emittenti tradizionali a potenziare le proprie offerte», sottolinea Samantha Merlivat, analista di Forrester Research.

Articoli Correlati

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995