Assicurazione auto scaduta: quali sanzioni comporta?

Assicurazione auto scaduta: quali sanzioni comporta?
5 (100%) 1 vote
di | 29-07-2019 | Assicurazioni RC Auto

Tra una scadenza e l’altra può capitare di arrivare in ritardo all’appuntamento con un pagamento. Se il gong della tua assicurazione auto è appena suonato, però, non è ancora il caso di allarmarsi. Esiste infatti un limite di tolleranza, successivo alla scadenza della polizza RCA, che ti pone al riparo dalle sanzioni. Tale proroga è quantificabile in quindici giorni, al termine dei quali, qualora ti trovassi ancora circolare con l’assicurazione scaduta, andrai incontro a multe.

Sommario

Il salvagente del periodo di tolleranza: cos’è e che validità ha

Questa garanzia è giunta soltanto a partire dal 14 febbraio 2013 grazie a una circolare diffusa dal Ministero dell’Interno. A renderla necessaria è stata l’abolizione del tacito rinnovo dell’assicurazione auto, che obbliga le compagnie ad avvertire i contraenti della sua cessazione con almeno 30 giorni d’anticipo. Il periodo di tolleranza è indistintamente valido per le polizze semestrali e annuali ed è previsto per legge. La sua validità è limitata all’Italia e alla sola responsabilità civile. Laddove non sia espressamente specificato nel contratto, pertanto, non sono coperte le garanzie accessorie quali furto, incendio e atti vandalici.

Sanzioni pesanti per chi si mette al volante con l’assicurazione scaduta

Le ore 23.59 del quindicesimo giorno dalla scadenza dell’assicurazione segnano lo spartiacque tra legalità e illegalità. Guidare con il tagliando non valido comporta difatti la violazione dell’articolo 193 del Codice della Strada, che obbliga i mezzi a motore ad essere coperti da una polizza di responsabilità civile. E poco importa se si tratti di una dimenticanza o (ancor peggio) di una scelta consapevole. Qualora si venga sorpresi al volante sprovvisti di copertura assicurativa, si va incontro a pene severe. La sanzione pecuniaria varia dagli 841 ai 3.287 euro. Contestualmente alla multa, viene predisposto anche il sequestro del veicolo che verrà condotto in un luogo non aperto alla circolazione. In alcuni casi tale luogo può essere concordato con l’automobilista. Questi dovrà pagare entro 60 giorni e farsi carico delle spese di prelievo, trasporto e deposito del mezzo e provvedere alla corresponsione del premio assicurativo.

Ammende ancora più severe si registrano a fronte di un sinistro. In caso di incidente provocato in assenza di copertura assicurativa, guidatore (e proprietario dell’auto, qualora le figure non dovessero coincidere) dovrà risarcire personalmente i danni provocati a cose e/o persone.  Si può incappare in multe anche quando il veicolo viene parcheggiato in un’area pubblica con il tagliando scaduto da più di 15 giorni.

Due modi per ridurre le multe

La riduzione del 25% del peso della sanzione ricevuta è garantita purché sussistano due condizioni:

  • Nel caso in cui il premio sia pagato nei 15 giorni successivi alla scadenza stabilita dall’articolo 1901.
  • Se il destinatario del provvedimento, entro 30 giorni dalla contestazione e dopo aver comunicato l’intenzione di procedere all’organo che ha rilevato la trasgressione, si fa carico della demolizione del veicolo.

Per evitare di arrivare a tanto ricorda di rinnovare in tempo la tua assicurazione auto scegliendo, tra le tante presenti sul mercato, l’offerta più consona alle tue esigenze.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti
02 20011111

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.