Energia Elettrica: compara le offerte luce dei migliori operatori Italiani

Confronta le tariffe per risparmiare sulle tue bollette della luce

1
2
3

Come risparmiare sul costo dell'energia elettrica

Il confronto delle offerte energia elettrica proposto da ComparaSemplice.it, così come quello delle offerte solo gas o delle offerte luce e gas è un servizio gratuito che può farti risparmiare fin da subito sull'energia.

Il risparmio sull'energia è un'esigenza che interessa i singoli, le famiglie e le aziende sotto due aspetti: quello economico e quello d'impatto ambientale dei consumi. Gli accorgimenti che si possono seguire nel quotidiano, prevengono dallo spreco di elettricità e aiutano a limitare i costi in bolletta. Con la diffusione dei dispositivi che necessitano di energia, le buone prassi per evitare consumi inutili sono sempre più importanti, così come la scelta di un fornitore luce per la casa o per l'azienda che proponga offerte convenienti.

Spegnere la luce quando non è utilizzata, disconnettere i dispositivi in stand by, optare per elettrodomestici ad alta efficienza energetica e lampadine a risparmio energetico, utilizzare i grandi elettrodomestici nelle ore di minor assorbimento della rete (di notte e nei weekend e festivi): tutte strategie che permettono di risparmiare energia e di ricevere bollette luce più economiche.

Soprattutto a casa, in famiglia, l'educazione e l'attenzione al risparmio energetico, è un approccio sempre più importante per utilizzare con consapevolezza un patrimonio importante. Non si tratta di rinunciare, ma di sfruttare ottimizzando i consumi.

Prima ancora di confrontarsi sulla questione di come risparmiare energia elettrica, la domanda alla quale rispondere è: "Chi mi fa risparmiare sulla luce?". E qui entra in gioco il confronto delle offerte e delle tariffe, un servizio grazie al quale è possibile vagliare l'ampia proposta dei fornitori di energia (come Enel Energia, Eni o Edison)sul mercato libero e sul mercato tutelato, per trovare la soluzione più adatta allo stile di consumo e alla capacità di spesa. Se, poi, la tematica del risparmio di energia è legata anche alla coscienza "green", ancora una volta il confronto delle offerte dà modo di scegliere il prodotto con un impatto ambientale minore, con un mix energetico che preveda un'alta percentuale di produzione da fonte rinnovabile (idroelettrica, solare, eolica, geotermica).

La spesa in elettricità può essere moderata anche grazie alla scelta dell'offerta per la fornitura della luce con le caratteristiche adeguate al tuo stile di consumo. Per sapere quale offerta scegliere, ComparaSemplice.it mette a tua disposizione una serie di strumenti che ti guidano nella valutazione della migliore tariffa del mercato, secondo le tue esigenze. Oltre la comparazione delle offerte luce, su ComparaSemplice.it trovi gli approfondimenti tematici del blog, con le rubriche dedicate all'energia, le guide sulla fornitura e i contratti luce e puoi richiede, gratuitamente e senza impegno, il supporto dei nostri consulenti, chiamando il numero verde o facendoti ricontattare via chat o via telefono.

Come confrontare le offerte per l'energia elettrica

Confrontare le offerte per la fornitura dell'elettricità su ComparaSemplice.it è gratuito e richiede poco tempo. Le informazioni richieste sono necessarie a calcolare il tuo consumo medio e a presentarti solo le offerte più allineate al tuo profilo.

Con il modulo che trovi in questa pagina puoi perfezionare i risultati presentati dalla pagina di confronto delle offerte.

[Torna all'indice]

Tipo di contratto luce

Definendo il tipo di contratto luce di cui hai bisogno, puoi scegliere tra:

  • Allaccio o nuova attivazione: è il caso in cui non sia mai stato attivato una fornitura sul contatore dell'utenza (neanche in passato).
  • Cambio fornitore: sull'utenza c'è una fornitura attiva e si vuole passare ad altro operatore.
  • Subentro: è la riattivazione di un servizio di fornitura momentaneamente interrotto (caso del cambio di titolare del contratto).

[Torna all'indice]

Potenza impiegata

Cosa si parla, quando si fa riferimento alla potenza impiegata? Ecco una definizione:

La potenza impiegata è il livello di potenza messo a disposizione dal fornitore, definito in fase contrattuale sulla base delle esigenze del cliente.

