Quando accendere il riscaldamento 2022: le date zona per zona

di | 09-09-2022 | News e Varie, Notizie Gas

Il governo ha predisposto un piano energetico, destinato a modificare almeno in parte le abitudini degli italiani nell'inverno in arrivo in modo tale da razionalizzare l'utilizzo del gas.

Quando accendere il riscaldamento 2022: le date zona per zona
Confronta

L’estate sta ormai volgendo al termine e si avvicina così il momento in cui dovremo trovare la modalità in cui rendere l’ambiente di casa e di lavoro più caldo. A differenza del passato, questo preoccupa molti a causa della crescita registrata dal prezzo del gas, lievitata notevolmente negli ultimi mesi a causa della guerra in Ucraina, indipendentemente dal fornitore a cui ci si decide di affidare. Proprio per questo il governo ha predisposto un piano ad hoc che porterà gli italiani a fare qualche rinuncia. Tra le novità previste ci sono anche date differenti su quando accendere il riscaldamento nell’inverno 2022: sarà consentito farlo più tardi e per meno ore. Inevitabilmente, però, questa decisione ha scatenato non poche polemiche.

Sommario


Quando accendere il riscaldamento 2022: il momento si avvicina

Nel momento in cui la colonnina di mercurio raggiunge livelli particolarmente bassi non si vede l’ora di arrivare tra le mura domestiche e trovare un ambiente caldo e confortevole. Tutto questo è possibile grazie al riscaldamento, che ora ognuno può regalare anche a distanza grazie all’utilizzo del termostato. Questo strumento, spesso sottovalutato, ci permette di decidere non solo gli orari in cui farlo entrare in funzione, ma anche i gradi che si desiderano raggiungere.

L’Italia è stata ormai da tempo suddivisa in zone climatiche, che prevedono date e tempi differenti per l’utilizzo, a seconda di come si pensa possano arrivare le temperature. A differenza del passato, l’incremento del prezzo del gas come conseguenza della guerra in Russia ha spinto il governo a introdurre una stretta sull’utilizzo dei termosifoni ben sapendo di come sia difficile in questo periodo racimolare la materia prima.

Non si verificano comunque grandi variazioni per quanto riguarda le zone dell’arco alpino, dove solitamente le temperature risultano essere decisamente più rigide (ad esempio Aosta, Sondrio, Bolzano, Belluno, oltre ad alcuni Comuni del Bergamasco, del Varesotto e del Bresciano, oltre che per determinate aree dell’Appennino (ad esempio l’area del reatino). Le abitudini, invece, sono destinate a cambiare soprattutto al Sud (ad esempio, Lampedusa, Linosa e Porto Empedocle in Sicilia), dove non sarà possibile tenere il riscaldamento acceso per più di cinque oree al giorno.

Il decreto firmato dal Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani non comprende invece ospedali e case di ricovero, dove è importante preservare la salute dei malati.

Quando accendere il riscaldamento 2022: il momento si avvicina

L’Italia è stata ormai da tempo suddivisa in zone climatiche, che prevedono date e tempi differenti per l’utilizzo, a seconda di come si pensa possano arrivare le temperature. A differenza del passato, l’incremento del prezzo del gas come conseguenza della guerra in Russia ha spinto il governo a introdurre una stretta sull’utilizzo dei termosifoni ben sapendo di come sia difficile in questo periodo racimolare la materia prima.

Non si verificano comunque grandi cambiamenti per quanto riguarda le zone dell’arco alpino, dove solitamente le temperature risultano essere decisamente più rigide (ad esempio Aosta, Sondrio, Bolzano, Belluno), oltre ad alcuni Comuni de, Bergamasco, del Varesotto e del Bresciano e per per determinate aree dell’Appennino (ad esempio l’area del reatino). Le abitudini, invece, sono destinate a variare soprattutto al Sud (ad esempio, Lampedusa, Linosa e Porto Empedocle in Sicilia), dove non sarà possibile tenere il riscaldamento acceso per più di cinque ore al giorno.

