Pulsante WPS sul modem: cos’è e come funziona

di | 09-08-2022 | News Internet Casa

La maggior parte dei modem in commercio è dotata di un particolare pulsante, il WPS, un sistema di connessione che velocizza l’associazione con i dispositivi, senza bisogno di un cavo o di ricordare le credenziali di accesso alla rete Wireless. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e come funziona.

Pulsante WPS sul modem: cos’è e come funziona
Confronta

Molti modem in commercio, oltre alle varie funzionalità “base” di cui sono provvisti tali apparati, sono spesso dotati di WPS, una caratteristica non sempre conosciuta da tutti, soprattutto da coloro che non hanno molta dimestichezza con la tecnologia. Il tasto WPS lo si può trovare anche nei router forniti dagli operatori stessi, come ad esempio il modem Fastweb, il TIM Hub e la Vodafone Station. Ma che cos’è e come funziona in pratica?

Sommario

Cos’è il WPS

WPS è un acronimo che sta per Wifi Protected Setup: è uno standard che permette di collegare rapidamente un dispositivo alla rete Wifi del modem senza dover inserire la password o ricordare l’SSID di rete.

Il pulsante WPS sul modem non è un’introduzione recentissima: i primi apparati ad averlo risalgono al 2007-2008, inizialmente  funzionalità riservata ai modelli top di gamma. Dopo qualche anno il WPS è stato introdotto anche nei router più economici, permettendo una maggiore diffusione dello standard.

Come funziona il pulsante WPS

Il funzionamento è molto semplice: premendo il tasto WPS sul modem (riconoscibile subito, grazie al simbolo che rappresenta delle “freccette” che ruotano) viene aperta una comunicazione criptata di 2 minuti tra l’apparato e i dispositivi da connettere. Una luce comincerà a lampeggiare e a partire da quel momento i dispositivi potranno essere associati alla rete. Ovviamente anche i dispositivi da connettere dovranno supportare lo standard WPS:

  • fisico, quindi con un tasto WPS dedicato (ad esempio stampanti, videocamera Wifi, fax, etc…), oppure
  • software (in questo caso bisognerà attivare la funzionalità WPS all’interno delle opzioni di rete).

Attivando il WPS, quindi, si stabilirà rapidamente una connessione crittografata tra il modem e il dispositivo da collegare: non sarà necessario inserire le credenziali di accesso e tutto avverrà automaticamente.

Una volta che la procedura di associazione è conclusa, la luce lampeggiante si spegnerà.

WPS via software

Alcuni modem permettono di collegare dei dispositivi sfruttando una comunicazione WPS software: in questo caso viene solitamente generato un codice PIN composto da pochi numeri (diverso dalla password del Wifi) da inserire nel dispositivo che si vuole connettere alla rete.

Generalmente i modem che supportano questo tipo di WPS permettono l’attivazione e la generazione del codice direttamente dal menu dell’apparato. Le modalità, tuttavia, variano in base a modello e brand: è necessario leggere attentamente il manuale di istruzioni del proprio dispositivo per conoscere i passaggi corretti.

Il WPS è sicuro?

Pur prevedendo una connessione crittografata (WPA) il WPS non è considerato uno standard particolarmente sicuro, soprattutto se ci si trova in ambienti particolarmente “affollati” e dove sono presenti dispositivi non conosciuti (pensiamo a uffici, classi di studio o lavoro, etc…). Nei 2 minuti in cui viene aperta la comunicazione del WPS, infatti, non è impossibile che un malintenzionato a conoscenza dell’attivazione e nelle vicinanze del modem possa collegarsi alla rete.

Neppure il WPS attivato via software, basato su un codice PIN, è esente da minacce, seppur considerato leggermente più sicuro rispetto al collegamento con un tasto.

In linea generale possiamo dire che l’uso del WPS è abbastanza sicuro nell’uso domestico, lontano da potenziali minacce e malintenzionati che potrebbero approfittare dell’attivazione del pulsante per accedere alla connessione. Grazie a questo sistema è possibile semplificare l’associazione tra modem e i vari dispositivi da collegare ad Internet, senza dover impostare manualmente la password.

Pulsante WPS addio nei prossimi anni?

Negli ultimi tempi i produttori hanno introdotto altri sistemi di associazione tra modem e dispositivi considerati più sicuri: dai QRCode al cosiddetto Wifi Easy Connect, dal Bluetooth all’NFC. Bisogna tenere conto, inoltre, che gli smartphone iOS e le ultime versioni di Android non prevedono il supporto al WPS.

È difficile fare una previsione certa su quello che sarà il futuro del WPS, anche se le scelte delle aziende e dei colossi tecnologici ci offrono più di un indizio. Come già scritto precedentemente, le vulnerabilità ci sono, ma l’uso del pulsante WPS sul modem in un ambiente domestico e “controllato” già di base non prevede degli alti livelli di rischio.

In casi più particolari, ad esempio condomini con appartamenti particolarmente vicini, uffici affollati, locali pubblici, etc…, l’uso del WPS è da evitare, preferendo ad esso soluzioni alternative o, ancora meglio, l’associazione classica, impostando manualmente una password robusta (almeno WPA2) direttamente   sui dispositivi da collegare.

Compila il modulo!

Sarai contattato gratuitamente da un nostro operatore per una consulenza sulle migliori offerte

  • Servizio Gratuito Nessuna commissione
  • Nessun obbligo Nessun impegno
  • Le migliori offerte Prezzi bassi

Richiedi Proseguendo si accettano i Termini e le Condizioni del servizio

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.