Voltura Eni Luce

Come richiedere la voltura della luce a Eni

Se stai pensando di effettuare un cambio intestatario ad una rete di energia elettrica, probabilmente state cercando delle informazioni utili su come fare la richiesta in modo corretto e rapido: in questo spazio vedremo in particolare come si richiede una voltura Eni luce, quali sono i passaggi da seguire, i tempi e i costi previsti.

La voltura di un contratto per l'energia elettrica non è l'unica soluzione per ottenere la fornitura Eni. Di seguito, le guide offerte da ComparaSemplice.it:

Continuando a leggere, potrai raccogliere tutte le informazioni utili per procedere con la voltura di un contratto Eni per l'elettricità.

Voltura o subentro?

Prima di vedere come fare, rispondiamo ad una prima domanda che molti utenti si pongono: perché una voltura e non un subentro? Che differenza c’è tra le due possibilità? Anche il subentro Eni luce è un cambio intestatario ma è un’opzione valida se la fornitura è stata disattivata. La voltura, invece, prevede il cambio intestatario su una fornitura già attiva

[Torna all'indice]

Documenti e dati da tenere a portata di mano

Detto questo, vediamo ora di che cosa abbiamo bisogno per la voltura Eni luce, in particolare i dati e i documenti da tenere a portata di mano per effettuare la richiesta. Sul sito ufficiale del fornitore vengono segnalati quattro dati necessari per presentare la domanda di cambio intestatario di una rete già attiva:

  • il documento d’identità del nuovo intestatario dell’utenza;
  • il codice fiscale del nuovo intestatario;
  • una lettura aggiornata del contatore;
  • il codice POD (Point of Delivery). 

[Torna all'indice]

Cos’è il POD

Il POD, conosciuto anche come Punto di Riconsegna, è un codice alfanumerico di 14 o 15 caratteri che contraddistingue in modo univoco ogni punto di accesso alla rete elettrica: è il punto fisico in cui l’energia viene consegnata e utilizzata dal cliente. È facilmente identificabile rispetto ad altri codici perché ha come caratteri iniziali le lettere “IT”. Il POD non cambia, anche modificando intestatario o passando ad altro fornitore: non ha nulla a che vedere con il codice cliente o con il numero del contratto sottoscritto, ma è legato solo ed esclusivamente al punto fisico in cui arriva la corrente e viene prelevata.

Il POD può essere recuperato consultando una bolletta precedente (nella voce POD), tramite il sito ufficiale di Eni (accedendo alla sezione I miei prodotti/Luce e gas) oppure utilizzando l’app ufficiale Eni Gas e Luce, scaricabile gratuitamente su smartphone e tablet Android e Apple.

Se avete problemi a trovare il POD potrete contattare l’assistenza Eni attraverso i vari canali messi a disposizione per i clienti.

Come riferisce la stessa Eni, “i dati utilizzati per la voltura saranno quelli inseriti in fase di registrazione”: è importante, quindi, utilizzare i dati esatti del nuovo intestatario della fornitura.

[Torna all'indice]

Come presentare la richiesta

Il metodo più semplice per effettuare una voltura Eni luce è online, attraverso la registrazione all’area My Eni e inserendo la richiesta, seguendo le istruzioni sullo schermo. Questo tipo di procedura è valido solo ed esclusivamente se la fornitura su cui si vuole modificare l’intestatario è già con Eni.

Per gli altri casi, invece, sarà possibile cambiare l’intestatario della fornitura telefonando al servizio clienti Eni al numero verde 800 900 700: la linea è attiva 24 ore su 24, ogni giorno della settimana, tranne che nelle festività. In alternativa è possibile chattare in tempo reale con un consulente Enel sul sito ufficiale www.enicaseluce.it oppure recarsi personalmente presso un Energy Store Eni (puoi consultare la mappa dei negozi Eni disponibile sul portale per trovare quelli più vicini alla tua zona).