Il decreto firmato dal Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani non comprende invece ospedali e case di ricovero, dove è importante preservare la salute dei malati. Tra le raccomandazioni che sono state date ai cittadini c’è anche un utilizzo più oculato delle docce, affiancato dalla possibilità di sfruttare le pompe di calore, che possono tenere calda la casa senza necessariamente dover ricorrere ai caloriferi.

Accensione riscaldamento 2022: date e orari zona per zona

Il piano energetico predisposto dal governo prevede regole ben precise per l’accensione del riscaldamento nell’inverno 2022-2023. Si è deciso così di suddividere il nostro Paese in sei aree climatiche, chiamate  a rispettare date e orari sulla base di come si pensi possa essere la stagione più fredda in arrivo.

Secondo quanto riporta il Sole 24 Ore, è stata così presa in considerazione la media delle temperature giornaliere. Nella Zona A troviamo i Comuni con gradi-giorno inferiori a 600, la B quelli tra 600 e 900, la C tra 901 e 1400, la D tra 1401 e 2100, la E tra 2101 e 3000 e la F comprende i comuni con gradi-giorno superiori a 3000.

Anche il numero di gradi impostati negli ambienti sarà importante. Negli edifici adibiti ad attività industriali, artigianali e assimilabili non si dovrebbe andare oltre i 17°C (con 2: di tolleranza), mentre in tutti  gli altri edifici, comprese le abitazioni il limite sarebbe di 19°C con 2° di tolleranza. Sulla base dei riscontri effettuati da ENEA (Energia Nucleare Energie Alternative), questo tipo di programmazione dovrebbe portare a un risparmio pari complessivamente a 3 miliardi di metri cubi di gas. Questo è reso possibile dalla duplice azione, che prevede una riduzione complessiva di 15 giorni del periodo di riscaldamento che l’ora in meno di accensione e il valore massimo della temperatura prevista.

Accensione riscaldamento 2022-2023: zone e date

ZonaLimite OrarioData accensione – Spegnimento
Zona A (Lampedusa. Linosa, Porto Empedocle)5 ore giornaliereDall’8 dicembre 2022 al 7 marzo 2023
Zona B (Agrigento, Catania, Crotone, Messina, Palermo, Reggio Calabria, Siracusa, Trapani)7 ore giornaliereDall’8 dicembre 2022 al 23 marzo 2023
Zona C (Bari, Benevento, Brindisi, Cagliari, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Imperia, Latina, Lecce, Napoli, Oristano, Ragusa, Salerno, Sassari, Taranto)9 ore giornaliereDal 22 novembre 2022 al 23 marzo 2023
Zona D ((Ancona, Ascoli Piceno, Avellino, Caltanissetta, Chieti, Firenze, Foggia, Forlì’, Genova, Grosseto, Isernia, La Spezia, Livorno, Lucca, Macerata, Massa, Carrara, Matera, Nuoro, Pesaro, Pesaro, Pescara, Pisa, Pistoia, Prato, Roma, Savona, Siena, Teramo, Terni, Verona, Vibo Valentia, Viterbo)11 ore giornaliereDall’8 novembre 2022 al 7 aprile 2023
Zona E ((Alessandria, Aosta, Arezzo, Asti, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia, Campobasso, Como, Cremona, Enna, Ferrara, Cesena, Frosinone, Gorizia, L’Aquila, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Modena, Novara, Padova, Parma, Pavia, Perugia, Piacenza, Pordenone, Potenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Rovigo, Sondrio, Torino, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Venezia, Verbania, Vercelli, Vicenza)11 ore giornaliereDal 22 ottobre 2022 al 7 aprile 2023
Zona F (Belluno, Cuneo)Nessuna limitazione

 

Compila il modulo!

Sarai contattato gratuitamente da un nostro operatore per una consulenza sulle migliori offerte

  • Servizio Gratuito Nessuna commissione
  • Nessun obbligo Nessun impegno
  • Le migliori offerte Prezzi bassi

Richiedi Proseguendo si accettano i Termini e le Condizioni del servizio

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.