Premium passa a Sky: quello che devi sapere se sei abbonato Mediaset

Premium passa a Sky: quello che devi sapere se sei abbonato Mediaset
Il post ti è stato utile?
di | 07-11-2018 | TV

Dopo le indiscrezioni delle ultime settimane lo scenario che si profilava nell’ultimo periodo è ormai ufficiale: la piattaforma Premium passa a Sky. L’operazione è resa possibile grazie a un passaggio fondamentale: la vendita da parte di Mediaset di R2, l’infrastruttura hardware e software che è di proprietà della società di Cologno Monzese e che ha permesso finora di criptare il segnale Tv per garantire la visione dei canali disponibili a pagamento. Un evento così importante porterà inevitabilmente cambiamenti importanti non solo per gli abbonati, ma anche per l’azienda che vanta ben 130 dipendenti.

Sommario

Premium passa a Sky: come cambia la pay Tv in Italia

Finora chi voleva garantirsi un’offerta televisiva più ricca e personalizzata aveva la possibilità di districarsi tra due diverse piattaforme: Sky e Mediaset Premium. Per gli appassionati di calcio era però praticamente impossibile poter fare una scelta: era infatti indispensabile poter stipulare entrambi gli abbonamenti per avere la garanzia di non perdere tutti gli eventi. Da questa stagione lo scenario è però cambiato: l’azienda di Cologno Monzese ha perso i diritti sulla Champions League, che è tornata a essere un’esclusiva della società con sede a Santa Giulia insieme all’Europa League. Non è andata meglio nemmeno per la Serie A, pur non essendoci più un’unica realtà in grado di trasmettere l’intero campionato. Il Biscione si è infatti tirato fuori quasi subito dall’asta e questo ha permesso l’inserimento di DAZN, la Tv online del Gruppo Perform che ha fatto il suo debutto in Italia. Qui di seguito è possibile visionare tutte le offerte per seguire il torneo.

Uno scenario di questo tipo ha inevitabilmente spinto Pier Silvio Berlusconi a valutare una strada alternativa. Era stato lo stesso dirigente ad annunciare qualche settimana fa di avere avviato una trattativa che avrebbe portato ben presto a una cessione di Premium a Sky. E ora l’operazione si è effettivamente trasformata in realtà. Mediaset è infatti arrivata a esercitare l’opzione di “put” che era prevista nell’accordo sottoscritto tra le parti la scorsa primavera. I primi a essere coinvolti sono i 130 dipendenti di R2, la società che si occupa della fornitura dei servizi tecnologici e distributivi della pay Tv, compreso il sistema che richiede l’utilizzo di decoder e smart Tv.

In base a quanto riferito da Sole 24 Ore e Ansa, è necessario attendere un ultimo passo per far sì che l’operazione venga finalizzata. Il closing dovrà avvenire quasi sicuramente entro la fine dell’anno.

Quali sono le conseguenze per gli abbonati

Chi è in possesso attualmente di un abbonamento a Mediaset Premium non può che porsi una domanda: cosa accadrà ora? Ci saranno modifiche all’offerta TV a livello di contenuti e di costi?

Al momento, in attesa che il passaggio diventi definitivo, è ancora difficile fare previsioni certe. Il cambiamento potrebbe comunque non essere così traumatico. L’inizio della collaborazione tra le due parti è effettivamente iniziato a marzo di quest’anno quando le due hanno avviato la trattativa e definito le basi dell’accordo. Mediaset Premium potrebbe arrivare a cedere a Sky solo parzialmente la sua piattaforma di trasmissione. L’azienda di Cologno Monzese potrebbe comunque decidere di restare editore e quindi continuare a curare in prima persona i canali dedicati a serie Tv e film a cui tanti utenti sono affezionati. Non è un caso che ora Canale Cinque sia visibile nuovamente al tasto 105 della piattaforma Sky (a breve lo stesso destino dovrebbe toccare Italia Uno e Retequattro).

I canali Premium Cinema, Premium Cinema +24, Premium Cinema Energy, Premium Cinema Emotion, Premium Cinema Comedy e quattro canali di fiction non sarebbero più disponibili su Mediaset. Ad avere accesso alle reti sarebbero solo gli abbonati Sky via satellite (la pay Tv potrebbe inserirne alcuni a chi ha scelto l’opzione via fibra e via digitale terrestre). L’emittente di Santa Giulia potrebbe inoltre rendere ancora più ricca la sua proposta acquisendo le emittenti Universal e Warner, realtà imperdibili per un vero cinefilo che finora poteva gustarle solo su Premium.

I vantaggi per gli utenti Sky potrebbero non essere finiti qui. La programmazione potrebbe essere ampliata con Premium Action, Premium Joy, Premium Stories e Premium Crime, imperdibili per tutti gli appassionati di serie Tv di ogni genere. Il tutto, particolare di non poco conto, senza introdurre alcun aumento al canone mensile. I clienti Mediaset non dovranno invece necessariamente recedere dal proprio contratto. Si punta infatti a garantire la visione alcuni canali Sky Sport Sky Cinema senza avere la necessità di disdire il vecchio abbonamento.

L’Antitrust è alla finestra

L’operazione potrà diventare comunque definitiva solo non appena arriverà a pronunciarsi l’Antitrust. L’organismo ha il compito proprio di vigilare sul rispetto della concorrenza ed evitare che possa esserci un ulteriore monopolio di cui possa beneficiare solo Sky.

Al momento Sky rappresenta il 77% nel settore delle TV a pagamento in Italia. Mediaset Premium vanta ovviamente una percentuale minore (21%), pur avendo perso i diritti sul calcio, da sempre il motore principale per cui sottoscrivere un abbonamento. La situazione è però destinata a cambiare con l’operazione ormai alle porte.

E i dipendenti?

L’operazione coinvolge inevitabilmente in prima persona anche i dipendenti di R2, addirittura 130 persone. Quale sarà il loro destino? I sindacati si sono detti infatti pronti a valutare con attenzione cosa potrà accadere.

Si convochi immediatamente il tavolo di confronto con Sky e con Mediaset per valutare preventivamente l’impatto sociale della compravendita come previsto dall’accordo sottoscritto con i sindacati e Rsu dalla stessa Mediaset lo scorso 24 aprile” – è la nota ufficiale emessa dal Sic Nazionale.

 

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995