Bolletta TIM non pagata: ecco cosa succede

Bolletta TIM non pagata: ecco cosa succede
5 (100%) 1 vote
di | 16-01-2019 | Internet ADSL e Fibra, Telecom

Siete dei clienti fissi Telecom Italia e vi siete accorti di non aver pagato una fattura del vostro abbonamento Internet e/o telefono? Che cosa bisogna fare in questi casi e a quali rischi andiamo incontro se abbiamo una bolletta TIM non pagata? In questo spazio scopriremo che cosa succede quando ci si trova in una situazione simile e quali sono i passaggi da seguire per rimettersi in regola con i pagamenti.

In realtà la maggior parte degli utenti, soprattutto tra coloro che hanno sottoscritto una delle offerte ADSL e fibra negli ultimi anni, hanno utilizzato un metodo di pagamento automatico per usufruire della promozione del provider (carta di credito o addebito diretto su conto corrente): in questo modo il pagamento della bolletta avverrà regolarmente ogni mese, senza che l’utente debba recarsi in banca o effettuare manualmente l’operazione.

Tuttavia ci sono ancora diverse persone che utilizzano il bollettino e in alcuni casi potrebbe capitare che, pur avendo scelto un sistema di pagamento automatico, non vi sia denaro sufficiente per rinnovare l’offerta casa. Cosa succede, quindi, in caso di bolletta Telecom non pagata?

Solleciti di pagamento

Se siete in ritardo nel pagamento delle fatture, la prima mossa da parte dell’operatore è rappresentata dai solleciti attraverso la mail o tramite comunicazione cartacea: TIM invita il cliente a saldare le fatture pendenti entro una certa data. All’interno della comunicazione saranno presenti tutte le modalità con cui è possibile pagare le bollette per evitare l’interruzione del servizio o addirittura sanzioni più serie.

Bolletta TIM già pagata ma che non risulta pagata

Possono esserci dei casi in cui la fattura sia stata pagata ma il sistema di gestione dei pagamenti dell’operatore non sia stato aggiornato (ad esempio per un problema tecnico o magari perché la segnalazione di avvenuto pagamento è in ritardo): se vi ritrovate in una situazione simile, dovrete innanzitutto verificare quali fatture risultano effettivamente non pagate (lo potrete fare anche tramite l’area clienti del sito ufficiale TIM.it, nella sezione “Informazioni amministrative” e contattare immediatamente l’assistenza clienti Telecom Italia, la quale vi fornirà un indirizzo mail o un contatto su cui inoltrare la prova del pagamento.

Servizio disattivato: che cosa fare

In casi meno frequenti, soprattutto se le fatture non pagate sono diverse e/o se i ritardi persistono nel tempo, la compagnia potrebbe decidere di disattivare il servizio. Se avete la prova dei pagamenti che vi vengono contestati e pensate ci sia stato un errore, comunicatelo al customer care TIM: in tempi brevi la situazione verrà sicuramente risolta.

Se, invece, il pagamento delle bollette verranno effettuate oltre i 20 giorni dall’invio della lettera di risoluzione contrattuale, l’abbonamento verrà chiuso e non potrà più essere riattivato.

Bollette TIM non pagate: cosa si rischia

Se le fatture da pagare sono più di una o se non volete pagare la bolletta Telecom per qualche motivo, i rischi che l’operatore decida di ricorrere a soluzioni più serie aumentano, arrivando addirittura al coinvolgimento di società per il recupero crediti o alle vie legali. Il contratto che avete sottoscritto con un operatore ha un valore legale e, quindi, a meno che non vi siano violazioni da parte del provider che possano far decadere il documento stesso, avete l’obbligo di rispettarlo.

Se non siete più soddisfatti, potrete decidere di cambiare compagnia e, quindi, offerta Internet casa: se non sapete quale scegliere, fatevi guidare dal nostro servizio di confronto tariffe ADSL e fibra, completamente gratuito e in grado di farvi risparmiare anche oltre i 400 euro all’anno, a seconda della promozione disponibile. Potete anche chiedere una consulenza ad un nostro esperto, senza costi o obblighi d’acquisto: i nostri contatti di riferimento sono il numero di telefono 0321 085995 (attivo ogni giorno, fino al venerdì, dalle ore 9 alle 20), la mail info@comparasemplice.it e la chat in tempo reale che trovate sul sito.

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.