Servizio Conciliazione: i consumatori recuperano 4,4 milioni di euro

Servizio Conciliazione: i consumatori recuperano 4,4 milioni di euro
5 (100%) 1 vote
di | 12-03-2019 | Energia, Gas, News e Varie

Il Servizio Conciliazione è un istituto ARERA per la risoluzione delle controversie tra consumatori e fornitori dei servizi luce, gas e acqua, attivo dal 1 gennaio 2017. Nel corso del 2018 ha gestito 11 mila domande, portando i clienti (residenziali e non) a recuperare o risparmiare oltre 4,4 milioni di euro (a titolo di rimborsi, indennizzi, ricalcolo fatturazioni errati o rinuncia a spese e interessi di mora da parte dei fornitori). In media, le procedure di conciliazione hanno avuto una durata di 48 giorni.

Dai risultati che emergono dalla Relazione annuale 2018, vi presentiamo alcuni dati interessanti relativi all’attività del Servizio Conciliazione.

Sommario

Distribuzione della clientela che fa ricorso al Servizio Conciliazione

Al Servizio Conciliazione possono accedere gratuitamente sia la clientela domestica, che quella non domestica. Le domande dalle due tipologie di utenza vengono, per la maggior parte, dalle famiglie, che rappresentano oltre il 70% delle istanze.

Il tesoro di 4,4 milioni di euro restituito ai consumatori a seguito dell’intervento del Servizio Conciliazione, tra rimborsi indennizzi e altro, risulta equamente suddiviso tra clienti domestici e non domestici.

Servizio Conciliazione: il 65% ha trovato l’accordo

Le domande presentate nel corso del 2018 sono state 11.034. Ad oggi, è stato trovato l’accordo nel 65% dei casi (4.836). Il Lazio e l’Abruzzo risultano le due regioni nelle quali si sono concentrate maggiormente i ricorsi al Servizio Conciliazione.

Per quali servizi si litiga di più e in quali ambiti

Per comprendere appieno i dati relativi alla distribuzione dei settori nei quali sono state effettuate più domande nel 2018, è importante ricordare che, per il settore energia e gas, il ricorso alla procedura di conciliazione presso il Servizio Conciliazione è obbligatorio. Rimane facoltativo, invece, per quanto riguarda i servizi di fornitura di acqua.

Tra le 11.034 domande presentate durante lo scorso anno, la distribuzione per servizio è stata la seguente:

  • 54% settore energetico
  • 36% settore gas
  • 6% Dual Fuel
  • 3% settore idrico
  • 1% Prosumer

Nella gran parte dei casi, l’oggetto del contendere è stata la fatturazione. Per quanto riguarda il settore elettrico, si è registrata un’incidenza rilevante anche per ciò che riguarda i danni causati dal servizio del fornitore. Nei servizi Dual Fuel (luce più gas), frizioni tra consumatori e fornitori si sono registrate anche nell’ambito contrattuale.

Tra i prosumer (produttori-consumatori) sono nate controversie anche per ciò che riguarda lo scambio sul posto.

Esito delle controversie

Com’è facile intuire, non tutte le controversie si sono risolte con un accordo. Qual è stata, dunque, la percentuale di istanze che si sono concluse con esito positivo e quante con esito negativo? Alla domanda risponde ancora una volta il report pubblicato da Arera.

Nel 60% dei casi, la procedura si è conclusa con una conciliazione tra consumatore e fornitore. Il restante 35% non ha avuto un esito positivo.

Come funziona il Servizio Conciliazione di ARERA

Il Servizio Conciliazione dell’Autorità, è gestito da Acquirente Unico. Si tratta di un servizio rivolto ai consumatori per risolvere le controversie che sorgono nell’ambito della fornitura di un’utenza luce, gas o acqua. Vi si può accedere gratuitamente online e si può contare sull’assistenza di un conciliatore terzo e imparziale, esperto dei temi citati.

L’iter corretto per sfruttare al meglio il servizio è il seguente:

  • in caso di errori di fatturazione (o altre contestazioni) il cliente deve inviare un reclamo scritto all’operatore o al gestore;
  • ove il fornitore del servizio non fornisca risposta o ne fornisca una insoddisfacente, si potrà attivare la procedura di conciliazione;
  • ci si collega al sito conciliazione.arera.it e si avvia la procedura di conciliazione.

Per quanto riguarda luce e gas, l’eventuale accordo tra le parti rappresenta titolo esecutivo e può essere fatto valere dinnanzi al giudice (ove non rispettato).

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti
02 20011111

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.