Aston Martin Vantage: V8 da 510 CV di derivazione Mercedes-Benz

Aston Martin Vantage: V8 da 510 CV di derivazione Mercedes-Benz
4.5 (90%) 2 votes
di | 29-11-2017 | Auto, News e Varie

Aston Martin, un nome, un programma. Sportività, ma anche e soprattutto quella “gentilezza” che solo gli inglesi sanno offrire, fatta di comfort e “coccole” per guidatore e passeggeri. Una doppia anima per questa nuova belva, denominata Aston Martin Vantage, sportiva e lussosa, rispettivamente Lime Essence (colorazione aggressivissima!) e grigia (classica ed elegante) per le due colorazioni offerte. Le sue carte? L’asso è sicuramente il propulsore, un V8 biturbo benzina da “sparo”: 510 CV di pura libidine! Naturalmente l’auto sarà disponibile a noleggio a lungo termine.

Aston Martin Vantage: design aggressivo

Come dicevamo sopra, la Aston Martin Vantage è, e vuole essere a tutti gli effetti, una coupé “racing”. Le due colorazioni sopraccitate offerte la rendono un po’ Dottor Jekyll e Mister Hyde infatti. In ogni caso, rispetto ai precedenti modelli, non possiamo evitare di notare le linee più moderne ed innovative. L’anteriore catalizza lo sguardo, con quel gigantesco bocchettone che offre “aria” al propulsore. Nulla di innovativo dai fanali, mentre il cofano, bombato, va ad allargarsi fino ai confini del parabrezza. Nella vista laterale si nota una certa ricercatezza, bicolore, sua per la scocca inferiore che per gli specchi retrovisori. Ricercatissimo il posteriore, dotato di una sottile linea di led per le luci, gli scarichi “affogati” nella carrozzeria ed il diffusore in tinta.

Aston Martin Vantage: il cuore è tedesco

I tecnici Aston Martin hanno optato per una motorizzazione decisamente “forte”. Sotto il cofano, l’inglese “parla” tedesco, visto che il V8 biturbo è un quattro cilindri Mercedes-Benz by AMG. I dati della scheda tecnica parlano della bellezza di 510 CV e ben 685 Nm di coppia (disponibile in un range che va da 2.000 a 5.000 giri/min.). La trasmissione, automatica, è la ZF ad 8 rapporti e non manca un differenziale elettronico, montato per la prima volta su una inglese del marchio. Gli ingegneri assicurano che il sound (fino ad oggi la “voce” era da propulsore aspirato) “classico” delle auto di Gaydon, è stato ricercato e studiato ad hoc.

Citiamo poi tra le novità, il Dynamic Torque Vectoring, un differenziale che donerà una guida più sportiva rispetto a prima. Ma parliamo ancora di prestazioni pure: 314 Km/h di velocità massima e scatto nello 0/100 Km/h di solo 3,6 secondi. Dati da vera sportiva, merito anche di un peso a secco contenuto in 1.530 Kg, quasi 100 in meno rispetto alle precedenti auto. Il telaio, deriva dalla DB11, ma la Vantage è più corta, visto che misura 4,46 metri (28,4 mm in meno).

Aston Martin Vantage: comfort superior

Chi compra una Aston Martin, come detto in apertura, non cerca solo prestazioni, ma anche comfort, ed infatti su questa Vantage non mancano accorgimenti atti a “coccolare” chi si siederà nell’abitacolo. Nei circa 130.000 euro, sono infatti compresi non solo un bagagliaio da 350 litri, ma anche i sedili sportivi in pelle. Se gli optional parlano di telecamera di parcheggio a 360°, Cruise Control, Blind Spot e cerchi in lega forgiati, di serie abbiamo il volante a corona piatta nella parte inferiore, il monitor per l’infotainment per tenere tutto sotto controllo, i pulsanti per gestire controllo di trazione e le palette al volante per cambiare rapporto. Il prezzo per l’Italia non è ancora ufficiale, ma le mani, già “prudono”.

Articoli Correlati

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV