I requisiti necessari per ottenere il mutuo per l’acquisto della prima casa

di | 29-07-2019 | Mutui

Ogni banca richiede il possesso di requisiti minimi per concedere il mutuo prima casa. Si tratta di elementi che favoriscono la capacità di solvibilità del richiedente, mettendo al riparo l’istituto di credito da eventuali truffe o dal rischio di default del cliente anche nel lungo periodo. Tali requisiti rappresentano i parametri di valutazione che vengono presi in considerazione già in fase di colloquio con il consulente e poi, più approfonditamente, in fase d’istruttoria.

Per prepararsi alla richiesta di un mutuo prima casa, dunque, ci si dovrà accertare di avere tutte le carte in regola, per evitare di vedersi rigettata la domanda di mutuo.

Sommario

Requisiti per la concessione del mutuo prima casa: situazione anagrafica

La concessione di un prestito ipotecario è subordinata ad alcuni aspetti attinenti la sfera anagrafica del richiedente. Nello specifico, si richiede uno dei seguenti requisiti legali:

  • cittadino italiano residente in Italia;
  • cittadino membro dell’UE;
  • cittadino extra UE residente in Italia.

Inoltre, per stipulare il contratto, il richiedente dovrà avere un’età minima di 18 anni. L’età massima, invece, non rientra nei requisiti fondamentali per la concessione del mutuo per la prima casa. Tuttavia, ai richiedenti più in là con l’età, verrà proposto un piano di ammortamento molto più breve.

Documenti da presentare a prova di possesso dei requisiti anagrafici:

Per provare la soddisfazione dei requisiti anagrafici e legali, i richiedenti (e gli eventuali garanti) dovranno presentare i seguenti documenti:

  • documento d’identità;
  • codice fiscale;
  • certificato di residenza
  • certificato di stato di famiglia;
  • (eventuale) sentenza di divorzio o separazione del richiedente;
  • (eventuale) permesso di soggiorno.

Requisiti per la concessione del mutuo prima casa: il reddito

La banca, con l’istruttoria, vuole accertarsi che il richiedente possa sostenere il piano di rimborso del mutuo prima casa. Per questo, il richiedente deve dimostrare di avere tutti i requisiti economici per affrontare le rate del mutuo nel breve e nel lungo periodo.

La prima verifica che viene effettuata è quella delle entrate familiari. Il richiedente deve dimostrare di poter contare su entrate costanti e certe. Il requisito necessario, poi, è che il reddito complessivo netto sia almeno tre volte la rata del mutuo. Nel reddito netto viene tenuto conto anche di eventuali ulteriori finanziamenti in corso.

Per dimostrare il possesso di tale requisito, si dovrà produrre una serie di documenti che possono variare da banca a banca. Di seguito riportiamo una lista orientativa delle informazioni necessarie per l’istrutturia.

Documenti da presentare a prova di possesso dei requisiti di reddito:

A seconda che il richiedente il mutuo prima casa sia un lavoratore dipendente, autonomo o libero professionista, la lista dei documenti richiesti per la fase d’istruttoria varia. Ecco l’elenco orientativo di ciò che dovrete presentare alla banca:

Lavoratore dipendente:

  • ultimo CUD (o dichiarazione del datore di lavoro che attesti data di assunzione);
  • ultime tre buste paga.

Lavoratore autonomo o libero professionista:

  • copia della dichiarazione dei redditi;
  • estratto della Camera di Commercio Industria e Artigianato;
  • se professionista, attestato di iscrizione all’Albo di appartenenza.

Calcolo della rata del mutuo

Prima di richiedere il mutuo alla banca, può tornare utile calcolare la rata che è possibile affrontare con il reddito a disposizione. Qui sotto, forniamo uno strumento con il quale ottenere preventivi reali delle migliori banche italiane, partendo dal reddito mensile, dal valore dell’immobile e dalla somma che si intende richiedere come mutuo prima casa.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.