Offerte Luce e Energia Elettrica: trova le tariffe luce più convenienti

Confronta le migliori offerte luce e risparmia fino a 150 € l’anno in bolletta

1
2
3
AVANTI

Proseguendo si accettano i Termini e le Condizioni del servizio

Il risparmio potenziale è calcolato sulla base della differenza tra il costo finito in bolletta di luce e gas della fornitura più costosa e quella più economica del mercato libero al 21/11/2019 per il consumatore tipo così come definito da ARERA (utenza gas su Milano).

* Per sapere come calcoliamo il risparmio su Luce e Gas clicca qui

I vantaggi per te

Compila il modulo e confronta le offerte Luce e Gas

  • Servizio senza impegno
  • Confronta e risparmia
  • Consulenza gratuita

Come trovare la migliore offerta Luce Casa:

  • 1

    Verifica sulla bolletta della Luce il tuo consumo mensile in kWh

  • 2

    Confronta le offerte Luce selezionate per te con il form qui sopra

  • 3

    Scegli l’offerta Luce che preferisci, attivala in autonomia online o fatti supportare da uno dei nostri consulenti

Come confrontare le offerte Luce e Energia Elettrica

ComparaSemplice.it ti aiuta a scegliere la migliore offerta luce grazie al confronto delle tariffe di energia elettrica più convenienti proposte dai principali fornitori di luce (Enel EnergiaEni PlenitudeAcea EnergiaEdisonWekiwiAmgaGelsiaVivigas e molti altri), confrontando i prezzi sul mercato libero dell'energia e su quello tutelato, per trovare la soluzione più adatta a te sulla base del profilo di consumo e della capacità di spesa.

Le tariffe luce si riferiscono all’importo (mensile o bimestrale) da corrispondere al fornitore per la spesa legata all'offerte energia elettrica attivata. L'importo totale della spesa in bolletta luce è dato dalla somma di oneri e spese fisse di gestione e dal costo della componente energia, che è variabile in base al gestore scelto. Per un più facile confronto delle offerte, le tariffe luce vengono presentate sulla base della spesa mensile stimata. Nei dettagli vengono poi riportate tutte le informazioni fondamentali per valutare la proposta, dalla tipologia di pagamento, alla tipologia di tariffa (monoraria o bioraria) fino alla presenza di eventuale sconti, prezzo bloccato e altri vantaggi.

Contattando ComparaSemplice.it hai a tua disposizione un consulente specializzato che ti aiuta a scegliere l'offerta luce più conveniente per le tue esigenze.

Migliori offerte luce casa del mese

in evidenza
  • Fatturazione: Bimestrale

    Pagamento: Domiciliazione bancaria, Domiciliazione postale, Domiciliazione su carta di credito, Bollettino precompilato

    CCV: 90,00 €/anno (imposte escluse)

  • Prezzo 144,83 €/mese
  • DETTAGLI Consulenza

Informazioni su costi e opzioni dell'offerta

Fornitore: Eni Plenitude S.p.A. Società Benefit

  • Materia Energia 1454,36 €
  • Trasporto e gestione del contatore 103,85 €
  • Oneri di sistema 0,00 €
  • Imposte di consumo 21,79 €
  • IVA 158,00 €
  • Trend Casa Luce è l'offerta luce di Eni Plenitude dedicata ai clienti domestici, che segue l'andamento del mercato. Con la sottoscrizione del listino "No Pensieri" il Cliente potrà acquistare alternativamente una polizza "No Pensieri impianti" o "No Pensieri RC danni".
I costi sono basati sul totale annuale delle bollette e rappresentano le singole voci nel dettaglio, per un consumo stimato di 2700 kWh.
Scadenza 4g 13h 0m
  • Fatturazione: Bimestrale

    Pagamento: Domiciliazione bancaria, Domiciliazione postale, Bollettino precompilato, Bonifico

