Telecom Italia in trattativa con Enel e Cdp per Open Fiber

Telecom Italia in trattativa con Enel e Cdp per Open Fiber
Il post ti è stato utile?
di | 04-07-2019 | News e Varie, Telecom

Telecom Italia, dopo gli scambi con Open Fiber per accordi commerciali sulle reti, va direttamente a trattare temi più importanti con gli azionisti della società: il Gruppo Enel e Cassa Depositi e Prestiti. Il 20 giugno TIM ha confermato ufficialmente l’esistenza di un accordo di confidenzialità, sottoscritto con Cdp ed Enel con la finalità di confrontarsi sulle possibili forme d’integrazione tra le reti Telecom e le reti di Open Fiber, anche attraverso operazioni societarie.

La fusione delle reti TIM e Open Fiber, dunque, esce dall’ambito della mera possibilità, per diventare un reale progetto sostenuto dalla volontà concreta delle parti.

Nonostante il carattere strettamente confidenziale delle trattative, la stampa nazionale ha colto alcune indiscrezioni sulla base degli accordi proposti da Telecom Italia. Cdp, attualmente al 50% in Open Fiber, riceverebbe il corrispettivo di tale valore in azioni Telecom. Enel vedrebbe liquidato il proprio 50% in contanti. L’operazione porterebbe l’ente pubblico Cdp (già detentore del 9,89% delle azioni) a divenire il primo azionista di Telecom, con una quota che non supera il 24%. Si tratta di una quota considerevole, anche se non di maggioranza, e sufficiente a riportare TIM in mani italiane, superando il numero delle azioni della società francese Vivendi.

La stima del valore di mercato di Open Fiber è ancora da definire con precisione, tenendo conto anche degli 800 milioni di debito e delle importanti linee di credito aperte. Si pensa che il gruppo possa valere dai 3 agli 8 miliardi.

Sempre secondo le indiscrezioni, le trattative sarebbero in fase avanzata, tanto che se ne potrebbero vedere i risultati già quest’estate. Appuntamento al 1° agosto, data di convocazione del consiglio di amministrazione Telecom che potrebbe avviare ufficialmente il cambio di assetto societario e l’acquisizione di Open Fiber.

Gli esperti del settore sollevano, però, qualche dubbio su quanto finora emerso. Tramontato lo scorporo della rete Telecom e confermata la volontà della società di mantenere la proprietà delle infrastrutture, TIM tornerebbe in pieno nella scomoda posizione (lato antitrust) di essere contemporaneamente principale operatore wholesale, principale contractor per la copertura delle aree bianche e concorrente delle ULL (Unbundling Local Loop). Inoltre, ci si chiede che fine farà la rete in rame di TIM, che non compare citata in nessun accordo e/o indiscrezione.

All’indomani della nota pubblica sull’accordo e del successivo Cda (a seguito del quale è stata resa nota la dimissione dell’ex AD Genish, ma nessun segnale di prospettiva), la reazione della borsa ha riflettuto il disorientamento del mercato  nei confronti delle operazioni chiave del Gruppo. Non ultimo ambito di preoccupazione, l’accordo tra Telecom, Enel e Cdp su Open Fiber.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti
02 20011111

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.