Disdetta Sky con PEC: come agire per chiudere il contratto

di | 05-09-2019 | SKY

Sottoscrivere un’abbonamento a Sky rappresenta una scelta condivisa da un numero sempre maggiore di persone che desiderano avere accesso a una maggiore quantità di canali per poter soddisfare i gusti di tutti i componenti della famiglia. In caso di insoddisfazione o se si dovesse avere l’esigenza di ridurre le spese potrebbe però essere neessario presentare richiesta di disdetta: l’operazione viene in genere effettuata attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno o, in alternativa, tramite PEC, la posta elettronica certificata di cui sono in possesso tutti i professionisti. Quest’ultima soluzione consente di ridurre notevolmente i costi, oltre a far sì che la propria scelta venga comunicata in modo pressoché immediato.

Sommario

Disdetta Sky con PEC: come agire se si cambia idea in tempi brevi

Il palinsesto della pay Tv propone contenuti adatti a soddisfare tutta la famiglia: si va dallo sport (il calcio, in modo particolare, è ormai disponibile quasi integralmente a pagamento, ma lo stesso vale anche per i Gran Premi di Formula Uno e MotoGp) al cinema, dai documentari per approfondire le proprie conoscenze ai contenuti adatti per i più piccoli, dalle serie Tv all’intrattenimento. Insomma, difficilmente ci sarà la possibilità e il tempo per annoiarsi.

Questo, però, inevitabilmente, comporta la necessità di sostenere un costo fisso mensile. Qualora si abbia però preso la decisione di abbattere le spese o si sia manifestata insoddisfazione per qualsiasi motivo (ad esempio scarsa ricezione del segnale o perdita di interesse per i contenuti proposti), si può pensare di fare disdetta dal contratto sottoscritto. Il modo in cui l’utente deve comportarsi in questo frangente è spiegato in modo chiaro dal Decreto Bersani (DL 31/01/07 – Gazzetta Ufficiale n° 26 del 01/02/07 ) convertito in legge il 30/03/2007: secondo la normativa il cliente cliente che ha sottoscritto l’abbonamento ha il diritto di poter effettuare il recesso dello stesso pagando il costo della disdetta anticipata del servizio.

A volte però può capitare che l’insoddisfazione possa verificarsi anche a poco tempo dall’adesione. Qualora ci si dovesse trovare in questa situazione è possibile far valere il cosiddetto “diritto di ripensamento”(clicca qui per sapere meglio cosa si intende), valido solo entro 14 giorni di tempo dall’adesione. Il vantaggio reso possibile da questa norma è davvero importante: il recesso può avvenire senza alcun onere per l’intestatario. Prestare particolare attenzione alla data di stipula dell’accordo è quindi fondamentale: può bastare anche un solo giorno di ritardo per il venir meno di questa agevolazione.

Attenzione, però,perché in questa situazione rientrano solo gli utenti che hanno siglato il contratto via internet, a mezzo telefonico o tramite posta/posta elettronica. Chi dovesse averlo fatto seguendo le proposte di un addetto presso un negozio (è il caso, ad esempio, delle promozioni disponibili saltuariamente in un centro commerciale) non rientra in questa categoria.

Chi si trova in questa situazione deve accedere alla propria Area Clienti personale nel sito ufficiale (può essere creata con un nome utente e una password a scelta ed è utile anche per tenere sotto controllo o variare il proprio abbonamento) e scaricare l’apposito modulo da compilare in ogni sua parte. Il documento può essere inviato via raccomandata con ricevuta di ritorno a SKY CASELLA POSTALE 13057 – 20141 MILANO o, in, alternativa, anche via PEC all’indirizzo servizioclientisky@pec.sky.it In entrambi i casi è necessari allegare un documento dell’intestatario. La PEC sostituisce in tutto è per tutto una raccomandata e ha quindi pieno valore sul piano legale.

Qualora ormai siano stati superati i 14 giorni validi per il diritto di ripensamento (ma anche se si è sottoscritto il contratto in un punto vendita) diventa necessario valutare con particolare scrupolo come potersi muovere. Ogni utente deve infatti capire se la necessità di interrompere il rapporto si sia manifestando in prossimità della scadenza naturale (se manca poco è più conveniente attendere) o se invece lo si stia facendo in anticipo rispetto alla conclusione.

Chi invece è in procinto di traslocare e teme di dover chiudere la propria situazione può stare tranquillo: basta prendere contatto con il servizio clienti e chiedere il traferimento dei contenuti a cui si è aderito nella nuova abitazione.

Modulo disdetta Sky a scadenza – Come agire per non sbagliare

Se si è ormai decisi a concludere la propria esperienza da cliente Sky è necessario avere ben presente il quadro della propria situazione. Anche in questo caso la tempistica con cui viene eseguita la procedura è importante: la disdetta deve infatti essere presentata almeno 30 giorni prima della scadenza.

Il percorso da seguire non è comunque troppo differente da quella prevista per il diritto di ripensamento. L’utente deve accedere al sito di Sky e scaricare il modulo relativo al proprio caso. La dicitura che deve essere ricercata è “Modulo di disdetta alla scadenza del contratto”. Una volta scaricato il documento, sarà necessario compilarlo, firmarlonviarlo secondo le stesse modalità indicate precedentemente.

Gli oneri che spettano al cliente sono comunque ridotti. È infatti necessario sostenere la spesa per i costi di disattivazione pari a 11,53 euro. L’utente deve inoltre avere cura di restituire le apparecchiature ricevute dall’emittente (telecomando e decoder) per evitare che possano essergli addebitati penali. La consegna potrà avvenire anche personalmente presso il centro Sky più vicino che avrà cura di presentare una ricevuta per certificare l’accaduto.

L’abbonamento sarà considerato  annullato entro i 30 giorni del mese successivo.

Disdetta Sky modulo – Chiusura del contratto per recesso anticipato

Ovviamente non si può escludere di avere la necessità di chiudere il rapporto con la pay Tv prima che il contratto giunga alla sua scadenza.

Chi si trova in questa situazione deve sempre accedere al sito ufficiale Sky e selezionare il “Modulo di recesso oltre i primi 14 giorni”. Anche in questo caso sono previsti i costi per la disattivazione, oltre a un ulteriore contributo che può essere richiesto a seconda della propria situazione personale, relativa ad esempio ad eventuali sconti o bonus utilizzati nel corso della propria esperienza da abbonato.

Disdetta da TIM Sky e Sky e Fastweb

Ormai da qualche tempo l’emittente con sede a Milano in zona Santa Giulia propone delle soluzioni in accordo con altre aziende quali TIM e Fastweb. Nel primo caso si ha la possibilità di avere in un unico pacchetto Internet, pay Tv e telefonia, mentre nel secondo oltre alla visione dei contenuti Tv si ha modo di usufruire di una connessione alla rete efficiente.

L’utente deve sempre accedere al sito ufficiale della pay Tv e selezionare il modulo che meglio corrisponde alla propria situazione.

L’indirizzo di spedizione per chi non sceglie la PEC è però differente: Sky Italia s.r.l. c/o Telecom Italia S.p.A., Servizio Clienti, Casella Postale 111, 00054 Fiumicino (RM).

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.