Cosa fare se Green Network fallisce?

di | 03-12-2021 | Gas, Luce e Gas, News e Varie

La società Green Network in crisi: per gli utenti partite le trattative per essere acquisiti da altri fornitori

Cosa fare se Green Network fallisce?
Confronta

Sommario

Green Network in crisi: la trattativa Axpo Italia

Axpo Italia fa parte del gruppo Axpo Holding che ha sede in Svizzera. La società italiana è stata fondata nel 2000 e ha la sua sede a Genova. Sembra essere confermata l’intenzione di Axpo Italia di voler acquisire i contratti di oltre 120.000 utenze appartenenti a Green Network. Nel piano di acquisizione del fornitore in crisi, è certo anche l’ingresso del trader energetico Canarbino, intenzionato ad assicurare anche l’assunzione una parte dei dipendenti di Green Network, circa 60.
Axpo Italia non sembra, tuttavia, intenzionata ad entrare in trattativa per acquisire le utenze con i reseller di Green Network.

I reseller sono delle società che comprano energia dai grossisti, per rivenderla sul mercato con il proprio marchio e le proprie condizioni economiche.

L’accordo con Energia Pulita di Green Network

La Green Network sembra, destinata allo smembramento. La società che fornisce luce e gas a oltre 300.000 utenti italiani, invia una comunicazione in cui consiglia il passaggio al fornitore Energia Pulita, con cui ha stipulato un accordo. Quest’ultima  ha creato ad hoc un’offerta per gli ex clienti di Green Network. Di seguito un breve estratto della lettera inviata dalla società propri clienti:

“Spett.le Cliente,
in relazione alla comunicazione che riceverà da Acquirente Unico,
al fine di ridurre il periodo di permanenza delle Sue forniture nel
Servizio di Salvaguardia o di Ultima Istanza, che comporterebbe,
per motivazioni slegate dalla volontà di Green Network,
l’applicazione di corrispettivi al di sopra del prezzo di mercato,
abbiamo fortemente voluto e stipulato un accordo commerciale
con la Società di vendita Energia Pulita, primario operatore a
carattere nazionale del mercato libero dell’energia elettrica e del
gas”.

Leggendo il testo completo si specifica che, il cliente, ha la facoltà di poter individuare autonomamente un fornitore alternativo.
L’offerta dedicata da Energia Pulita, riguarderebbe poco più della metà degli utenti di Green Network, ovvero tutte le utenze che sono finite nel servizio di fornitura di ultima istanza.

La crisi energetica a livello europeo

La situazione in cui riversa la società Green Network, potrebbe essere solo la punta dell’iceberg. Anche altre società di fornitura energetica sembrano avvicinarsi pericolosamente al default finanziario. Questa crisi energetica ha determinato un vertiginoso aumento del costo stesso dell’energia.

Ma perché?

Il motivo principale è l’aumento della richiesta, su scala mondiale, del gas metano. La conseguenza diretta è una conseguente salita del prezzo dell’energia elettrica, essendo il metano, proprio una delle materie prime utilizzate per la produzione dell’elettricità.

La ripresa a pieno regime delle attività industriali post-covid, ha visto un’innalzamento improvviso del fabbisogno energetico. II produttori di energia, soprattutto gas, hanno iniziato ad orientare la propria produzione in quei paesi, come quelli sud americani e asiatici, dove il costo di gas ed elettricità è generalmente più alto rispetto al mercato europeo, aumentando i loro profitti in modo esponenziale.

I tre grandi fattori che stanno influenzando il mercato energetico europeo si possono così riassumere

  • Il gas metano sta diventando una risorsa scarsa, a causa della sua costante richiesta a livello mondiale
  • Il prezzo della luce aumenta conseguentemente, essendo il metano una materia nella produzione dell’elettricità
  • I grandi produttori internazionali stanno spostando le proprie attività in mercati più redditizi

Cosa fare se Green Network fallisce

L’utente ha la possibilità di non accettare queste condizioni. Esso ha la piena libertà di poter scegliere un altro fornitore del servizio. Il nostro primo consiglio è quello di consultare il comparatore di offerte luce e gas di ComparaSemplice.it, in cui potrai trovare le migliori offerte luce ed energia elettrica sul mercato, senza trascurare le tue reali esigenze, sia economiche che qualitative.

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.