    CCV: 130,00 €/anno (imposte escluse)

  • Prezzo 105,07 €/mese
  • DETTAGLI Consulenza

Informazioni su costi e opzioni dell'offerta

Fornitore: Iren Mercato

  • Materia Energia 1050,52 €
  • Trasporto e gestione del contatore 103,85 €
  • Oneri di sistema 0,00 €
  • Imposte di consumo 21,79 €
  • IVA 114,62 €
  • IREN REVOLUTION LUCE VERDE VARIABILE
I costi sono basati sul totale annuale delle bollette e rappresentano le singole voci nel dettaglio, per un consumo stimato di 2700 kWh.
  • Fatturazione: Bimestrale

    Pagamento: Domiciliazione bancaria

    CCV: 72,00 €/anno (imposte escluse)

  • Prezzo 140,88 €/mese
  • Consulenza

Informazioni su costi e opzioni dell'offerta

Fornitore: Illumia

  • Materia Energia 1411,20 €
  • Trasporto e gestione del contatore 103,85 €
  • Oneri di sistema 0,00 €
  • Imposte di consumo 21,79 €
  • IVA 153,68 €
  • Luce Flex Web - Special
I costi sono basati sul totale annuale delle bollette e rappresentano le singole voci nel dettaglio, per un consumo stimato di 2700 kWh.
  • Fatturazione: Bimestrale

    Pagamento: Domiciliazione bancaria, Domiciliazione postale, Domiciliazione su carta di credito, Bollettino precompilato

  • Prezzo 141,76 €/mese
  • Consulenza

Informazioni su costi e opzioni dell'offerta

Fornitore: Edison Energia

  • Materia Energia 1420,77 €
  • Trasporto e gestione del contatore 103,85 €
  • Oneri di sistema 0,00 €
  • Imposte di consumo 21,79 €
  • IVA 154,65 €
  • Edison World Luce Plus è l'offerta che consente, a fronte di un contributo mensile, di ottenere il prezzo dell'energia all'ingrosso (PUN). Il contributo mensile sarà bloccato per 12 mesi, l'offerta è riservata ai Clienti finali titolari di punti di prelievo alimentati in bassa tensione (BT) per usi domestici. E' inoltre possibile personalizzare l'offerta scegliendo fra prodotti assicurativi e di risparmio energetico.
I costi sono basati sul totale annuale delle bollette e rappresentano le singole voci nel dettaglio, per un consumo stimato di 2700 kWh.
  • Fatturazione: Bimestrale

    Pagamento: Domiciliazione bancaria, Domiciliazione postale, Bollettino precompilato

    CCV: 120,00 €/anno (imposte escluse)

  • Prezzo 153,03 €/mese
  • Consulenza

Informazioni su costi e opzioni dell'offerta

Fornitore: Enel Energia

  • Materia Energia 1543,76 €
  • Trasporto e gestione del contatore 103,85 €
  • Oneri di sistema 0,00 €
  • Imposte di consumo 21,79 €
  • IVA 166,94 €
  • Offerta di Energia Elettrica dedicata ai siti ad uso domestico. L’offerta prevede un prezzo composto da: un corrispettivo di commercializzazione e vendita (denominato anche CCV luce) espresso €/POD/anno da corrispondere su base mensile, fisso per 12 mesi decorrenti dalla data di attivazione della fornitura; un prezzo della componente energia, pari al Prezzo Unico Nazionale (PUN), definito con periodicità mensile che corrisponde al valore consuntivo medio aritmetico mensile del PUN, espresso in Euro/kWh, così come determinato dal Gestore dei Mercati Energetici (GME) e pubblicato sul sito internet del GME, maggiorato delle perdite di rete applicate come definite, pubblicate e aggiornate da ARERA; un contributo al consumo (α) che si aggiungerà al prezzo della componente energia (pari al PUN) come sopra descritta e che è rappresentativo dei costi per la spesa della materia prima non coperti dal PUN. Tale contributo a consumo, perdite di rete incluse, è espresso in €/kWh ed è valido per i primi 12 mesi di fornitura. Requisito necessario ai fini dell’attivazione della fornitura è l’attivazione del servizio gratuito “Bolletta Web” che prevede la ricezione delle fatture esclusivamente all’indirizzo di posta elettronica indicato dal Cliente.
I costi sono basati sul totale annuale delle bollette e rappresentano le singole voci nel dettaglio, per un consumo stimato di 2700 kWh.

