Sisma Amatrice: agevolazioni utenze telefoniche

Sisma Amatrice: agevolazioni utenze telefoniche
5 (100%) 2 votes
di | 24-08-2017 | Internet ADSL e Fibra, Leggi Norme Regole, News e Varie, Telefonia

In occasione dell’anniversario del terremoto d’Amatrice, presentiamo un provvedimento dell’Agcom volto a supportare le famiglie e le imprese colpite dal sisma di un anno fa, che ha interessato i comuni del Centro Italia. La delibera definisce alcune misure di agevolazione per i titolari di utenze telefoniche.

Si tratta della delibera Agcom n. 235/17/CONS del 6 giugno 2017 con la quale si presentano le agevolazioni tariffarie per i servizi di telefonia fissa e mobile che vanno a sommarsi alle iniziative gi intraprese dai singoli operatori per far fronte all’emergenza. Le misure speciali non riguardano solo le agevolazioni: vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Chi può richiedere le agevolazioni: i destinatari del provvedimento

I soggetti interessati dalle agevolazioni previste dalla delibera Agcom n. 235/17/CONS sono tutti i titolari di privati di utenze telefoniche residenti nei comuni colpiti dal sisma (così come indicato nel Dl 189/2016, allegato 1 e 2), sia che l’abitazione o il fabbricato siano stati dichiarati inagibile o meno. Possono accedere alle misure di cui di seguito anche i clienti privati (esclusi i titolari d’impresa), con residenza nei Comuni di Teramo, Ascoli P, Rieti, Macerata, Fabriano, Spoleto, nel caso in cui il fabbricato di residenza sia stato dichiarato inagibile.

In ultimo, possono accedere tutti i clienti privati (titolari d’impresa compresi) di tutti i Comuni delle quattro regioni colpite dal sisma (Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo), qualora possano dimostrare che la propria abitazione o immobile sia stato dichiarato inagibile a seguito del terremoto di Amatrice.

Agevolazioni per la telefonia fissa e mobile per utenze private

Per tutte le reti fisse dei clienti privati, è prevista la possibilità di recesso gratuito dal contratto di telefonia e trasloco gratuito. Per le agevolazioni, poi, c’è da fare una distinzione:

  • Rete fissa caso di agibilità – Nel caso in cui, a seguito del sisma di Amatrice, non sia stata dichiarata l’inagibilità dell’edificio interessato dall’utenza di rete fissa, si prevede lo storno delle fatture che sono state emesse durante il periodo di sospensione (6 mesi), per le mensilità nelle quali non risulta attività sulla linea.
  • Rete fissa caso di inagibilità – Per le utenze legate a un edificio dichiarato inagibile è previsto lo storno di tutte le fatture emesse nel periodo di sospensione (12 mesi).

Per le utenze di rete mobile i cui titolari siano stati soggetti a dichiarazione d’inagibilità dell’abitazione entro il termine di 6 mesi dalla data del sisma (24/08/2016), si prevede:

  • Offerte in abbonamento – Sconto del 50% per la durata di 6 mesi sulle fatture emesse dopo il 12 ottobre.
  • Offerte pre-pagate – Bonus del 50% per 6 mesi del credito ricaricato nel mese precedente. Tale bonus potrà essere consumato entro i due mesi successivi.
  • Tutte le offerte mobile – Viene concesso 1 Giga aggiuntivo per il periodo di 6 mesi, ove compatibile con l’offerta attiva.

Agevolazioni per la telefonia fissa e mobile per le imprese

I titolari d’impresa potranno richiedere un’agevolazione a scelta tra le seguenti proposte dalla delibera dell’Agcom in favore delle popolazioni colpite dal sisma di Amatrice:

  • Rete fissa – Sconto del 50% per 6 mesi sulle fatture emesse successivamente all’entrata in vigore della delibera.
  • Rete mobile in abbonamento – Sconto del 50% per 6 mesi sulle fatture emesse dopo l’entrata in vigore della delibera.
  • Rete mobile pre-pagata – Bonus del 50% per 6 mesi del credito ricaricato nel mese precedente, da consumare entro 2 mesi.
  • Rete mobile – 1 Giga aggiuntivo, ove compatibile con l’offerta attiva.

Come richiedere le agevolazioni

È importante sottolineare fin da subito che non rimane molto tempo per presentare la richiesta e la documentazione necessaria per accedere alle agevolazioni per le utenze di telefonia fissa e mobile colpite dal sisma di Amatrice. Il termine ultimo è il 12 settembre.

Si dovrà inoltrare all’operatore fornitore dell’utenza interessata i seguenti documenti:

  • Certificazione di inagibilità (solo nel caso si tratti di un’agevolazione dedicata a questo tipo di utenze)
  • Composizione del nucleo familiare (per le offerte mobili)

I titolari d’impresa dovranno anche presentare una dichiarazione con la quale si auto-certifica di non aver richiesto agevolazioni ad altri operatori.

Rateizzazione

Le modalità di rateizzazione delle fatture sospese e dovute verrà concordata tra cliente e operatore. L’importo, per essere rateizzabile, dovrà essere superiore a 50 €.

Il numero di rate con le quali dilazionare il pagamento delle fatture dovute dai clienti colpiti dal sisma di Amatrice agli operatori di telefonia fissa o mobile può andare da un minimo di 3 a un massimo di 12 rate.

Articoli Correlati

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV