La BBC e i fasti di un tempo

La BBC e i fasti di un tempo
Il post ti è stato utile?
di | 07-08-2015 | News e Varie, TV

La BBC, sinonimo di professionalità e di pluralità di opinioni entra in un momento difficile della sua storia illustrissima, un 2015 davvero complicato per la regina delle tv, per il tabloid che ha saputo rivoluzionare il mondo delle comunicazioni all’inizio del XX secolo; una delle tradizioni più prestigiose del Regno Unito sembra essere piombata per la prima volta in una crisi che la vede immersa in una palude, un affanno quello della BBC che fa riflettere e non poco gli osservatori del mercato dei media.

La BBC è più di una tv, forte di 9 canali, diverse stazioni radio e un assetto internet per nulla da sottovalutare (soprattutto in termini di costi di manutenzione!) è il colosso che in “Terra d’Albione” informa, fa divertire, discutere e quant’altro i sudditi della regina, e lo fa da quasi 100 anni! Quest’anno, complice la crisi di un certo tipo di meccansimo mediatico che la BBC incarna, dunque un colosso potentissimo all’epoca dell’analogico che ha dovuto digitalizzarsi con diverse difficoltà, complice tutta un’altra serie di fattori, la perdita registrata è di 650 milioni di sterline!

Le colpe e la cause. Un canone alto secondo l’opinione pubblica, ben 145 sterline l’anno e una serie di programmi secondo molti a dir poco inutili poichè sovrapposti, per non parlare di star ultra pagate e non toppo amate in fin dei conti dagli spettatori veri e propri. Da non sottovalutare anche un altro fattore, la tv on demand, lo streaming online è un settore in cui players come Google, Netlflix e altri sembrano essere troppo avanti per poter essere solo sfiorati dalla BBC.

Molti gli appelli, diverse le richieste da molte parti del Regno Unito di “fare qualcosa”, in tanti hanno chiesto a Cameron delle risposte in merito a questo vento di crisi. Il governo ha subito fatto sentire la sua presenza rendendo gratuito l’utilizzo dei canali BBC a tutta quella fetta di popolazione over 75.

La concorrenza. I competitor da sempre sono sempre stati l’incubo della BBC, e per i privati viceversa. L’acerrima rivalità con Sky nel Regno Unito si sta però per la prima volta risolvendo a favore di quest’ultima, a causa di una lentezza da parte del colosso di stato ad avvertire alcune fasi del cambiamento del mercato dei contenuti multimediali. Se Murdoch ha sempre lamentato la non leale concorrenza di una tv di stato pronta a copiare format e a ricevere sovvenzioni governative adesso nella palude sembra proprio essere cascata la tv dei ‘lefties’ con idee scarne, format mai troppo originali e una patina “beige” cosparsa su tutto il palinsesto tv. Dio salvi la BBC.

0321.085995