Disdetta WINDTRE

di | 25-08-2021 | Internet ADSL e Fibra, WindTre

In questa guida vedremo come effettuare correttamente una richiesta di disdetta WINDTRE e quando è necessario presentarla. Non solo: scopriremo anche quali sono gli errori più comuni a cui fare attenzione per evitare spiacevoli sorprese e addebiti indesiderati.

Disdetta WINDTRE
Confronta

State valutando l’ipotesi di una disdetta WINDTRE su linea fissa perché volete cambiare operatore o perché avete deciso di disattivare la rete di casa? Le procedure per la dismissione della linea e per il passaggio ad un nuovo provider sono abbastanza comuni e spesso possono apportare dei vantaggi dal punto di vista economico, sfruttando le numerose promozioni presenti sul mercato pensate per i nuovi clienti, a patto, però, che non vengano commessi alcuni errori che potrebbero farvi pentire della scelta.

Prima di vedere come effettuare una disdetta WINDTRE, vediamo quali sono i vincoli che solitamente il provider prevedere sulle proprie offerte Internet casa:

Sommario

Vincoli di permanenza WINDTRE

WINDTRE prevede solitamente un vincolo di 48 mesi per azzerare il contributo del modem in vendita abbinata, anziché pagare 5,99 euro al mese. Il vincolo si riferisce all’offerta tutto compreso Super Fibra o alle soluzioni simili in versione ADSL o XDSL (a seconda della copertura disponibile).

Solitamente l’offerta senza modem (ABSOLUTE) ha una durata minima di 2 anni, mentre la Super Fibra (che, come abbiamo visto, include l’apparato a 0 euro) prevede un vincolo di 4 anni.

Per quanto riguarda l’attivazione, le ultime edizioni delle promo WINDTRE casa la segnalano “senza costi” e senza particolari vincoli da rispettare.

Costo disdetta WINDTRE

Il contributo di disattivazione WINDTRE è generalmente pari ad una mensilità del piano, sia nel caso di dismissione della linea che di migrazione verso altro operatore. È sempre dovuto, anche se si è rispettato il vincolo di permanenza previsto dalla propria offerta.

Recesso anticipato WINDTRE: cosa comporta

In molti si chiedono quale sia la penale WINDTRE per il recesso anticipato: in realtà questa tipologia di contributo è stata abolita da tempo con il famoso Decreto Bersani. Tuttavia un recesso anticipato, prima dei 24 o 48 mesi citati precedentemente, può significare una spesa importante da parte del cliente.

Alla mensilità sempre dovuta per il contributo di disattivazione, infatti, andrebbero ad aggiungersi anche le rate del modem rimanenti, fino al raggiungimento dei 48 mesi. La spesa potrebbe essere differente a seconda della promozione e del modello di modem associato (ad esempio, la promo sottoscritta prevedeva anche un vincolo sull’attivazione di 24 mesi).

È importante, quindi, leggere con attenzione le condizioni del proprio contratto per conoscere gli importi esatti oppure contattare l’assistenza clienti WINDTRE per avere maggiori informazioni in merito.

Disdetta WINDTRE gratis: quando è possibile?

Ci sono dei casi in cui è possibile godere della disdetta WINDTRE gratis, anche se richiesta anticipatamente:

  • presentando una richiesta entro i primi 14 giorni, approfittando del diritto di recesso garantito a tutti i consumatori (per questa opzione è disponibile un modulo per il diritto di recesso WINDTRE oppure è possibile chiamare il servizio clienti al numero gratuito 159);
  • in caso di modifica unilaterale delle condizioni di contratto da parte del provider durante il periodo di vincolo contrattuale.
  • se il gestore non rispetta le condizioni contrattuali sottoscritte con il cliente (ad esempio se non rispetta la velocità Internet minima garantita da WINDTRE per l’offerta attivata dall’utente).

Disdetta WINDTRE: quando e come farla

Arriviamo finalmente al tema centrale di questo articolo, la disdetta WINDTRE: quando bisogna presentare la domanda? Se state valutando di fare una migrazione verso un altro provider (ad esempio avete trovato delle promozioni migliori dopo aver fatto un confronto gratuito delle tariffe Internet casa) NON dovete presentare alcuna richiesta di disdetta: sarà il nuovo gestore, infatti, ad occuparsi di tutte le pratiche relative alla chiusura del contratto con WINDTRE.