Dalla scelta della potenza contrattualmente impiegata è una decisione importante: la tariffa cambia in modo significativo. Le opzioni vanno da 1 kW a 6 kW. Per un'utenza domestica, generalmente, si applica uno standard di 3 kW: potenza che permette di gestire l'assorbimento degli elettrodomestici di consumo (anche utilizzati contemporaneamente).

[Torna all'indice]

Consumo annuale in kWh

Il consumo annuale è un'informazione che ti chiediamo per stimare una spesa mensile e rendere comparabili le offerte per la fornitura luce dei diversi fornitori. È misurato in kWh e puoi scoprire qual è il tuo consumo annuale, controllando la tua bolletta.

Qualora non avessi tempo, voglia o possibilità di effettuare questa verifica, hai due opzioni: utilizzare lo standard di consumo della famiglia media italiana (2.700 KWh), utilizzare il configuratore dei consumi proposto da ComparaSemplice.it (una stima basata sul numero di persone e gli elettrodomestici presenti in casa).

[Torna all'indice]

Il confronto delle offerte luce

Una volta raccolte tutte le informazioni necessarie, il motore di comparazione ti presenta una pagina di risultati, con le offerte dei fornitori, attivabili nella tua città, ordinate per prezzo crescente (prima l'offerta più economica).

Le tariffe vengono presentate per una facile comparazione sulla base della spesa mensile stimata. Nei dettagli vengono riportate tutte le informazioni fondamentali per valutare la proposta: tipologia di pagamento, tariffa monoraria o bioraria, eventuale sconto, prezzo bloccato e altri vantaggi. A questo punto, non resta che capire qual è l'offerta luce più conveniente sulla base della tariffa migliore, valutando anche le tue esigenze di consumo.

[Torna all'indice]

Quale offerta luce conviene

La convenienza di una proposta di fornitura per la luce di casa o dell'azienda è una valutazione che deve tenere conto di tanti fattori. A supporto della tua scelta, ComparaSemplice.it mette a tua disposizione i consulenti, che possono chiarire i tuoi dubbi e orientare la tua scelta sulla base delle tue necessità.

Gli elementi da considerare sono i seguenti:

[Torna all'indice]

Prezzo al kwh

È l'elemento che incide per il 30-45% sul costo della bolletta. Si tratta della tariffa che viene applicata al consumo mensile di energia. Nel mercato libero tale prezzo è definito dai fornitori in regime di libera concorrenza e può essere indicizzato a qualche mercato di riferimento (Pun o Brent). Il prezzo al kWh nel mercato tutelato viene definito trimestralmente dall'AEEGSI.

[Torna all'indice]

Tipo di tariffa luce (monoraria, bioraria)

Una scelta rilevante e che deve essere basata sullo stile di consumo di elettricità della famiglia o del singolo. La tariffa bioraria (o multioraria) deve essere preferita nel caso in cui i maggiori consumi avvengono fuori dagli orari d'ufficio (durante la serata e fino alla mattina presto, nei weekend e nei giorni festivi). Con la tariffa bioraria, infatti, il costo della luce è più conveniente fuori dagli "orari di punta". Nel caso in cui la casa venga vissuta durante tutte le ore del giorno e durante tutti i giorni della settimana, la tariffa monoraria è l'opzione giusta: il prezzo al consumo è "flat", indipendente dal calendario e dall'orario.

Spesso, lo stesso prodotto luce propone la variante monoraria o bioraria.

[Torna all'indice]

Tipo di tariffa luce (bloccata o variabile)

Molte delle offerte del mercato libero dell'energia propongono il prezzo bloccato: cosa significa? Qual è l'alternativa? Con tariffa bloccata o fissa s'intende un prezzo invariabile della componente luce per la durata del contratto (solitamente un anno).

