Telefonia, ritorno alle bollette mensili: Tar sospende rimborso AgCom

Telefonia, ritorno alle bollette mensili: Tar sospende rimborso AgCom
5 (100%) 1 vote
di | 26-03-2018 | News e Varie, Telefonia

Continua a fare notizia il ritorno alle fatturazioni su base mensile nella telefonia. Questa volta, è il Tar a dettare la svolta nella vicenda, contrapponendosi (almeno temporaneamente) alla misura reintegrativa chiesta dall’AgCom: il rimborso in natura delle bollette a 28 giorni per i clienti TIM, Wind, Vodafone e Fastweb.

La fine delle bollette a 28 giorni e i rimborsi in natura chiesti dall’AgCom

Dopo aver parlato genericamente della necessità di un rimborso, l’AgCom ha prospettato un reintegro dei giorni di servizio erosi ai consumatori con la fatturazione a 28 giorni. In breve, si tratta di una dilazione del primo rinnovo mensile, sulla base dei giorni che ciascun utente ha perso nella differenza tra il regime di fatturazione legittimo (il mensile) e quello “galeotto” (i 28 giorni). Abbiamo fatto un esempio di calcolo di rimborso qui.

La tempistica prevista dall’AgCom per l’accomodamento della vicenda è stretta: entro la reintroduzione delle bollette mensili (aprile). Una decisione che ha assolutamente senso per mantenere “immateriale” il rimborso senza arrecare troppi disagi di computazione a clienti e operatori.

Già così, il provvedimento non ha soddisfatto tutti i consumatori. Alcune associazioni hanno richiesto a gran voce un rimborso di natura ben più tangibile.

Per i big del settore (TIM, Wind, Vodafone e Fastweb) il rimborso non è affatto dovuto né giustificato e il lungo braccio di ferro tra operatori e AgCom si è trasferito (non per la prima volta) al Tar.

La decisione del Tar: congelati i rimborsi

La magistratura amministrativa, nell’accogliere i ricorsi delle società telefoniche, ha emanato quattro provvedimenti con i quali sospende il rimborso richiesto dall’AgCom fino alla valutazione sul merito della misura di reintegro introdotta dall’Authority.

Fortunatamente, la suspance per operatori e consumatori non durerà a lungo: la discussione collegiale del Tar sul merito e sull’efficacia del rimborso in natura è fissata  per l’11 aprile. Fino ad allora, però, i rimborsi sono congelati.

Non rimane che attendere e vedere quali altri colpi di scena si presenteranno da qui fino alla fatidica data dell’11 aprile.

0321.085995