Rate del mutuo ipotecario non pagate: quali sono le conseguenze?

Rate del mutuo ipotecario non pagate: quali sono le conseguenze?
5 (100%) 1 vote
di | 25-09-2019 | Mutui

Il mutuo è un impegno a lunga scadenza. Le disponibilità economiche di chi lo richiede possono variare nel tempo e può accadere che diventi difficile rimborsare le rate del mutuo.  Quali sono le conseguenze qualora non si riesca a ripagare il mutuo ipotecario? Vediamo cosa succede e come è possibile rimediare.

Sommario

Conseguenze del mancato rimborso del mutuo: i passaggi

Solitamente, i problemi seri a seguito del mancato pagamento delle rate del mutuo non arrivano subito. La banca può procedere con alcuni solleciti bonari prima di avviare una vera e propria azione esecutiva, con il pignoramento dell’immobile o, nel caso specifico del mutuo ipotecario, la rivalsa sull’immobile ipotecato, per venderlo e recuperare la somma finanziata con il mutuo.

Contestualmente, la banca potrà effettuare le segnalazioni al Crif (sistema centralizzato d’informazione sul credito) e alla Centrale Rischi di Banca d’Italia (nel caso in cui la situazione non fosse meramente contingente). Tali segnalazioni portano all’impossibilità di accedere a qualsiasi forma ufficiale di credito, rendendo praticamente impossibile recuperare la già grave situazione finanziaria.

È bene, dunque, sapere fin da subito cosa è possibile fare nel caso in cui si riscontri difficoltà nel rimborsare le rate del mutuo.

Trascorso il periodo di 12 mesi, inoltre, la situazione peggiora, dato che gli interessi non corrisposti potrebbero iniziare a generare a loro volta interessi (interessi moratori), incrementando esponenzialmente il debito da rimborsare.

Ci si può opporre al pignoramento dell’immobile?

A partire dalla comunicazione del pignoramento, il debitore in mora ha 40 giorni di tempo per opporsi al decreto ingiuntivo (ex art. 645 c.p.c.). L’atto va impugnato con atto di citazione dinnanzi all’ufficio giudiziario che ha emesso il decreto. Nell’atto vanno indicate le motivazioni per le quali l’ingiunto sostiene che il debito su cui si basa la richiesta di pignoramento non sia giustificato o non sussista.

L’ipoteca sull’immobile

Il mutuo ipotecario per l’acquisto di un immobile prevede una garanzia ipotecaria che dà la possibilità alla banca di rivalersi direttamente sull’immobile in via privilegiata, senza passare per l’ufficio giudiziario. A seguito della vendita dell’immobile, il mutuante potrà recuperare le somme finanziate residue, gli interessi moratori e le spese sostenute.

Mutuo a rischio: cosa fare subito per evitare le conseguenze

Le mutate condizioni economiche devono subito far scattare l’allarme per correre ai ripari e salvaguardare l’immobile oggetto del mutuo (soprattutto quando si tratta di prima casa) e la situazione creditizia personale. Quali sono le soluzioni a disposizione?

  • Surroga o rinegoziazione mutuo: qualora il problema riguardi il peso della singola rata di rimborso troppo elevata e fuori mercato, si può provare ad abbassarla chiedendo alla stessa banca di rinegoziare il finanziamento sulla base delle mutate condizioni del mercato o si può trovare un mutuo più conveniente presso altri istituti di credito.
  • Sospensione del mutuo: se la difficoltà nel rimborsare le rate è dovuta a una momentanea difficoltà economica, si può richiedere la sospensione del rimborso del mutuo.
  • Saldo e stralcio: con l’aiuto di un legale è possibile trovare un compromesso con la banca e chiudere il mutuo pagando in un’unica soluzione una porzione del debito residuo.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.