Rimborso fatture 28 giorni: TIM propone soluzioni compensative

di | 07-06-2019 | Internet ADSL e Fibra, Telecom

Si muove qualcosa sul versante rimborsi per le fatturazioni a 28 giorni, questa volta in casa TIM: con un comunicato diramato ieri, infatti, l’azienda ha aperto alla possibilità di ottenere una soluzione compensativa, quindi alternativa al rimborso vero e proprio, che potrà essere richiesta gratuitamente fino alla data massima del 31 ottobre di quest’anno.

Sommario

Soluzioni compensative TIM: quali sono

In realtà non si tratta di un’unica soluzione, ma si potrà scegliere tra un ventaglio di servizi dell’operatore. Eccoli:

  • TIM VISION, la piattaforma di video streaming esclusiva dell’operatore (ovviamente se non avete già un’offerta che lo prevede senza costi aggiuntivi, come ad esempio le TIM Connect attualmente disponibili nel listino);
  • Chi è, il servizio che permette di sapere chi vi chiama al numero di casa;
  • Extra Voice, l’opzione che vi consente di telefonare senza limiti tutti i i fissi e i cellulari nazionali (valida se avete un’offerta con telefonate a consumo);
  • Voce Internazionale, l’opzione per chiamare illimitatamente i fissi di Europa occidentale, USA e Canada;
  • Max Speed, l’opzione dati per connettersi alla rete Internet fino a 100 Mega in download (nelle zone raggiunte da questa tecnologia).

Per quanto tempo saranno gratuite

Chi sceglierà una delle soluzioni compensative appena descritte, potrà utilizzarla senza canone e senza costi di attivazione per 6 mesi. Non è previsto alcun meccanismo di rinnovo automatico: dopo la scadenza dei mesi gratuiti, quindi, l’opzione verrà disattivata dall’operatore.

Come spiega TIM sul sito ufficiale, quindi, l’accettazione volontaria di uno di questi servizi “comporta la rinuncia al diritto di richiedere la restituzione dei giorni erosi di cui alla delibera AGCOM n. 269/18/CONS“. La scelta si potrà affettuare attraverso l’Area MyTIM, chiamando il servizio clienti al numero 187 oppure recandosi personalmente presso un negozio TIM.

E se si vuole avere il rimborso?

Se, invece, non avete alcuna intenzione di accettare le soluzioni compensative e volete ottenere il rimborso dovuto, leggiamo che “sarà possibile sempre formulare a TIM la richiesta di restituzione dei giorni erosi con la fatturazione a 28 giorni attraverso i consueti canali conciliativi”. Per ulteriori informazioni viene consigliato di contattare l’assistenza TIM.

La decisione, quindi, spetterà agli utenti della compagnia: come già accaduto nel caso di WOW Space Fastweb, chi sceglierà i servizi TIM rinuncerà di fatto al rimborso, mentre chi vuole ottenere la restituzione vera e propria degli addebiti non dovuti dovrà contattare la compagnia e farne esplicita richiesta (se già non è stato fatto).

Ricordiamo che il rimborso si baserà in sostanza sul periodo che va da giugno 2017 e aprile 2018, quindi poco meno di un mese, se si contano i giorni mancanti nelle bollette a 28 giorni. La restituzione, quindi, avrà probabilmente un valore medio pari o inferiore ad un mese di abbonamento, più o meno lo stesso dei 6 mesi di servizio proposti.

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.