Connessione Internet: l’AGCOM richiede l’accesso universale

Connessione Internet: l’AGCOM richiede l’accesso universale
Il post ti è stato utile?
di | 26-04-2016 | Internet ADSL e Fibra, Leggi Norme Regole, News e Varie, Telecom

Grandi novità in materia di connessione internet! L’AGCOM ha richiesto l‘accesso universale a internet. Non capite di cosa stiamo parlando? Leggete con attenzione quanto segue e capirete di quale grande passo in avanti stiamo parlando.

connessione internet universale

CONNESSIONE INTERNET: UN DIRITTO PER TUTTI

A partire dagli ultimi due decenni avere l’accesso a una connessione internet è diventato un bisogno fondamentale. Senza una connessione ADSL siamo tagliati fuori dal mondo, non solo per quanto riguarda le nostre relazioni sociali. Il non avere accesso alla connessione internet preclude il godimento di una serie di servizi che sono ritenuti essenziali: cure mediche, contatti con la pubblica amministrazione e informazioni di pubblica sicurezza.

Per queste ragioni il garante delle comunicazioni (AGCOM) ha preso due importanti decisioni in materia di servizio universale nel settore delle comunicazioni elettroniche. Tutto ciò è avvenuto in ottemperanza alle norme europee che disciplinano il settore.

ACCESSO UNIVERSALE A INTERNET: PERCHÈ?

La ragione di fondo di questa scelta (in liguaggio giuridico la ratio) è che l’accesso universale a internet ha la funzione di una rete sociale. Di conseguenza l’accesso universale alla connessione internet deve essere garantito a tutti i cittadini presenti sul territorio nazionale, senza discriminazioni. Ciò significa che tutti gli utenti finali devono avere accesso sia dalla propria abitazione e sia su tutto il territorio nazionale alle comunicazioni vocali e alla trasmissione dei dati.

ACCESSO UNIVERSALE A INTERNET: LE MODIFICHE ALLA LEGGE VIGENTE

Fino al 2009 la normativa europea si riferiva alle comunicazioni in banda stretta, escludendo quindi i servizi ADSL. Dal 2009 in poi invece la legge consente ai singoli stati membri di definire la velocità di trasmissione dati e quindi di includere in tale normativa anche i servizi ADSL.

La normativa italiana sull’accesso alla connessione internet non specifica quale tecnologia utilizzare ma obbliga Telecom a fornire i servizi di base a tutta Italia.

ACCESSO UNIVERSALE A INTERNET: IL RUOLO DEL GARANTE DELLE TELECOMUNICAZIONI

L’AGCOM si fa quindi portatore di questo diritto e controlla affinché in tutto il territorio nazionale sia garantito l’accesso universale alla connessione internet. L’obiettivo è quello di eliminare quelle distorsioni che derivano dalla concorrenza del libero mercato, ovvero che certi luoghi non abbiamo accesso alla banda larga in quanto non concorrenziali o che alcune fasce sociali ne siano private per ragioni di reddito.

In questi casi l’AGCOM può attuare una serie di misure che correggano le distorsioni del mercato. Per queste ragioni il garante delle telecomunicazioni si sta muovendo in due direzioni, ovvero cercando di migliorare l’inclusione sociale dell’accesso alla connessione internet e ai servizi di base e, contemporaneamente, cercando di migliorare la qualità dei servizi offerti.

Se anche voi siete tra coloro che non hanno accesso a internet attraverso la linea ADSL, oppure alla fibra ottica, potete sempre ricorrere ad una connessione WiMAX: per conoscere tutte le tariffe cliccate sul pulsante qui in basso e scegliete l’offerta che soddisfa al meglio le vostre esigenze.

Le migliori tariffe WiMAX sul mercato

Articoli Correlati

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV