Bonus sociale telefono e Internet 2018: requisiti e domanda

Bonus sociale telefono e Internet 2018: requisiti e domanda
4.8 (95%) 4 votes
di | 19-06-2018 | Come risparmiare, Internet ADSL e Fibra, Leggi Norme Regole, News e Varie

Anche chi si trova in difficoltà economiche, oggi, non può rinunciare a un servizio fondamentale come quello della telefonia fissa, né a un servizio sempre più importante (anche per l’inclusione sociale) come la connessione alla rete Internet. Per questo, esistono agevolazioni economiche che permettono un accesso pressoché universale ai servizi di telecomunicazione, dedicati a coloro che non raggiungono una soglia minima di benessere economico.

Grazie all’innalzamento di questa soglia nel 2018 e all’eliminazione di alcune limitazioni, l’AgCom offre la possibilità di accesso al cosiddetto bonus sociale per il telefono e Internet a 2,6 milioni di nuclei familiari.

Sommario

In cosa consiste l’agevolazione

Se è la prima volta che si sente parlare del bonus per il telefono e Internet, è importante, prima di ogni altra cosa, capire di cosa si tratta e qual è l’entità della facilitazione economica proposta.

Il perché sia necessario un intervento pubblico per aiutare i singoli e le famiglie in difficoltà economica ad accedere ai servizi di telefonia e connettività è piuttosto semplice da comprendere. Chiunque utilizzi ogni giorno il telefono e la connessione a Internet, sa quanto questi due mezzi siano importanti nella sfera sociale e in quella economica. A maggior ragione per coloro che versano in situazioni difficili dal punto di vista economico. L’accesso a Internet è divenuto una risorsa insostituibile per la ricerca di lavoro, la creazione d’impresa, le opportunità di risparmio, l’accesso a servizi di pubblica amministrazione, sanità, banking. Grazie al bonus sociale, poter accedere a queste risorse risulta meno gravoso economicamente.

  • Riduzione del 50% – Già dal 2001 era stato introdotta la riduzione al 50% del canone mensile di abbonamento al servizio telefonico per i privati che rispondono ai requisiti indicati dall’AgCom. Anche per il 2018 viene confermato tale “sconto sociale” che permette di pagare il servizio 9,50€ al mese.
  • 30 minuti di chiamate gratis (novità 2018) – Quest’anno è stata introdotta una nuova facilitazione economica che permette di usufruire di 30 minuti di chiamate, comprese nel canone mensile.
  • Accesso ai servizi Internet disgiunti (novità 2018) – Negli anni precedenti, chi avesse voluto scegliere servizi Internet non legati all’offerta sociale, avrebbe perso il diritto d’accesso alle agevolazioni. Da quest’anno, chi percepisce il bonus sociale può scegliere discrezionalmente un servizio solo dati che meglio risponda alle proprie esigenze.

Bonus sociale telefono e Internet: i requisiti aggiornati al 2018

L’eliminazione, da parte dell’AgCom, dei vincoli presenti nei precedenti anni, permetterà l’accesso al beneficio economico a molte più famiglie. In tutto, sono 2,6 milioni di nuclei familiari in tutta Italia. Inoltre, sono state facilitate le procedure di accesso, per incoraggiare le famiglie economicamente disagiate a richiedere il bonus che spetta loro.

I soggetti e i nuclei familiari che possono sottoporre la richiesta di accesso al bonus sociale per Internet e telefono rientrano nella definizione di povertà relativa dell’Istat.

  • Requisito ISEE – Il reddito certificato dall’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) del nucleo familiare deve essere inferiore a 8.112,23€.

Rispetto agli anni precedenti sono stati eliminati gli altri requisiti necessari per richiedere il bonus (presenza di anziani ultra 75enni, presenza di familiari titolari di pensioni sociali, d’invalidità o capifamiglia disoccupati).

L’operatore designato: TIM

L’ex monopolista del servizio telefonico (TIM, ex Telecom) è l’operatore designato dall’Autorità garante per la gestione dei contratti con bonus sociale. Inoltre, invita l’operatore a proporre ai consumatori che versano in situazione di povertà offerte flat, con spesa mensile fissa, tenendo conto del bonus sociale per Internet e telefono.

Come richiedere l’agevolazione economica per il telefono

La prima cosa da fare è richiedere la compilazione di un ISEE. La certificazione della situazione economica può essere rilasciata da un CAAF, dal Comune di residenza o dall’INPS (sede di competenza territoriale). Il secondo passo è la presentazione dell’ISEE a TIM. Per farlo, è necessario compilare l’apposito modulo e inviare tutta la documentazione necessaria al numero fax 800.000.314.

Riepilogando per passi, ecco cosa fare per richiedere il bonus sociale Internet e telefono nel 2018:

  1. Ottenere l’attestato ISEE del nucleo familiare: fare richiesta a CAAF, Comune di residenza o sede territoriale INPS.
  2. Compilare modulo richiesta agevolazioni economiche: scaricare il modulo dal sito TIM, richiederlo nei Negozi TIM, presso i CAAF o le sedi INPS.
  3. Allegare i documenti: fotocopia ISEE, fotocopia documento di riconoscimento valido del titolare del contratto telefonico.
  4. Inviare fax a TIM: modulo e documenti devono essere inviati al numero di fax 800.000.314.

Cosa succede dopo la richiesta del bonus sociale Internet e telefono: domande frequenti

Da quando è valido l’agevolazione? L’agevolazione economica avrà effetto dall’attivazione della linea, se si tratta di linea o di cambio operatore, o a decorrere dalla data di ricezione da parte di TIM (se già utenti).

Quanto dura? Il bonus sociale ha una validità che corrisponde alla data di scadenza dell’attestato ISEE. Va, dunque, rinnovata ogni anno. Prima della scadenza, TIM inserirà degli avvisi in bolletta, per ricordare il rinnovo della domanda. C’è un lasso di tempo di due mesi successivi alla scadenza per poter rinnovare la domanda.

Se cambiano le condizioni? Qualora vengano meno i requisiti o cambino le condizioni, il titolare della linea telefonica deve farne comunicazione a TIM tempestivamente.

0321.085995