Telefonia, fatturazione a 28 giorni: l’AgCom si prepara a sanzionare gli operatori

Telefonia, fatturazione a 28 giorni: l’AgCom si prepara a sanzionare gli operatori
4.4 (88%) 5 votes
di | 14-09-2017 | Fastweb, Internet ADSL e Fibra, News e Varie, TIM, Vodafone, Wind

L’AgCom si era espressa sul tema già a marzo scorso bocciando, con una delibera (121/17/CONS), la fatturazione a 28 giorni (4 settimane) per i servizi di telefonia e Internet. Gli operatori non hanno rispettato i termini fissati dall’Autorità per la decadenza della fatturazione e dei rinnovi a 4 settimane e, ora, arriva puntuale l’annuncio della procedura sanzionatoria.

Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb: pronte le sanzioni

In seguito alla verifica da parte dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb sono risultate colpevoli di non aver riportato la cadenza di fatturazione al mese o ai suoi multipli, come imposto dall’AgCom.

I consumatori esultano per la presa di posizione da parte dell’Autorità che pone un freno a una pratica dilagata non solo nel settore della telefonia: i contratti con rinnovi (e fatturazione) ogni 4 settimane, infatti, sono da poco comparsi anche nel mercato della Pay Tv.

Fatturazione a 28 giorni e fatturazione a un mese: cosa cambia

Dopo le rimodulazioni tariffarie unilaterali, con la fatturazione a 28 giorni le compagnie telefoniche hanno voluto “ritoccare” al rialzo i bilanci annui, mantenendo un basso profilo in termini d’impatto comunicativo. La manovra è stata subito messa in luce da chi ha fatto due conti: passando da una fatturazione mensile a una fatturazione a 28 giorni, nell’arco dell’anno si salda una fattura in più (13 invece di 12).

Cosa fare? Continuare a sottoscrivere le offerte a 28 giorni?

Ancora non ci sono elementi per capire per quanto tempo saranno ancora attivabili le offerte di telefonia che prevedono una fatturazione a 28 giorni. Tuttavia, anche per coloro che hanno appena sottoscritto un contratto con un operatore telefonico tra quelli sanzionati, non c’è da preoccuparsi: Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb adegueranno i pagamenti sotto il controllo dell’AgCom.

Per chi, invece, avesse necessità di attivare un’utenza telefonica e Internet (fissi o mobile) e volesse andare sul sicuro in fatto di bollette mensili, è il momento giusto per provare i servizi degli operatori che si sono astenuti dall’escamotage della fatturazione a 28 giorni.

Gli operatori telefonici che emettono fattura mensile

Se Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb hanno ricevuto la bacchettata sulle mani da parte di AgCom, il resto degli operatori possono considerarsi virtuosi, dal punto di vista della fatturazione e dei rinnovi a cadenza mensile. Ecco quali sono i gestori telefonici e provider Internet che hanno sempre fatturato mensilmente:

Tiscali – Il “grande assente” dalla procedura sanzionatoria, che ha da poco ampliato la sua copertura con l’offerta G4+ Unlimited, raggiungendo anche i centri abitati minori e senza copertura ADSL o Fibra.

Eolo – L’operatore alternativo per la connessione Internet ADSL e WiFi a banda larga anche nelle zone scoperte dai big player del mercato.

Linkem – Con 1.200 antenne di proprietà distribuite sul territorio italiano, Linkem è la soluzione per chi sta cercando una connessione di tipo wireless in banda larga.

EhiWeb – L’operatore propone soluzioni innovative (e classiche) all’esigenza di connessione Internet e telefonia.

 

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Titolo Popup

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.