Se, invece, volete disattivare il servizio sulla linea o addirittura dismetterla, la richiesta per la disdetta WINDTRE dovrà essere presentata. Il provider mette a disposizione un modulo dedicato (che potete scaricare a fine paragrafo), da compilare e consegnare, insieme alla fotocopia di un documento di identità, attraverso uno dei seguenti canali:

  • via PEC all’indirizzo servizioclienti159@pec.windtre.it;
  • via posta, tramite raccomandata A/R, all’indirizzo Wind Tre S.p.A. – CD MILANO RECAPITO BAGGIO, Casella Postale 159, CAP 20152 Milano (MI);
  • recandosi presso un negozio WINDTRE.

In alternativa è possibile richiedere la disdetta del servizio contattando l’assistenza clienti al numero gratuito 159, seguendo la voce guida del menu per poter parlare con un operatore.

SCARICA IL MODULO DISDETTA WINDTRE PDF

La compagnia consiglia di inoltrare la richiesta di disdetta con un preavviso di almeno 30 giorni.

Disdetta WINDTRE per decesso

Se l’intestatario di una linea WINDTRE casa viene a mancare, la procedura da seguire per chiudere il contratto è la stessa prevista per una normale disdetta. Bisognerà, quindi, compilare il modulo disdetta WINDTRE e inviarlo attraverso uno dei seguenti canali:

  • tramite PEC alla mail servizioclienti159@pec.windtre.it;
  • tramite raccomandata A/R, all’indirizzo Wind Tre S.p.A. – CD MILANO RECAPITO BAGGIO, Casella Postale 159, CAP 20152 Milano (MI);
  • presentando la documentazione presso un negozio WINDTRE.

Tra i documenti da presentare, è consigliabile aggiungere anche il certificato di morte dell’intestatario che è venuto a mancare.

Le tempistiche e i costi della disdetta WINDTRE per decesso sono gli stessi della normale disdetta: per la chiusura bisognerà attendere 30 giorni dalla richiesta, mentre il contributo richiesto è pari ad una mensilità del contratto.

Subentro WINDTRE

Un’alternativa alla disdetta è il subentro, che permette di modificare l’intestazione di una linea telefonica attiva nella stessa sede dove si trova la linea, garantendo la continuità del servizio. Può essere utile in caso di decesso di un familiare o se si vuole semplicemente subentrare ad un intestatario precedente, usufruendo della stessa offerta attiva sul numero.

Per presentare la richiesta è necessario compilare il modulo subentro WINDTRE e inoltrarlo al gestore scegliendo uno dei seguenti canali:

  • via raccomandata A/R all’indirizzo Wind Tre S.p.A. – CD MILANO RECAPITO BAGGIO – Casella Postale 159 – 20152 Milano (MI);
  • via PEC all’indirizzo servizioclienti159@pec.windtre.it;
  • presentandolo personalmente presso un negozio WINDTRE autorizzato.

All’interno del modulo troverete tutte le informazioni sui dati da inserire e i documenti da allegare a seconda del caso (subentro per decesso, subentro tra familiari o tra persone non legate da parentela).

Trasloco WINDTRE

Anche in caso di trasloco (cioè trasferimento della linea presso un’altra abitazione, ad esempio in caso di cambio casa) non è necessario dover presentare alcuna richiesta di disdetta per l’indirizzo precedente.

Per presentare la richiesta, è necessario scaricare e compilare il modulo trasloco WINDTRE, allegare una copia del documento di identità e inviare il tutto all’indirizzo Wind Tre S.p.A. – CD MILANO RECAPITO BAGGIO, Casella Postale 159, CAP 20152 Milano (MI). Il costo del trasloco è pari a 72 euro, IVA inclusa.

Disdetta WINDTRE mobile

Se avete una sim WINDTRE inutilizzata o che non desiderate più avere, non è necessario presentare una disdetta: è sufficiente non ricaricare la scheda e non utilizzarla per 12 mesi consecutivi. Dopo tale periodo, infatti, la sim viene disattivata: il cliente avrà tempo altri 11 mesi per richiedere la riattivazione del numero, qualora cambiasse idea.

Disdetta WINDTRE: gli errori da non commettere

Abbiamo visto, quindi, come effettuare correttamente una disdetta WINDTRE, quali sono i costi e le alternative al recesso. Prima di procedere con la richiesta, però, fate attenzione a non commettere alcuni errori abbastanza comuni, così da evitare addebiti indesiderati o altre spiacevoli sorprese:

Non rispettare i vincoli contrattuali

Una disdetta WINDTRE, così come con gli altri operatori, prevede il pagamento di un contributo di disattivazione in caso di dismissione della linea oppure per il cambio operatore, generalmente pari ad una mensilità. A tale costo, però, potrebbero aggiungersene altri, a seconda del vincolo contrattuale dell’offerta sottoscritta.

