TIM, scorporo della rete: cosa significa e cosa comporta

TIM, scorporo della rete: cosa significa e cosa comporta
4 (80%) 4 votes
di | 12-03-2018 | Internet ADSL e Fibra, News e Varie, TIM

Con un comunicato ufficiale, il 6 marzo scorso, TIM ha annunciato un progetto di separazione volontaria dalla rete di accesso fissa. Lo scorporo avverrà con la creazione di una nuova società che, seppur controllata da TIM, sarà un’entità legale separata (Netco). La nuova realtà avrà, dunque, il pieno controllo delle infrastrutture legate alla rete di accesso per la telefonia fissa e Internet e offrirà i propri servizi al mercato all’ingrosso, garantendo quell’imparzialità che, finora, era mancata nella libera competizione tra gli operatori.

Sommario

Cos’è la rete di accesso fissa e perché è importante

Con il termine “rete di accesso fissa” si fa riferimento a quelle infrastrutture necessarie alla connessione del cliente finale ai principali snodi del sistema TLC: le centrali. Ogni centrale è un punto di distribuzione della rete TLC italiana: la distribuzione di questi snodi sul territorio, permette di massimizzare l’efficienza della copertura della rete per i servizi di fonia fissa, ADSL o fibra ottica.

Come è facile rendersi conto, il libero accesso a tale rete è fondamentale per creare le migliori condizioni per la libera concorrenza. Finora, le infrastrutture della gran parte della rete di accesso sul nostro territorio sono state di gestione diretta di Telecom Italia, quale retaggio del monopolio nelle telecomunicazioni. Fattore che ha mantenuto, per decenni, uno squilibrio tra gli operatori del mercato.

Come sottolineano da TIM, ciò non significa che la società dismetterà le infrastrutture: la rete rimarrà comunque di proprietà Telecom Italia. Nonostante ciò, l’annuncio di TIM apre un varco per una nuova era del mercato, creando un modello rivoluzionario nel panorama internazionale.

La Netco avrà anche un ruolo fondamentale per quello sviluppo delle infrastrutture esistenti, necessario per raggiungere gli obiettivi sull’accesso alla banda ultra larga definiti dall’Agenda Digitale Europea 2025.

Scorporo della rete TIM: cosa comporta per operatori e consumatori

La creazione della Netco permetterà a tutti gli operatori del settore di richiedere servizi di copertura a una realtà che, grazie alla sua autonomia, può garantire un buon grado di imparzialità, essendo soggetto non direttamente interessato alle dinamiche di concorrenza. La stessa TIM dovrà rivolgersi a questo “grossista della rete” per il servizio ai propri clienti.

Dal momento in cui la Netco diverrà operativa (probabilmente non prima della prossima estate), tutti i provider italiani avranno la possibilità di espandere la copertura dei loro servizi, sulla base delle strategie territoriali, sfidando l’onnipresenza di TIM.

Per il consumatore, il piano di scorporo della rete può avere un impatto sul medio-lungo periodo, garantendo un mercato più equo e, dunque, un’offerta maggiormente guidata dalle regole della libera concorrenza. Un vantaggio che si traduce in maggiore risparmio sulle tariffe ADSL e fibra ottica, una maggiore scelta tra i servizi offerti e una normalizzazione del livello minimo di qualità del servizio di connessione Internet.

Il piano triennale strategico DigiTIM

L’amministratore delegato di TIM, Amos Genish, ha ricevuto l’incarico di avviare l’iter necessario a realizzare lo scorporo volontario della rete di accesso fissa, notificando all’AgCom il progetto. Tuttavia, l’introduzione della Netco non è che una parte del piano strategico triennale 2018-2020 di TIM, presentato con il nome di DigiTIM.

Gli obiettivi di espansione nel mercato consumer e business, sia per quanto riguarda la ultrabroadband fisica, che nella tecnologia Lte, fanno capire che TIM ha tutta l’intenzione di mettersi completamente in gioco, senza rinunciare alla propria predominanza indiscussa sul mercato.

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.