Quota adesione TIM Connect

di | 24-02-2021 | Internet ADSL e Fibra, TIM

La quota di adesione TIM è un contributo che alcuni clienti del provider si ritrovano in bolletta, in particolare coloro che hanno sottoscritto un'offerta casa TIM Connect di qualche anno fa. Ecco di cosa si tratta e come evitare di pagarla.

Avete ancora attiva sulla linea fissa una delle vecchie offerte TIM Connect (ADSL, XDSL, fibra) e avete ancora delle rate della quota di adesione da pagare? Quando scadrà il vincolo? Cerchiamo di rispondere a queste domande in modo chiaro, così che possiate decidere come muovervi in caso di conclusione della durata minima prevista dal contratto.

Sommario

Quota adesione TIM Connect: che cos’è e come funziona

A partire dal 2019 Telecom Italia aveva introdotto sulle proprie offerte Internet casa TIM Connect la cosiddetta “quota di adesione”, un contributo da 10 euro al mese per 24 mesi, che viene azzerato ogni mese. Non si trattava del costo di attivazione, solitamente applicato con un meccanismo simile, bensì di una voce a parte, utilizzata dall’operatore come “retention” per evitare che il cliente si svincolasse prima dei 24 mesi.

La quota di attivazione TIM Connect, in pratica, non viene pagata dal cliente a patto di mantenere l’offerta attiva per tutta la durata minima contrattuale (24 mesi). In caso di recesso anticipato, invece, si pagherebbero le mensilità rimanenti alla fine del vincolo (10 euro per ogni mese restante).

È decisamente uno dei costi nascosti della vecchia offerta TIM più odiati dall’utenza, simile ad altre pratiche adottate dalla concorrenza (pensiamo, ad esempio, al servizio Ready di Vodafone): il recesso prima dei 24 mesi, infatti, può rappresentare una spesa estremamente salata, tenendo conto degli altri costi rateizzati (come l’attivazione e il modem in vendita abbinata).

TIM Connect vs TIM Super: cos’è cambiato

Con l’arrivo delle più recenti TIM Super, la quota adesione TIM Connect da 240 euro è stata abbandonata. Permangono , invece, gli altri costi rateizzati (come il contributo di attivazione e quello per il modem in vendita abbinata): anche con le ultime soluzioni Telecom casa, quindi, bisognerà rispettare comunque dei vincoli di permanenza (24 mesi o 48 mesi per le offerte con modem incluso) per evitare addebiti aggiuntivi oltre al costo di disattivazione.

TIM Connect dopo 24 mesi: cosa succede

Dopo i primi 24 mesi, il costo di adesione non viene più applicato e il cliente potrebbe cambiare piano o gestore senza dover pagare eventuali rate residue di questo contributo “fantasma”. Anche il costo di attivazione, pari a 10 euro al mese per 1 anno, è già azzerato. Potrebbe permanere, invece, la rata di 5 euro al mese per il modem in vendita abbinata: tale contributo rimarrà azzerato solo se si rispetterà il vincolo di 48 mesi.

Recesso gratuito in caso di modifica unilaterale del contratto

In alcuni casi è possibile recedere gratuitamente, anche prima dei 24 o 48 mesi: se il provider decide di rimodulare l’offerta, ad esempio con degli aumenti sul canone mensile o applicando condizioni differenti, il cliente può passare ad un nuovo operatore (migrazione) o dismettere il servizio senza alcun costo o penale.

Su offerte Internet più datate, come ad esempio le TIM Connect, le rimodulazioni sono più frequenti e in alcuni casi il provider preferisce sostituire i vecchi abbonamenti con contratti e soluzioni più recenti.

Se la vostra offerta TIM Connect XDSL, ADSL o fibra viene modificata, Telecom Italia vi informerà con una comunicazione specifica (solitamente insieme all’ultima fattura), indicandovi anche le modalità di recesso gratuito a vostra disposizione, qualora non vogliate accettare le nuove condizioni.

Insomma, la quota di adesione è un contributo che TIM applicava sulle precedenti tariffe Internet per il fisso e che mirava a trattenere i clienti per i primi 24 mesi. Tale costo è stato poi cancellato con l’arrivo delle TIM Super. Avete già superato i 24 mesi oppure vi è stata rimodulata l’offerta e state valutando un cambio operatore su fisso? Potreste fare subito un confronto gratuito delle tariffe Internet casa per trovare subito un’alternativa conveniente, così da risparmiare sensibilmente sulla bolletta.

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.