Durante la richiesta di voltura Eni luce sarà l’assistenza clienti o le istruzioni sull’area My Eni a segnalarti l’esattezza della documentazione presentata: nel caso in cui fosse necessario presentare ulteriori certificazioni sarai informato dal fornitore e potrai integrare la richiesta con i dati mancanti. In caso di errori o inesattezze, Eni informerà il cliente attraverso uno dei contatti segnalati da quest’ultimo (numero di telefono o mail), con tutte le informazioni utili per correggere e/o modificare la richiesta. 

[Torna all'indice]

Cambiare offerta con ComparaSemplice.it

Come scritto in precedenza, quindi, sarà possibile presentare la richiesta di cambio intestatario attraverso l’area My Eni o chiamando direttamente il servizio clienti della compagnia. Se vuoi cambiare offerta e sceglierne una più adatta alle tue esigenze, potrai scoprire le migliori tariffe luce Eni attraverso il servizio di confronto messo a disposizione gratuitamente da ComparaSemplice.it: grazie ai filtri di ricerca sarà possibile trovare le soluzioni più compatibili al profilo utente e sarà possibile risparmiare sensibilmente sulla bolletta, anche oltre i 250 euro all’anno a seconda della promozione.

Su ComparaSemplice.it è a disposizione, inoltre, un servizio di consulenza, anch’esso gratuito e senza obbligo d’acquisto: per parlare con un nostro esperto è possibile chiamare il numero 800 709 993 (attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 20), scrivere una mail all’indirizzo info@comparasemplice.it oppure tramite la live chat attiva sul nostro sito.

Subito dopo l’accoglimento della domanda, verrà inviato il nuovo contratto (nei casi in cui verrà cambiata l’offerta o il tipo di servizio) da firmare e inviare nuovamente al fornitore. I canali verso cui restituire la documentazione firmata ti saranno segnalati dall’operatore stesso: generalmente viene inoltrata via mail. 

[Torna all'indice]

Tempi di attesa

Le tempistiche per una voltura Eni Luce sono variabili: tuttavia l’attesa non supera quasi mai una o al massimo due settimane. Tutto dipenderà dal tipo di voltura che si deve effettuare (se l’utenza era già Eni o se si proviene da altro fornitore) e da eventuali errori o inesattezze sulla documentazione. Il fornitore sarà comunque a tua completa disposizione, tenendoti informato sullo stato della pratica.

Inoltre, accedendo nell’area My Eni del sito ufficiale Enigaseluce.com, sarà possibile tenere sotto controllo lo stato della richiesta, oltre che accedere ad altre importanti informazioni e servizi, come ad esempio la possibilità di scaricare la documentazione contrattuale in formato digitale. 

[Torna all'indice]

Quanto costa la voltura Eni luce

Quanto costa la voltura Eni luce? Come per gli altri fornitori è previsto un contributo fisso pari a 23 euro, più oneri amministrativi per il distributore locale che si aggirano attorno ai 27 euro. Normalmente il metodo di pagamento consigliato per le offerte Eni è l’addebito su conto corrente o carta di credito: nei casi in cui si optasse per il bollettino postale è previsto un deposito cauzionale di 11,5 euro per ogni kW di potenza richiesta.

La voltura Eni luce, come abbiamo avuto modo di vedere, è una procedura molto semplice, veloce ed effettuabile interamente online, attraverso i servizi del sito ufficiale Eni Gas e Luce. Chi non è pratico con i canali Internet, tuttavia, potrà recarsi nei negozi Eni abilitati per tali operazioni. 

[Torna all'indice]

Valuta il nostro servizio di comparazione

Media: 5 su 5
Basata su 28 recensioni cliente

Le nostre guide

  • Gas e Luce

    Allaccio di luce e gas

    Tutto quello che ti serve sapere sull'allacciamento della fornitura di energia elettrica e gas.

    Leggi la guida
  • Gas e Luce

    Mercato libero dell'energia e del gas

    Cos'è il mercato libero? Perché conviene rispetto al mercato tutelato? Scoprilo nella guida.

    Leggi la guida
  • Gas e Luce

    Come cambiare fornitore

    Consigli e informazioni per cambiare fornitore di luce e gas senza problemi.

    Leggi la guida
Tutte le guide

I Fornitori

News

Tutte le news