Disdetta utenze domestiche per cambio residenza: come fare?

Disdetta utenze domestiche per cambio residenza: come fare?
3 (60%) 3 votes
di | 27-03-2017 | Leggi Norme Regole

Cambiare casa e traslocare è uno di quegli eventi che richiedono tempo e organizzazione!  Dal fare gli scatoloni a scegliere la ditta per il trasloco dei mobili, sono tanti, infatti, i fattori a cui prestare attenzione quando si cambia casa.

In questo post vi semplifichiamo un po’ la vita e vi spieghiamo come effettuare la disdetta utenze domestiche per cambio residenza, in modo che voi possiate concentrarvi liberamente su gli altri aspetti del vostro trasloco! Seguiteci con attenzione.

Disdetta utenze domestiche per cambio residenza: la comunicazione agli uffici dell’anagrafe

Il primo  passaggio da fare quando di tratta di  effettuare un trasloco utenze domestiche è quello di comunicare agli uffici dell’anagrafe di competenza territoriale il nuovo indirizzo di residenza.
Tale comunicazione può essere effettuata da qualunque componente del gruppo familiare, basta che abbia compiuto il diciottesimo anno di età e sia provvisto di un documento di identità.
Agli uffici dell’anagrafe bisogna comunicare le seguenti informazioni riguardanti ogni membro della famiglia:

  • dati anagrafici
  • dati della patente di guida
  • numero di targa dell’automobile

Disdetta utenze domestiche per cambio residenza: trasloco utenze domestiche

Dopo aver comunicato agli uffici dell’anagrafe i dati del passaggio di residenza, il secondo passaggio che vi consigliamo è quello di effettuare il trasloco delle utenze domestiche. Per fare ciò è necessario che, al momento di lasciare la vostra abitazione precedente, abbiate effettuato la lettura dei contatori. Una volta fatto ciò potete chiudere le  vostre utenze, ma ricordatevi di avere a portata di mano:

  • il vostro codice fiscale
  • la vostra ultima bolletta pagata
  • la vostra carta di identità

Vi consigliamo prima di leggere attentamente il contratto di fornitura che volete rescindere. Ricordatevi inoltre che le procedure di disdetta possono cambiare a seconda della azienda che eroga i servizi. Qui di seguito, quindi, trovate le linee generali, ovvero:

  • contattare direttamente l’azienda tramite il numero verde del servizio clienti
  • recandovi di persona agli sportelli.

Una volta comunicata la vostra volontà di disdetta, vi sarà inviata a casa la comunicazione relativa alla chiusura del contratto e vi sarà resa la caparra.

Disdetta utenze domestiche per cambio residenza: voltura utenze

Nel caso vogliate invece effettuare una semplice voltura utenze, ricordatevi che è sempre il nuovo intestatario che si deve incaricare di richiedere la voltura e che sarà sempre lui a dover pagare gli oneri amministrativi che derivano dal cambiamento del contratto.
Per effettuare una semplice voltura utenze è necessario comunicare all’azienda fornitrice la volontà di recedere dal contratto. Tale comunicazione può avvenire:

  • di persona direttamente agli sportelli
  • tramite raccomandata con ricevuta di ritorno

Voltura utenze senza residenza

Se invece volete effettuare una voltura utenze senza residenza la procedura è leggermente diversa. In questo caso, infatti dovete semplicemente richiedere il cambio dell’intestazione, recandovi negli uffici dell’azienda con l’affittuario della casa. Ricordatevi che in questo caso non verrà interrotta l’erogazione del servizio.

Adesso che avete disdetto il vostro contratto che ne dite di consultare il nostro comparatore di tariffe per trovare l’offerta giusta per voi?

Confronta le migliori tariffe sul mercato!

Articoli Correlati

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV