Non avete pagato la bolletta luce e gas? Tutte le novità di AEEGS

Non avete pagato la bolletta luce e gas? Tutte le novità di AEEGS
3.7 (73.33%) 3 votes
di | 08-06-2015 | Come risparmiare, Energia, Gas, News e Varie

Un comunicato ufficiale dell’Autorità per l’Energia Elettrica ha decretato la possibilità di rateizzazione delle bollette luce e gas anche dopo la scadenza di pagamento. Un provvedimento importante, che in un periodo così complesso come questo per le tasche dei consumatori italiani, rafforza tutta una serie di garanzie per tutti coloro che sono irregolari nei pagamenti in caso di morosità.

La delibera 258/2015/R/com dell’Autorità per l’Energia Elettrica dispone di alcune novità significative per tutti coloro che sono in mora per non aver rispettato la scadenza di un pagamento riguardante le bollette. I clienti potranno dunque ususfruire di una maggior tutela, ovverosia richiedere di rateizzare le bollette entro i 10 giorni successivi alla scadenza della fattura, ovvero entro 30 giorni dalla sua emissione. E’ proprio in quest’ultimo termine, la differenza con la vecchia normativa, che disponeva di 20 giorni dall’emissione della fattura.

A tutela dei consumatori inoltre si aggiunge un altro passaggio, la comunicazione di messa in mora difatti diventerà obbligatoria per tutte le bollette energia elettrica e gas che non sono state saldate, e non solo, anche per tutte quelle scadute nel periodo in cui è già in corso una precedente procedura di messa in mora. Il venditore peraltro non potrà successivamente richiedere la sospensione della fornitura.

In una nota, l’Autorità ha voluto precisare “deve essere obbligatoriamente offerta al cliente ad esempio in alcuni casi di fatturazione a conguaglio o di addebito di consumi non registrati dal contatore per malfunzionamento non imputabile al cliente”.

 

Ottime notizie dunque per i clienti che non riescono a saldare le bollette, e in Italia in un momento come questo, non sono pochi. Secondo uno studio Unirec, il totale di bollette e rate non pagate nel 2014 ha raggiunto la cifra record di 56,2 miliardi, e la tendenza è in netto aumento, si prospettano infatti “buchi” di altre centinaia di milioni di euro. Complice la crisi, negli ultimi anni questo valore è addirittura quadruplicato, con aumento del 16% rispetto al 2013.

In un settore complesso come quello dell’energia, il tasso di morosità delle forniture domestiche di energia elettrica nel 2013 è stato pari a 0,79%, il 12% in più rispetto al 2012. Negli altri consumi a bassa tensione, la morosità ha raggiunto il 2,78% nel 2013, registrando un incremento del 40% rispetto al 2012 che si assestava intorno al 1,98 %.

L’Autorità ha voluto rivedere, infine, tutte le procedure di switching o di cambio fornitore luce e gas, con l’accorciamento dei tempi per il gas da gennaio 2016. L’Autorità, grazie a questi ultimi provvedimenti, a partire dal prossimo anno garantirà la continuità del servizio senza i tipici problemi di trasmigrazione tra un operatore e l’altro.

Articoli Correlati

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995