Solitamente un’offerta tutto compreso di WINDTRE (come la Super Fibra) ha due principali vincoli:

  • 24 mesi per l’azzeramento del costo di disattivazione;
  • 48 mesi per l’azzeramento del costo del modem in vendita abbinata.

Se si effettua un recesso anticipato, quindi, bisognerà pagare le mensilità restanti per i 24 e i 48 mesi.

Le offerte senza modem (ad esempio la ABSOLUTE), invece, mantengono solo il vincolo dei 24 mesi.

È possibile, tuttavia, che in alcuni periodi e su alcune vecchie offerte WINDTRE proponga l’attivazione totalmente gratuita e il modem in comodato d’uso: è sempre importante, quindi, controllare attentamente le condizioni contrattuali sottoscritte oppure rivolgersi all’assistenza (al numero 159) per avere chiarimenti in merito.

Non controllare attentamente i servizi compresi con il nuovo operatore

Prima di effettuare una richiesta di portabilità, infatti, è importantissimo analizzare attentamente anche la nuova offerta che si vuole sottoscrivere. Ad esempio, se le chiamate comprese nel piano sono a consumo ma voi siete abituati a chiamare quasi sempre da fisso, un canone più basso potrebbe essere conveniente solo in apparenza. Il modem è incluso sul canone oppure è necessario acquistarne uno? Quali vincoli prevede il nuovo operatore? Sono queste alcune degli aspetti principali da tenere in considerazione prima di siglare un nuovo contratto.

Non restituire il modem e non aver pagato eventuali rate mancanti

Alcune offerte WINDTRE per il fisso, soprattutto se sottoscritte qualche anno fa, potrebbero prevedere l’utilizzo di un modem in comodato d’uso: in questi casi sarà necessario restituirlo per evitare ulteriori addebiti in caso di disattivazione della linea o di portabilità verso altro operatore (la cifra potrebbe cambiare a seconda del modello). Per saperne di più è possibile leggere e seguire i consigli presenti nella nostra guida su come restituire il modem Wind Infostrada.

Se, invece, avete acquistato altri apparati o servizi a rate, oppure vi sono ancora delle mensilità relative ai già citati costi di attivazione, è obbligatorio il saldo dei pagamenti pendenti: il pagamento sarà possibile anche dopo la disdetta alle stesse condizioni previste inizialmente oppure in un’unica soluzione. Vi ricordiamo che, in caso di mancato pagamento dopo i solleciti da parte della compagnia, quest’ultima potrebbe agire legalmente per recuperare le somme dovute.

Come abbiamo visto, quindi, gli errori sulla disdetta Wind sono facilmente evitabili e non richiedono particolari azioni da parte dell’utente: è sufficiente una maggior attenzione prima di disattivare la linea o di cambiare compagnia, valutando attentamente tutti i pro e i contro. Riassumendo:

  • se volete passare ad un nuovo operatore fisso o addirittura passare ad una tecnologia differente rispetto a quella proposta da Wind (ad esempio le offerte FWA o le soluzioni mobili su rete 4G/4G+), verificate attentamente la copertura, ossia la presenza nella vostra zona del servizio (sul sito ufficiale dell’operatore potrebbe essere presente una pagina di verifica o potreste contattare direttamente l’assistenza);
  • controllate anche gli altri servizi compresi nel piano, oltre alla rete dati e/o alle telefonate;
  • controllate quali sono i costi dopo l’eventuale periodo promozionale;
  • verificate quali sono le condizioni contrattuali del nuovo operatore (costi di disattivazione, di passaggio ad altro operatore, vincoli di permanenza);
  • leggete opinioni e recensioni sulla qualità del servizio e dell’assistenza, soprattutto se relative alla vostra zona.

Avete ancora dei dubbi sulle modalità di disdetta WINDTRE e su eventuali restituzioni o pagamenti ancora pendenti del vostro contratto? Il nostro ultimo consiglio è di contattare l’assistenza WINDTRE al numero 159 o attraverso uno degli altri canali messi a disposizione per l’utenza (se non li conoscete vi rimandiamo al nostro speciale dedicato, dove troverete tutti i contatti del servizio clienti WINDTRE).

Newsletter - Informativa sulla privacy

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.