A differenza della tariffa variabile, quella bloccata non subisce le fluttuazioni del mercato, mettendo al riparo da eventuali aumenti del costo dell'energia, ma anche precludendo il vantaggio di un eventuale ribasso del prezzo. La tariffa bloccata è l'opzione da preferire nel caso in cui si prevedano incrementi del prezzo della materia prima nei mesi successivi. Una valutazione che richiede una profonda conoscenza del mercato energetico nazionale e internazionale. Al di là dell'analisi macroeconomiche, puoi scegliere questo tipo di tariffa luce qualora preferissi avere, per un periodo definito, un costo stabile in bolletta, variabile solo sulla base del livello di prelievo mensile.

Al termine del periodo contrattuale, con debito anticipo, il fornitore propone al cliente la nuova tariffa applicata: il cliente può accettare tacitamente il rinnovo alle nuove condizioni o cambiare contratto/fornitore.

Esistono, poi, formule miste, che pongono un tetto al prezzo dell'elettricità.

[Torna all'indice]

Sconti sul prezzo luce e offerte, prodotti o servizi abbinati

Non è raro trovare, tra le condizioni proposte dalle varie offerte, il classico sconto sulla tariffa a consumo. Può trattarsi di uno sconto permanente o limitato nel tempo. Un'occasione da cogliere senza farsi impressionare dalla percentuale di sconto o dalla somma del bonus, ma sempre mettendo a confronto la spesa mensile delle singole offerte.

Nelle offerte bundle o di co-branding, il prodotto luce è abbinato ad altri prodotti o servizi. In alcuni casi, viene proposto uno sconto dedicato ai già clienti di un'altra utility (internet provider, telefonia, pay tv).

[Torna all'indice]

Modalità di pagamento e bolletta 2.0

La fatturazione standard per il servizio elettrico è bimestrale; tuttavia si possono trovare anche offerte con fatturazione mensile. La modalità di pagamento della fattura elettrica è una preferenza, ma può diventare anche un'occasione di risparmio. RID o bollettino? In molti ancora non si fidano dell'addebito diretto su conto corrente o possiedono un conto base, con operazioni limitate. Per questo è spesso richiesta un'offerta pagabile con bollettino postale. In questo caso, è bene fare alcune considerazioni:

  • Deposito cauzionale: a chi, in fase di stipula del contratto per la fornitura, sceglie il pagamento tramite bollettino, viene quasi sempre richiesto un deposito cauzionale.
  • Scadenze, dimenticanze e ritardi: con le bollette cartacee e i bollettini è facile dimenticare le scadenze, pagare in ritardo o saltare qualche pagamento. Il rischio è quello di dover pagare interessi di mora o, peggio, la segnalazione come cattivo pagatore. L'addebito diretto sul conto corrente mette al riparo da questi spiacevoli conseguenze legate ai pagamenti manuali.
  • Sconti per la scelta del RID: alcuni fornitori propongono sconti per coloro che optano per l'addebito su conto.

In fase di stipula contrattuale si può scegliere il recapito della bolletta elettronica via e-mail. Una soluzione smart, che può portare anche qualche vantaggio economico. A fronte di una minor spesa di postalizzazione delle bollette e per incentivare la cultura dei documenti in formato elettronico, i fornitori possono proporre sconti sulla fornitura elettrica.

[Torna all'indice]

Come calcolare il costo dell'energia elettrica

Il costo in bolletta si compone di diversi elementi che possono facilmente essere individuati in bolletta. La tariffa per l'energia non è che uno dei fattori che concorrono a formare il costo di ciascuna fattura, ma è l'unico elemento fissato dai fornitori in regime di libera concorrenza (voce "Spesa per l'energia" in bolletta). Le altre voci di spesa sono definite dall'AEEGSI (quindi risultano uguali in ogni offerta di qualsiasi fornitore) e, per i clienti domestici, sono le seguenti:

  • Spesa trasporto e gestione contatore: si tratta del recupero dei costi necessari al trasporto e la distribuzione a livello nazionale dell'energia. La quota comprende anche il recupero dei costi sostenuti dai fornitori e necessari alla lettura e alla gestione dei contatori. Gli introiti derivanti da componenti tariffarie qui comprese, vengono destinati al miglioramento delle reti di distribuzione.
  • Spesa oneri di sistema: il prelievo derivante da questa voce di costo serve per finanziare, a livello nazionale, interventi per lo sviluppo della produzione elettrica da fonti rinnovabili e per il supporto delle realtà produttive, industriali e territoriali legate al mercato dell'elettricità.
  • Imposte e IVA: nel costo vanno considerate anche le imposte e la tassazione. Si tratta dell'accisa e dell'IVA.

