Canone RAI: incassato finora “solo” un miliardo di euro

Canone RAI: incassato finora “solo” un miliardo di euro
Il post ti è stato utile?
di | 11-10-2016 | Canone RAI, Leggi Norme Regole, News e Varie, TV

Si ritorna a parlare di Canone RAI, abbiamo già affrontato più volte le vicende che hanno portato al pagamento del canone RAI nella bolletta della luce.
Il pagamento del canone RAI nella bolletta della luce è attivo dal 1°luglio, sono maturi, quindi, i tempi per stilare un primo bilancio.
L’introduzione del pagamento in bolletta è stata attivata con l’obiettivo di mettere un freno all’evasione del Canone RAI che, da sempre, è una delle imposte che gli italiani pagano più malvolentieri.

canone rai
Vediamo insieme se il pagamento del Canone RAI nella bolletta della luce ha avuto gli effetti desiderati per quanto riguarda la lotta all’evasione.

Canone RAI in bolletta: un’operazione riuscita?

I primi numeri parlano chiaro: il Canone continua ad essere una delle imposte più evase in Italia e gli incassi via bolletta sono stati di molto inferiori alle aspettative. In totale non si è arrivati nemmeno al miliardo di euro.
I dati pubblicati dal Ministero dell’Economia non lasciano spazio a dubbi:

  • si è registrato un aumento di circa 2 mila e 400 milioni di euro nel quale è compreso anche l’ammontare del Canone versato dai fornitori di energia elettrica pari a 1000 milioni.

Per avere, però, un quadro generale bisogna aspettare la fine di ottobre quando tutti i fornitori avranno versato nelle casse dell’erario anche la seconda rata che era stata addebitata sulle bollette di settembre.

le stime

Il pagamento del Canone RAI in bolletta, secondo le previsioni del ministero dell’Economia e i calcoli di viale Mazzini avrebbe dovuto portare a un incasso pari a 1,861 miliardi di euro, di cui 1,764 avrebbero dovuto essere girati nelle casse di Viale Mazzini.
Purtroppo, però, i conti non tornano: la prima tranche di pagamenti equivale a circa il 70% dell’importo totale, rifacendo i conti, quindi, mancano ancora 300 milioni di euro.

Se le cose non cambiano, l’introito totale del canone Rai rischia di fermarsi a 1,4 miliardi di euro, una cifra inferiore a quella degli ultimi anni e il livello più basso dal 2012.

 Cosa non ha funzionato?

Secondo la CGL, quello che non ha funzionato sono le stime fatte da Viale Mazzini e dal Governo. In particolare non si è tenuto conto delle esenzioni:

  • un numero sempre maggiore di italiani non possiede televisori: sono circa 1,2 milioni
  • gli over 65 che hanno diritto all’esenzione sono circa 300 mila

Se le stime delle esenzioni sono state fatte troppo al ribasso, bisogna ammettere che il meccanismo anti-evasione ha funzionato molto bene: le stime della Rai indicano solo l’8% di evasori mentre per le compagnie che forniscono energia elettrica dimezzano questa cifra, presentando dati intorno al 4% di evasione.

Sapete che ci sono fornitori di energia elettrica che vi rimborsano il Canone Rai? Scoprite quali utilizzando il nostro comparatore di tariffe!

Confronta le tariffe per l'energia elettrica ora!

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.