Esenzioni cinture di sicurezza: chi può beneficiarne

di | 19-08-2019 | Assicurazioni RC Auto
Esenzioni cinture di sicurezza: chi può beneficiarne

Guidare un’automobile significa anche, e soprattutto, avere delle responsabilità. Nei confronti di sé stessi e degli altri utenti della strada. Oltre ad essere in regola con l’assicurazione auto per poter circolare su strada, è previsto dalla legge l’obbligo di indossare le cinture di sicurezza. Una regola che dovrebbe essere inculcata nelle menti degli automobilisti ma che, nonostante ciò, non sempre viene applicata e che non appartiene in maniera univoca al nostro bagaglio culturale. Tuttavia esistono anche casi giustificabili, autentiche eccezioni alla regola. Alcune categorie, infatti, possono permettersi di guidare senza osservare la prescrizione di allacciare le cinture. Scopriamo di chi si tratta.

Sommario

Cinture di sicurezza: l’articolo 172 codice della strada

Prima di farlo, però, facciamo un passo indietro. Come detto l’obbligo di fissare la cintura di sicurezza è stabilito dal Codice della Strada. L’articolo 172 Cds indica che “il conducente ed i passeggeri dei veicoli della categoria L6e, dotati di carrozzeria chiusa, di cui all’art. 1, paragrafo 3, lettera a), della direttiva 2002/24/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 marzo 2002, e delle categorieM1 N1, N2 ed N3, di cui all’articolo 47, comma 2, del presente codice, muniti di cintura di sicurezza, (2) hanno l’obbligo di utilizzarle in qualsiasi situazione di marcia. I bambini di statura inferiore a 1,50 m devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini, adeguato al loro peso”.

Viene stabilita anche la sanzione: “Chiunque non fa uso dei dispositivi di ritenuta, cioè delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per bambini, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 80 euro a 323 euro”.

Esenzione per condizioni fisiche

Ma chi può esimersi dall’obbligo? La prima discriminante è quella legata alle condizioni fisiche delle persone che si trovano a bordo dell’autovettura. Le esenzioni riguardano:

  •         Donne in stato di gravidanza (a fronte di apposita certificazione che attesti rischi connessi all’utilizzo delle stesse)
  •         Persone affette da particolari patologie o che presentino condizioni fisiche che costituiscono una controindicazione all’utilizzo del dispositivo

In assenza della adeguata certificazione non esenta dall’utilizzo delle cinture il dolore toracico di breve durata, anche se riscontrato dal Pronto Soccorso. La certificazione medica deve inoltre essere corredata dai limiti di validità.

Esenzione per motivi professionali

L’eccezionalità dei casi si estende anche a particolari categorie di lavoratori. Tra questi.

  •         Forze di polizia (anche municipale e provinciale) limitatamente ai casi in cui stiano svolgendo un servizio di emergenza
  •         Conducenti e addetti ai veicoli del servizio antincendio, sempre in caso di intervento di emergenza
  •         Conducenti dei veicoli allestiti per la raccolta e il trasporto dei rifiuti
  •         Dipendenti di società di vigilanza privata riconosciute che effettuano scorte
  •         Conducenti di veicoli a uso speciale impiegati in attività di igiene ambientale
  •         Istruttori di scuola guida durante l’espletamento delle loro funzioni
  •         Passeggeri degli autobus autorizzati al trasporto in piedi, al trasporto locale e che circolano in zona urbana

Preso nota? Bene. Ma ricorda che indossare le cinture di sicurezza è solo uno dei tanti obblighi di ogni automobilista. Prima di poter circolare su strada, infatti, è indispensabile assicurare il proprio veicolo. Se sei alla ricerca della polizza più conveniente o devi rinnovare la tua in scadenza, sei capitato nel posto giusto. Su ComparaSemplice.it potrai confrontare le migliori offerte online e generare gratuitamente un preventivo che resterà valido per 60 giorni prima di venire convalidato.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.