Dal valore complessivo della bolletta bisogna far attenzione a eliminare il costo del canone RAI rateizzato (qualora presente).

Con "costo dell'energia" si può intendere la semplice tariffa della materia prima (costo kWh della materia prima) o la spesa finale per ogni chilowatt consumato. Nel primo caso, le offerte riportano obbligatoriamente il valore del prezzo per kWh. Nel secondo caso, il calcolo può essere effettuato dividendo il costo della bolletta per il volume di kWh prelevati nel mese (entrambe indicazioni presenti nella fattura).

Facciamo un esempio pratico di calcolo del prezzo della luce:

  • Costo materia prima: 0,039€/kWh
  • Valore della bolletta: 81,20€/bimestrale
  • Energia prelevata nei due mesi di fatturazione: 450 kWh

Il prezzo della materia prima, come si è detto, è già fornito dall'offerta (reperibile in bolletta, nello spazio dedicato ai dati contrattuali). Nel nostro esempio è di 0,039€/kWh. Per calcolare il costo di ogni kWh, tenuto conto di tutte le voci si spesa in bolletta, basta dividere il valore della bolletta per il volume di kWh consumati nel periodo di fatturazione (81,20/450). Nel nostro esempio, il costo dell'elettricità è di 0,180€/kWh.

[Torna all'indice]

Chi è ComparaSemplice.it

ComparaSemplice.it è il comparatore online di tariffe che ti propone le migliori offerte per l'energia disponibili sul mercato libero. È un servizio gratuito, che non incide sui prezzi definiti dai fornitori. Puoi effettuare un facile confronto di tutti i prodotti, ordinati per prezzo e profilati per offrirti una stima affidabile della spesa che ti dovrai aspettare nella bolletta della luce.

Vengono comparati i prodotti dei principali fornitori presenti sul mercato libero e pubblicati sul sito dell'Autorità, come quelli di: Enel Energia, Eni Luce e Gas, Illumia, iren Mercato, Edison,Gas Natural, Acea, Sorgenia, Wekiwi, Hera Comm e tanti altri.

Fiore all'occhiello di ComparaSemplice.it, nel panorama nazionale dei comparatori online, è la consulenza telefonica. Grazie a consulenti competenti, puoi affidarti a un servizio di orientamento e attivazione delle offerte di qualità. Il nostro compito non si esaurisce qui: il consulente è a tua disposizione anche con un supporto post-vendita.

ComparaSemplice.it non è solo confronto sulle tariffe per l'energia. In un unico sito web puoi trovare le migliori offerte ADSL, per dotare la tua casa o la tua azienda di una connessione veloce a Internet, e le tariffe mobile più convenienti. Nella sezione Pay Tv, trovi i più interessanti pacchetti per le piattaforme satellitari o streaming per l'intrattenimento, lo sport e l'informazione. Gli spunti di risparmio di ComparaSemplice.it continuano nella sezione dedicata al noleggio a lungo termine. Se l'auto ce l'hai già, allora puoi risparmiare sule assicurazioni auto. Se il tuo lavoro ti richiede la sottoscrizione di un'assicurazione, valuta le migliori proposte per una polizza per l'RC professionale. ComparaSemplice.it è vicino a te anche nel caso in cui tu stia affrontando un finanziamento importante per l'acquisto di un immobile: visita la sezione dedicata ai mutui per scoprire come possiamo aiutarti a risparmiare.

Valuta il nostro servizio di comparazione

Media: 5 su 5
Basata su 28 recensioni cliente

Le nostre guide

  • Gas e Luce

    Allaccio di luce e gas

    Tutto quello che ti serve sapere sull'allacciamento della fornitura di energia elettrica e gas.

    Leggi la guida
  • Gas e Luce

    Mercato libero dell'energia e del gas

    Cos'è il mercato libero? Perché conviene rispetto al mercato tutelato? Scoprilo nella guida.

    Leggi la guida
  • Gas e Luce

    Come cambiare fornitore

    Consigli e informazioni per cambiare fornitore di luce e gas senza problemi.

    Leggi la guida

I Fornitori

News

Tutte le news