DAZN rimborso clienti: le scuse della piattaforma, requisiti per ricevere l’indennizzo

di | 17-08-2022 | News e Varie, Novità TV

DAZN si è detta disponibile a dare un indennizzo ai clienti che hanno avuto problemi di visione in occasione della prima giornata di Serie A 2022-2023.

DAZN rimborso clienti: le scuse della piattaforma, requisiti per ricevere l’indennizzo
Confronta

Il campionato di Serie A 2022-2023 è iniziato, ma non per tutti nel modo migliore, almeno per quanto riguarda la visione delle partite in Tv. DAZN, che trasmette anche quest’anno integralmente il torneo (sette gare a giornata sono in esclusiva) si è detta così disponibile a dare un rimborso ai suoi clienti che hanno riscontrato problemi nonostante un abbonamento regolare. Non sono mancate le scuse da parte della piattaforma, che si è detta disponibile a rimediare, ma la protesta sui social da parte degli utenti è stata comunque fortissima visto che non è la prima volta che si verifica un episodio come questo.

Sommario

DAZN rimborso clienti: inizia male il campionato per la piattaforma in streaming

DAZN si è detta disponibile a dare un rimborso ai suoi clienti che hanno riscontrato problemi di visione in occasione della prima giornata del campionato di Serie A 2022-2023. Molti utenti, infatti, non sono riusciti a vedere regolarmente alcune delle gare che eranon in programma, nonostante fossero in regola con il pagamento dell’abbonamento. Questo suona inevitabilmente come una beffa non solo per i soldi spesi, ma anche perché conferma come la piattaforma in streaming non sia riuscita a risolvere del tutto i disservizi che si erano già verificati nelle stagioni passate. E questo per tantissime persone appare inaccettabile, visto che ora il costo da sostenere è diventato più elevato (si è passati da 19,99 a 29,99 euro al mese), con tanto di limitazioni alla condivisione dell’account.

I disagi sono stati minori solo per chi è riuscito a seguire gli eventi tramite il canale messo a disposizione da Sky, che funziona quindi un modalità satellitare. Ma anche in questo caso le proteste non sono mancate, visto che per questo gli utenti devono pagare un sovrapprezzo pari a 5 euro al mese.

L’Agcom (Aurotità per le Garanzie nelle Comunicazioni) ha così deciso di intervenire nella vicenda a tutela dei cittadini, consapevole del sacrificio fatto da molti per sostenere la propria passione. L’ente attraverso il suo intervento ha così richiesto alla società di provvedere immediatamente all’erogazione degli indennizzi previsti in situazioni come questa. Sono così arrivate le scuse della piattaforma in streaming, che si è detta disponibile ai risarcimenti. Già nei prossimi giorni dovrebbero così arrivare comunicazioni in merito.

Fondamentale, secondo l’Autorità, è far sì che quanto accaduto risulti un caso isolato. Per questo AGCOM ha chiesto con urgenza chiarimenti a DAZN su quanto accaduto e su come la società sta operando per evitare il ripetersi di disservizi in occasione della prossima giornata. Agcom – prosegue la nota – si riserva, a seguito degli approfondimenti e delle proprie valutazioni di adottare ogni iniziativa che si renderà necessaria”.

Le scuse della piattaforma

In attesa di ulteriori comunicazioni, DAZN ha diffuso una nota ufficiale in cui si scusa con gli utenti che hanno riscontrato problemi di visione nell’ultimo weekend.

“DAZN è consapevole di quanto sia importante il proprio servizio per gli appassionati di sport, prendiamo questa responsabilità seriamente e ci scusiamo profondamente con tutti gli utenti che non sono riusciti ad accedere al proprio account durante il weekend. Si è verificato un evento di natura eccezionale che ha impattato alcuni utenti in diversi mercati in cui DAZN è presente – si legge – . Come soluzione temporanea, abbiamo predisposto un’alternativa per seguire le partite tramite un link che abbiamo trasmesso ai clienti. Abbiamo tecnici che stanno lavorando ininterrottamente per risolvere la situazione. Forniremo nuovamente un’alternativa per seguire gli eventi in diretta, ove necessario. In Italia, nel rispetto delle regole esistenti, provvederemo ad erogare un indennizzo a ciascun cliente interessato, che verrà corrisposto secondo modalità rese note nei prossimi giorni. È nostra responsabilità far sì che tutto funzioni. Questo l’impegno che ci prendiamo”.

Indennizzo DAZN come richiederlo: in quali casi è previsto il rimborso

Ma ci sono dei casi specifici, al di là delle intenzioni di DAZN, in cui è previsto di diritto un indennizzo per gli utenti? A chiarire ogni dubbio a riguardo è il portale Optimagazine: “Si parla di indennizzo per il pubblico se, durante la visione di un evento, vengono registrate più di 3 disconnessioni. E quanto accaduto con il primo weekend di Serie A, viste anche le lamentele apparse sui social network, supera di gran lunga questo numero.

In questo caso ci sono poi delle situazioni che aggravano ulteriormente la posizione della piattaforma in streaming, che risulta essere così quasi “obbligata” a dover risarcire i suoi utenti. Si prevede infatti un rimborso qualora l’accesso all’evento non dovesse andare a buon fine per più di cinque volte consecutive. Molti avranno fatto certamente molteplici tentativi pur di non perdersi la visione della partita della propria squadra del cuore o quella di un’avversaria, ma evidentemente senza alcun risultato. Non solo, la normativa attualmente in vigore assicura agli utenti di ricevere la restituzione di almeno parte della somma versata anche se si sono verificate meno di tre interruzioni, ma con una durata complessiva superiore ai 270 secondi rispetto all’evento.

La presa di posizione della Lega Serie A

La Lega Calcio, nella propria missiva inviata a DAZN, sottolinea che “le rassicurazioni da voi ricevute in vista dell’avvio del campionato con la vostra comunicazione del 2 agosto si sono dimostrate del tutte insufficienti e ci troviamo, ancora una volta, costretti a chiedervi conto dei gravissimi disservizi che hanno danneggiato la visione degli eventi da parte di numerosi utenti durante la prima giornata di campionato. È di tutta evidenza – prosegue la Lega nella lettera – che, quanto accaduto, riveste assoluta gravità e determina per la Lega e le società associate pregiudizio e danno irreparabile, anche sotto il profilo dell’immagine, oggettivamente lesa dalle notizie diffuse fin dalla serata di ieri dagli organi d’informazione e dai social media, trattandosi di eventi in diretta, non ripetibili, che si consumano in via definitiva al termine della gara”.

Ora che siamo alla seconda stagione (delle tre) previste dal contratto di licenza a DAZN, è inammissibile, a detta della Serie A, che continuino a verificarsi episodi simili. “Vi intimiamo, pertanto, a fornirci dettagliate spiegazioni relativamente alla natura dei disservizi occorsi, alle numeriche degli utenti impattati nonché specificarci, a stretto giro, le misure che adotterete, con effetto immediato, per risolvere i disservizi accaduti ed evitare il ripetersi di fenomeni di malfunzionamento di siffatta gravità, al fine di garantire la qualità del servizio offerto agli abbonati come tassativamente richiesta dalle obbligazioni stabilite a vostro carico dal contratto di licenza, che richiami” – conclude il comunicato.

Compila il modulo!

Sarai contattato gratuitamente da un nostro operatore per una consulenza sulle migliori offerte

  • Servizio Gratuito Nessuna commissione
  • Nessun obbligo Nessun impegno
  • Le migliori offerte Prezzi bassi

Richiedi Proseguendo si accettano i Termini e le Condizioni del servizio

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.