Acquisto prima casa da costruttore: i 4 vantaggi che nessuno vi ha mai detto

Acquisto prima casa da costruttore: i 4 vantaggi che nessuno vi ha mai detto
5 (100%) 1 vote
di | 03-07-2018 | Mutui

L’acquisto prima casa è uno degli investimenti e degli impegni economici più importanti della nostra vita. Per questo motivo quando, dopo lunghe ed estenuanti riflessioni, decidiamo finalmente che è arrivato il momento di comprare casa, veniamo assaliti da dubbi interminabili. Tra questi, uno dei più difficili da risolvere, è quello relativo alla tipologia di immobile da acquistare: conviene l’acquisto prima casa da costruttore o da privato? Domanda più che lecita visto l’enorme impiego di risorse economiche che l’acquisto di un immobile richiede. Comprare casa non è qualcosa che può essere fatto con superficialità. È sin troppo facile rischiare di comprare una casa che alla fine dei conti non possiamo permetterci o di pagare una somma eccessiva di imposte. Prima di fare la nostra scelta è bene quindi valutare tutte le opzioni. Capire se è più conveniente l’acquisto prima casa da costruttore o da privato è il primo passo che vi aiuterà a prendere la giusta decisione. La guida che segue vi mostrerà i 4 vantaggi dell’acquisto prima casa da costruttore che nessuno vi ha mai detto.

Sommario

Acquisto prima casa da costruttore: IVA scontata del 50%

Il primo e forse più importante vantaggio dell’acquisto prima casa da costruttore riguarda lo sconto dell’IVA del 50%. Per capire l’importanza di questo notevole sconto fiscale voluto dalla Legge di Stabilità 2016, occorre fare una premessa. Quando decidiamo di comprare un immobile, esistono diverse imposte che l’acquirente deve pagare. L’importo di tali imposte varia a seconda della tipologia del venditore da cui si acquista. Nel caso dell’acquisto prima casa da costruttore, l’acquirente deve corrispondere al fisco il 4% dell’IVA più 600€ di imposta di registro, imposta ipotecaria e imposta catastale. Se si compra invece da un privato i costi includono 100€ di imposta ipotecaria e catastale più il 2% sul valore dell’immobile di imposta di registro mentre l’IVA non si paga. L’introduzione dello sconto fiscale sull’IVA del 50% costituisce quindi un enorme vantaggio per chi desidera acquistare la prima casa da un costruttore andando quasi ad equiparare i costi relativi alle imposte di chi acquista invece da un privato. Come si usufruisce dello sconto fiscale del 50%? Per poter beneficiare del bonus ci sono alcuni requisiti da rispettare. Prima di tutto l’immobile acquistato deve essere adibito a residenza e, infine, deve appartenere alla classe energetica A o B. Il valore pari al 50% dell’IVA verrà quindi restituito in 10 rate annuali ed è valido per gli acquisti prima casa effettuati entro il 31 dicembre 2019.

Acquisto prima casa da costruttore e il risparmio energetico

Un altro significativo vantaggio dell’acquisto prima casa da costruttore riguarda il risparmio energetico. Come molti di voi già sapranno, nel 2007 il Consiglio Europeo ha lanciato la strategia “20-20-20” volta a promuovere in tutti i paesi della Comunità politiche di efficienza energetica. Gli obiettivi del piano “20-20-20” sono la riduzione del 20% delle emissioni gas ad effetto serra; la diminuzione dei consumi energetici del 20% grazie a leggi che incoraggino l’efficienza energetica; l’aumento del 20% del fabbisogno energetico europeo proveniente da fonti di energia rinnovabile. La strategia, documentata dalla Direttiva 2009/28/CE, è stata recepita dall’Italia con diverse leggi ed emendamenti che promuovono il risparmio e l’efficienza energetici anche in merito alla costruzione di nuovi edifici o alla ristrutturazione di quelli già esistenti. In particolare ricordiamo il Decreto Legislativo 28/2011 il quale obbliga le aziende costruttrici a installare impianti alimentati da fonti di energia rinnovabile negli edifici di nuova costruzione. L’art. 11 del Decreto recita:”I progetti di edifici di nuova costruzione ed i progetti di ristrutturazioni rilevanti degli edifici esistenti prevedono l’utilizzo di fonti rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento. […]”. Mentre l’art. 4 della stessa legge conferma: “Gli impianti alimentati da fonti rinnovabili […] accedono agli incentivi statali previsti per la promozione delle fonti rinnovabili, limitatamente alla quota eccedente quella necessaria per il rispetto dei medesimi obblighi. Per i medesimi impianti resta ferma la possibilità di accesso a fondi di garanzia e di rotazione.

Obbligo della polizza decennale postuma da parte del costruttore

Un altro dei vantaggi dell’acquisto prima casa da costruttore è la copertura assicurativa sui danni derivanti dalla rovina dell’edificio e su quelli causati da eventuali difetti nella costruzione dell’immobile. Si tratta di un beneficio molto importante che garantisce, a chi acquista la casa, di non ritrovarsi a dover affrontare ulteriori costi in caso di guasti dovuti ad altri. Questo tipo di assicurazione si chiama Polizza decennale postuma, è obbligatoria per legge e, come dice il nome stesso, garantisce una copertura economica sui danni per 10 anni. La normativa di riferimento è il Decreto legislativo 20 giugno 2005 n. 122 il cui art. 4 recita: “Il costruttore e’ obbligato a contrarre ed a consegnare all’acquirente all’atto del trasferimento della proprietà una polizza assicurativa indennitaria decennale a beneficio dell’acquirente e con effetto dalla data di ultimazione dei lavori a copertura dei danni materiali e diretti all’immobile, compresi i danni ai terzi, cui sia tenuto ai sensi dell’articolo 1669 del codice civile, derivanti da rovina totale o parziale oppure da gravi difetti costruttivi delle opere, per vizio del suolo o per difetto della costruzione, e comunque manifestatisi successivamente alla stipula del contratto definitivo di compravendita o di assegnazione.”

Mutui agevolati per acquisto prima casa

Arriviamo dunque al quarto e ultimo vantaggio dell’acquisto prima casa: i mutui agevolati. Anche nel 2018 resta attivo il Fondo di Garanzia Prima Casa, l’istituto voluto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per aiutare i cittadini che non hanno la possibilità di accedere al credito, ad acquistare l’abitazione principale. Il Fondo rilascia una garanzia che copre fino al 50% dell’importo da finanziare per mutui ipotecari non superiori a 250.000 euro. Al Fondo di Garanzia Prima Casa possono accedere le coppie costituite da almeno due anni e formate da persone dove almeno una delle due non abbia superato i 35 anni; le famiglie mono-genitoriali con almeno un figlio convivente minorenne; coloro che hanno un contratto di lavoro atipico; chi vive in affitto in alloggi di proprietà degli Istituti autonomi per le case popolari. Il Fondo garantisce sia chi vuole acquistare la prima casa sia chi vuole ristrutturare la propria abitazione con interventi volti a migliorare l’efficienza energetica dell’immobile. La casa oggetto della garanzia non deve appartenere a una categoria di lusso e il cittadino che richiede la garanzia non deve risultare proprietario di altri immobili.

0321.085995