Istat: ad aprile l’inflazione sale del +0,4% per colpa dell’energia

Istat: ad aprile l’inflazione sale del +0,4% per colpa dell’energia
5 (100%) 2 votes
di | 15-05-2017 | News e Varie

L’Istat rivede le stime preliminari sull’indice dei prezzi al consumo per il 2017, che si attesta all’1,9%. Il mese di aprile, secondo i dati dell’Istituto, ha fatto registrare un +0,4% d’inflazione. Un incremento non previsto e imputabile all’aumento dei prezzi di servizi di base, come le forniture di energia elettrica e gas, nonché l’aumento dei prezzi dei trasporti.

L’inflazione più elevata degli ultimi anni

La perdita del potere d’acquisto delle famiglie italiane, secondo questa rimodulazione dell’indice su base annua, toccherebbe livelli che non sono stati raggiunti da quattro anni a questa parte, segnando un record negativo per l’economia italiana.

L’aumento del prezzo dell’energia di aprile e il portafoglio degli italiani

A fronte di un calo dei prezzi dei beni alimentari, dei prodotti per la cura della casa e della persona (-0,4% su base mensile), gli italiani hanno dovuto pagare di più per l’approvvigionamento dell’energia elettrica, con +5,4% di spesa su base annua, e di gas naturale, +5,9% rispetto allo stesso periodo del 2016.

Un incremento notevole, che grava sul bilancio familiare e si va a sommare all’inasprirsi delle tariffe sui servizi relativi ai trasporti (+5,5% su base annua).

I prezzi dei beni energetici regolamentati, con aprile 2017, hanno segnato un’inversione di tendenza rispetto a marzo, che aveva visto i prezzi di luce e gas in calo (rispettivamente -1,0% e -1,4%).

Quanto costerà in più l’inflazione

L’aumento dell’indice dei prezzi al consumo registrato dall’Istat, secondo le associazioni dei consumatori, può essere tradotto in termini economici con una maggiorazione della spesa che può arrivare fino a mille euro l’anno per ciascun gruppo familiare.

0321.085995