Mix energetico italiano: le fonti che utilizziamo per produrre energia

di | 21-08-2020 | Energia, News e Varie

I consumatori più sensibili ai temi green si saranno chiesti come viene prodotta l’energia che consumano. Oramai la totalità dei venditori di energia elettrica offre, a varie condizioni, energia verde. Vale a dire: energia prodotta da fonti rinnovabili. Qual è, però, la percentuale di energia prodotta in Italia che deriva da questo tipo di fonti? Qual è il mix energetico italiano? Quali sono i produttori più orientati alle fonti a basso impatto ambientale?

Il fabbisogno energetico nazionale

Prima di andare ad analizzare le fonti energetiche del prodotto italiano, vediamo quanto questo riesce a coprire il fabbisogno interno.

Secondo i dati pubblicati dalla relazione annuale dell’Arera, nel 2019 la domanda elettrica in Italia è risultata in diminuzione dell’1%: il risultato di un bilancio che vede una contrazione del fabbisogno del settore agricolo e industriale, controbilanciato da un aumento del consumo domestico.

La domanda interna di energia elettrica è stata soddisfatta per circa l’88% dalla produzione nazionale, il restante 12% è stato coperto dallo scambio con l’estero.

Fonte dati: Arera, Relazione annuale – Stato dei servizi 2019

L’energia così approvvigionata, al netto delle perdite di rete, è andata a soddisfare i quattro macro-settori che contribuiscono al fabbisogno energetico nazionale: l’agricolo, l’industriale, il terziario e il domestico. Come è possibile vedere nel grafico qui sotto, il settore domestico ha inciso per il 21,8% sul fabbisogno nazionale del 2019, con una crescita di circa l’1% rispetto all’anno precedente.

Fonte dati: Arera, Relazione annuale – Stato dei servizi 2019

 

Il mix energetico della produzione lorda italiana

Nel 2019 si è registrato un aumento della produzione nazionale di energia dell’1,7% rispetto al 2018. I dati provvisori relativi al 2019 di Terna mettono in luce un incremento maggiore per ciò che riguarda la produzione da fonti combustibili. Il mix energetico italiano per la produzione interna è ancora dominato dalla produzione termoelettrica per circa il 60%, mentre il restante 40% è coperto dalle fonti rinnovabili.

Tipo di fonteMix 2019
Produzione termoelettrica60%
Produzione rinnovabili40%

Il trend dei volumi di energia elettrica prodotta a livello nazionale da fonti combustibili ha visto, nel 2019 un aumento moderato, accompagnato da un leggero incremento anche dei volumi prodotti da fonti rinnovabili. Un incremento produttivo che ha permesso di coprire maggiormente il fabbisogno energetico con la produzione interna.

Andando ad analizzare più a fondo la porzione di mix energetico che riguarda le rinnovabili, è possibile scoprire quali sono le fonti più utilizzate per la produzione nazionale.

Tipo di fonte rinnovabileMix 2019
Idroelettrico39,86%
Eolico17,63%
Fotovoltaico20,63%
Geotermico5,25%
Biomassa e rifiuti16,63%

Il 2019 ha visto una contrazione della produzione da fonte idroelettrica (-6,20%), mentre si è registrato un netto incremento della produzione da eolico (+14,30%) e uno più moderato da fotovoltaico (+4,60%).

Produzione nazionale lorda: il contributo dei maggiori gruppi

Chi ha contribuito maggiormente alla produzione dei volumi necessari a soddisfare in parte il fabbisogno energetico interno e in parte a controbilanciare l’import di energia? Il primo produttore è l’ex monopolista nazionale: Enel, che contribuisce al prodotto interno per il 17%. Una quota in calo rispetto al 2018 di 2,5 punti percentuali. Seppure a notevole distanza, al secondo e terzo posto, rispettivamente, troviamo Eni (9,1%) ed Edison (7,9%).

Società produttrice di energiaQuota 2019
Enel17%
Eni9,1%
Edison7,6%
A2A6,3%
EPH5,2%
Iren3,4%
Sorgenia2,7%
Engie2,5%
Erg2,1%
Axpo Group2,1%
Tirreno Power1,8%
Saras1,6%
Altri produttori38,7%

Il contributo dei principali produttori al mix energetico nazionale delle rinnovabili

La tabella riportata di seguito mostra il contributo dei singoli Gruppi produttori al mix energetico nazionale delle fonti rinnovabili.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.