Quanto costa passare a TIM mantenendo il numero

di | 23-01-2020 | Cellulari, Telefonia, TIM

Avete scoperto un’offerta TIM Mobile molto più conveniente per il vostro cellulare rispetto a quella attuale? Probabilmente vi starete chiedendo quanto costa cambiare gestore telefonico mantenendo il proprio numero o, più precisamente, quanto costa passare a TIM mantenendo il numero. Proviamo a capire se esistono dei costi fissi da prendere in considerazione in caso di portabilità e se cambia qualcosa a seconda dell’operatore di provenienza.

Sommario

Quanto costa passare a TIM nel 2020: i costi del nuovo operatore

I costi principali da tenere presente quando si cambia compagnia mobile sono sostanzialmente due per quanto riguarda il nuovo operatore:

  • costo della sim;
  • costo di attivazione dell’offerta.

Per quanto riguarda le TIM Advance, offerte rivolte a tutte le tipologie di clientela, i costi di attivazione attuali sono i seguenti:

  • TIM Advance 4.5G: 15 euro una tantum;
  • TIM Advance 5G: 9 euro una tantum;
  • TIM Advance: nessun costo di attivazione.

Le altre offerte di listino non rivolte a tutti, come ad esempio le TIM Young Senza Limiti (per gli under 30), le TIM Junior (per i più piccoli) e la TIM Senior 60+ Senza Limiti (per gli over 60), sono spesso in promozione online con attivazione e primo mese gratis.

Sottoscrivendo un’offerta TIM fuori listino (ad esempio una promozione winback o operator attack) o una delle tariffe TIM citate in precedenza presso un negozio o tramite call center, invece, potrebbe essere previsto il pagamento di un contributo di attivazione, variabile a seconda del piano sottoscritto.

Per quanto riguarda il costo della sim, la cifra da pagare è di circa 10 euro una tantum, ma spesso viene scontata completamente. In alcuni casi, ad esempio acquistando uno smartphone o un altro dispositivo dal listino ufficiale di TIM, si riceverà anche una sim dell’operatore del valore di 5 euro, con 1 euro di traffico prepagato e 4 euro di attivazione. Anche in questo caso, quindi, le cifre possono essere variabili.

Quanto costa passare a TIM a seconda dell’operatore di provenienza

Oltre ai costi previsti del nuovo operatore, è necessario prendere in considerazione gli eventuali addebiti della compagnia che state abbandonando. Tra le spese più comuni da sostenere troviamo:

  • eventuali rate ancora pendenti per smartphone o altri dispositivi acquistati;
  • vincoli di permanenza;
  • vincoli di ricarica.

L’ammontare delle rate e il numero dei pagamenti mensili per l’acquisto di dispositivi, come potete immaginare, varia a seconda del modello e della formula scelti. Vediamo, invece, quali sono i vincoli e i costi previsti dai principali operatori se si decide di passare a TIM.

Passa a TIM da Vodafone

Le offerte Vodafone più recenti (senza smartphone incluso) non prevedono solitamente dei vincoli di permanenza: i clienti, però, possono di un forte sconto sull’attivazione a patto che venga effettuato e utilizzato un certo numero di ricariche durante la permanenza (l’importo è variabile a seconda dell’offerta). Se si decide di passare a TIM senza aver raggiunto tale importo, verrà addebitato lo sconto sull’attivazione.

Passa a TIM da Wind

Con Wind, invece, lo sconto sull’attivazione è spesso legato alla permanenza di 24 mesi: si potrà usufruire del ribasso solo mantenendo l’offerta oppure la sim Wind (quindi avendo anche la libertà di cambiare piano, ma sempre Wind) per almeno 2 anni. Il recesso anticipato, quindi, comporta la restituzione dello sconto.

Passa a TIM da Tre

Anche le offerte ALL-IN di Tre prevedono un impegno di 24 mesi per poter usufruire dell’attivazione scontata, pena la decadenza dello sconto. Non sono previsti vincoli di permanenza, invece, sui piani Play.

Passa a TIM da Iliad

Con Iliad, invece, non sono previsti vincoli o obblighi di permanenza: il passaggio a TIM, quindi, non comporterà dei costi.

Passa a TIM da operatori virtuali

Ogni operatore virtuale ha le proprie condizioni, anche se la maggior parte di essi, come ad esempio Kena Mobile, ho. mobile, Fastweb Mobile e CoopVoce, non prevede costi o vincoli per il passaggio a TIM.

Trasferimento credito residuo: quanto costa?

Abbiamo visto, quindi, quanto costa passare a TIM mantenendo il numero: le condizioni cambiano a seconda del piano sottoscritto e dell’operatore di provenienza. C’è, però, un’altra piccola spesa da prendere in considerazione, ossia l’eventuale commissione in caso di richiesta di trasferimento del credito.

Se dovete passare a TIM con la portabilità e avete ancora credito sulla sim, è probabile che il vostro attuale operatore applichi una “tassa”. La spesa necessaria vi verrà detratta dal credito stesso.

La maggior parte delle compagnie applica una commissione di circa 1,50 euro o poco più, mentre altre, come ad esempio Iliad, non prevede alcun extra costo per il trasferimento del credito.

Le offerte TIM fanno davvero al caso vostro? E quali sono le alternative migliori per le vostre esigenze? Scopritelo con il servizio di confronto delle tariffe mobili su ComparaSemplice.it e cominciate a risparmiare!

Chi siamo

Più letti

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTVMutui e Prestiti

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.