Confronto bollette luce e gas in Europa (prima metà 2018)

Confronto bollette luce e gas in Europa (prima metà 2018)
5 (100%) 2 votes
di | 30-11-2018 | Energia, Gas, News e Varie

Siete tra coloro che pensano che luce e gas costino troppo in Italia? Per capire quanta verità c’è in questo sentimento diffuso, non c’è niente di meglio di una comparazione tra le bollette dei concittadini europei. Lo spunto viene dai dati pubblicati da Eurostat relativi alla prima metà del 2018.

Un dato salta subito agli occhi: per quanto riguarda l’energia elettrica, le nostre bollette sono leggermente sopra la media. Le fatture del gas, invece, ci portano nettamente sopra la spesa media dell’eurozona. Prima di iniziare l’analisi dei dati, è importante ricordare in questa sede si analizzano solo i costi assoluti e che, per comprendere il reale impatto economico delle bollette della luce e del gas sui bilanci familiari degli europei, bisognerebbe rapportare tali valori alla capacità di spesa nei singoli Paesi.

Ecco, nel dettaglio, cosa emerge dalle rilevazioni Eurostat.

Sommario

Confronto bollette luce in Europa

Luce, bollette italiane vs. bollette europee: il confronto

Per l’elaborazione Eurostat, sono state prese in considerazione le bollette delle utenze domestiche per consumi compresi tra 2.500 kWh e i 5.000 kWh all’anno. Nella classifica, l’Italia si posiziona come 7° Paese più costoso d’Europa.

Tasse e altri prelievi

Osservando la composizione della fattura italiana per l’energia elettrica si nota una importante incidenza delle tasse e degli altri prelievi (segmento bordeaux del grafico) rispetto al prezzo della materia energia. Il peso di questa componente, da noi è del 28,45% sul valore totale della bolletta, mentre, mediamente, è del 22,50%. Nonostante ciò, tuttavia, ci sono molti Paesi europei che se la vedono peggio di noi. C’è l’esempio della Danimarca, dove i prelievi e le tasse raggiungono il 47,66% di una bolletta il cui valore totale è il più alto d’Europa. Anche in Germania questa voce di spesa risulta particolarmente elevata (38,34%), gonfiando una bolletta in cui anche il prezzo per la materia prima risulta elevato. Anche i portoghesi hanno il diritto di lamentarsi per i costi relativi alle tasse in bolletta (36,46%) rispetto al valore totale della bolletta.

Il costo della materia prima

In questi ultimi mesi, vi abbiamo parlato di aumenti del prezzo dell’energia elettrica che ha raggiunto picchi mai toccati nell’ultimo trimestre 2018. Confrontando i dati Eurostat sulla prima metà del 2018, però, possiamo notare come il prezzo della materia prima (segmento blu dell’istogramma) sia in linea con la media europea. Non sono pochi i Paesi che pagano un prezzo più alto per l’energia prelevata: Gran Bretagna, Irlanda, Spagna, Germania ma, soprattutto, il Belgio (dove si paga il prezzo più alto dell’UE).

Gas naturale, bollette italiane vs. bollette europee: il confronto

Per il confronto della spesa per la bolletta del gas naturale, i dati Eurostat presentati fanno riferimento alle utenze domestiche con consumo compreso tra 508 Smc e 5.076 Smc. Per le forniture di metano per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria di casa siamo il 5° Paese più costoso dell’UE.

Tasse e prelievi

Rispetto alla media europea, le tasse e i prelievi (segmento boderaux dell’istogramma) pesano di più sul valore complessivo della bolletta (Italia 21,43%, media UE 16,01%). Rispetto a Paesi Bassi, Danimarca e Svezia, però, questa voce di costo è senz’altro più moderata. Con l’unica eccezione della Romania, nel resto dell’Unione europea i prelievi sul gas sono poco influenti quando non inesistenti.

Il costo della materia prima

Seppur circa un punto percentuale, il costo del gas in Italia è superiore al costo medio registrato in Europa. Tuttavia, non siamo il Paese più caro dell’Unione per ciò che concerne il gas naturale. Sono numerosi i Paesi che pagano più di noi: Spagna, Irlanda, Austria, Portogallo, Repubblica Ceca e Svezia (il Paese più caro per il metano e per la bolletta del gas in generale).

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Titolo Popup

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.