Perito assicurativo: come comportarsi in caso di incidente auto?

di | 22-01-2020 | Assicurazioni RC Auto

Uno dei momenti più temuti dagli assicurati che si trovano coinvolti in un incidente stradale è quello della perizia assicurativa. Ed è facile capirne il motivo. Lo scopo principale della perizia, infatti, è quello di fare una stima dei danni riportati dal veicolo o dai passeggeri e di decidere se procedere o meno al risarcimento e in quale entità. In sostanza, il perito assicurativo è colui che decide se l’assicurato ha diritto a un indennizzo da parte della compagnia di assicurazione e l’importo di tale indennizzo. E’ comprensibile, quindi, quanto sia importante per un assicurato che voglia ottenere il giusto risarcimento che gli spetta, sapere come gestire questa delicata fase della procedura di rimborso. Vediamo insieme, nella guida che segue, come funziona una perizia assicurativa; quali sono le tempistiche previste dalla legge e come comportarsi con il perito assicurativo.

Sommario

Come funziona la perizia assicurativa

In seguito al verificarsi di un sinistro stradale, che va denunciato alla compagnia di assicurazione entro 3 giorni dal suo verificarsi, pena il rischio di perdere il diritto al risarcimento del danno, arriva il momento della perizia assicurativa. Dopo la denuncia, la compagnia di assicurazione procederà all’assegnazione di un perito assicurativo che ti contatterà per fissare un appuntamento. La perizia assicurativa ha sostanzialmente un duplice obiettivo: capire se le cause del sinistro stradale rispettano le condizioni contrattuali della polizza auto e stimare l’entità del danno subito. Per questo motivo il perito assicurativo nominato dalla compagnia ti chiederà di fornire alcuni documenti. La lista di questi documenti include il modulo CAI, ossia il modulo di constatazione amichevole, se presente; il libretto di circolazione del veicolo; le foto dei danni alla vettura; le dichiarazioni di eventuali testimoni; il preventivo redatto da un carrozziere. Se le persone coinvolte nell’incidente hanno riportato danni fisici, la compagnia di assicurazione chiederà ai danneggiati di sottoporsi anche ad una visita medico legale. Per ottenere il risarcimento del danno, l’assicurato non può rifiutarsi di sottoporsi alla perizia assicurativa né agli accertamenti del medico.

Perizia Assicurativa: le tempistiche stabilite dalla legge

Per quanto riguarda le tempistiche della procedura di risarcimento e della perizia assicurativa, è la legge a stabilirle. Come abbiamo già anticipato, la denuncia del sinistro alla compagnia di assicurazione va fatta entro 3 giorni dal verificarsi dell’incidente. La perizia assicurativa, invece, deve essere eseguita entro e non oltre 10 giorni dalla comunicazione del sinistro alla compagnia di assicurazione da parte del cliente. Secondo quanto stabilito dalla legge, per la precisione l’art. 148 del Codice delle Assicurazioni dal titolo “Procedura di Rimborso”, se l’assicurato ha provveduto a presentare tutti i documenti richiesti, la compagnia di assicurazione è obbligata a presentare un’offerta di risarcimento danni oppure a comunicare il motivo per cui il risarcimento non verrà effettuato, in base alle seguenti tempistiche:

  • 30 giorni per danni a cose in presenza di modello CAI con doppia firma
  • 60 giorni per danni a cose in assenza di modello CAI con doppia firma
  • 90 giorni per danni da lesioni o in caso di morte

I tempi necessari per la liquidazione di un danno variano quindi in base alla tipologia dei documenti richiesti e inviati. Se la documentazione presentata dall’assicurato risulta incompleta ad esempio, i tempi di formulazione dell’offerta di risarcimento e della liquidazione del danno potranno essere più lunghi.

Chi è e a cosa serve il perito assicurativo

Passiamo ora al perito assicurativo, per capire chi è e a cosa serve questa figura. L’art. 156 del Codice delle Assicurazioni, dal titolo “Attività peritale”, stabilisce che:

“[…] Le imprese di assicurazione possono effettuare direttamente l’accertamento e la stima dei danni alle cose derivanti dalla circolazione, dal furto e dall’incendio dei veicoli a motore e dei natanti. […] Nell’esecuzione dell’incarico i periti devono comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza”.

Come si deduce dalla legge appena citata, il perito assicurativo è la figura incaricata dalla compagnia di assicurazione a valutare i danni causati da un sinistro stradale. Sempre secondo la legge, tale ruolo deve essere svolto in maniera indipendente, trasparente e offrire all’assicurato una stima del danno il più obiettiva possibile. Tuttavia, nonostante lo scopo ultimo della normativa sia quello di garantire agli assicurati un giusto risarcimento, non è affatto raro che l’assicurato rimanga deluso dalla perizia assicurativa. Un’insoddisfazione che può generare anche delle controversie legali. Per evitare l’insorgere di tali controversie, vediamo insieme nel paragrafo seguente come comportarsi con il perito assicurativo.

Come comportarsi con il perito assicurativo: 3 consigli utili

Se stai per ricevere la visita da parte di un perito assicurativo e non sai come comportarti, ecco 3 consigli utili per evitare l’insorgere di lunghe e costose controversie legali. Il primo suggerimento è quello di verificare sempre l’iscrizione del perito assicurativo che sta per farti visita presso l’apposito albo. Secondo quanto stabilito dal Codice delle Assicurazioni, il perito assicurativo, per esercitare la sua professione, deve essere iscritto prima di tutto presso l’apposito albo istituito e gestito dalla CONSAP, la Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici SPA. Il secondo consiglio è quello di far valutare i danni al veicolo prima da un meccanico o da un carrozziere di fiducia. Conoscendo in anticipo l’entità del danno sarà infatti più facile contrattare la stima del danno e soprattutto decidere se accettare o meno la proposta di risarcimento fatta dalla compagnia di assicurazione. Terzo e ultimo consiglio è quello di evitare la riparazione del danno prima della perizia assicurativa. Anche se la legge lo prevede, è sempre meglio mettere a disposizione del perito il veicolo danneggiato e permettere in tal modo una perizia più oggettiva. Prima di procedere con il pagamento del risarcimento, la compagnia di assicurazione potrebbe infatti chiedere al perito incaricato di effettuare dei controlli aggiuntivi. Una pratica, quella dei controlli aggiuntivi,  ormai molto diffusa a causa del gran numero di dichiarazioni false inviate negli anni alle compagnie di assicurazione. Presentare al perito assicurativo un veicolo già riparato con la fattura del carrozziere o del meccanico potrebbe far insospettire la compagnia di assicurazione e allungare i tempi del rimborso.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.