Compila il modulo!

Sarai contattato gratuitamente da un nostro operatore per una consulenza sulle migliori offerte

  • Servizio Gratuito Nessuna commissione
  • Nessun obbligo Nessun impegno
  • Le migliori offerte Prezzi bassi

Internet 20

RICHIEDI

Proseguendo si accettano i Termini e le Condizioni del servizio

Compara le offerte energia elettrica

Come stimare i consumi luce?

Le offerte luce per la casa devono essere valutate con attenzione tenendo conto di quella che è la stima del consumo energetico in famiglia: soltanto con una corretta stima dei consumi sarà realmente possibile risparmiare sui costi presenti in bolletta. Secondo quanto stabilita dall'Arera (Autorità di Regolazione Energia Reti e Ambiente) una famiglia tipo composta da 3/4 componenti con un contatore da 3kW di potenza impegnata, ha un consumo annuo di circa 2.700 kWh facendo un utilizzo standard degli elettrodomestici.

Per poter stimare il consumo di energia elettrica bisogna tenere in considerazione alcuni fattori:

  • numero di persone nel nucleo familiare
  • tipologia e quantità elettrodomestici utilizzati in casa
  • tipo di abitazione
  • comune di residenza/domicilio

Da cosa dipende il costo dell’energia elettrica?

Nella scelta dell’offerta luce per la casa più conveniente è necessario valutare diversi fattori, ma il più rilevante è sicuramente il costo dell’energia elettrica: è l'elemento che incide per il 30-45% sul costo della bolletta della luce. Si tratta della tariffa che viene applicata al consumo mensile di energia. Nel mercato libero tale prezzo è definito dai fornitori in regime di libera concorrenza e può essere indicizzato al prezzo all'ingrosso (Pun o Brent). Cosa sono il PUN e il Brent? Per quanto riguarda il mercato al consumo (sia esso libero o tutelato), il prezzo dell’elettricità può essere indicizzato sulla base di due parametri: l’indice Brent, che misura l’andamento del prezzo del petrolio, o il PUN (Prezzo Unico Nazionale), che misura l’andamento del prezzo dell’energia elettrica sul mercato all’ingrosso (IPEX, la borsa elettrica italiana).

Il costo al kWh nel regime tutelato viene definito trimestralmente dall'ARERA (ex Aeegsi).

Ovviamente la tariffa per l'energia non è che uno dei fattori che concorrono a formare il costo della bolletta della luce. Le altre voci di spesa sono definite dall'ARERA (quindi risultano uguali in ogni offerta di qualsiasi fornitore) e, per i clienti domestici, sono le seguenti:

  • Spesa trasporto e gestione contatore: si tratta del recupero dei costi necessari al trasporto e la distribuzione a livello nazionale dell'energia. La quota comprende anche il recupero dei costi sostenuti dai fornitori e necessari alla lettura e alla gestione dei contatori. Gli introiti derivanti da componenti tariffarie qui comprese, vengono destinati al miglioramento delle reti di distribuzione;
  • Spesa oneri di sistema: il prelievo derivante da questa voce di costo serve per finanziare, a livello nazionale, interventi per lo sviluppo della produzione elettrica da fonti rinnovabili e per il supporto delle realtà produttive, industriali e territoriali legate al mercato dell'elettricità;
  • Imposte e IVA: nel costo vanno considerate anche le imposte e la tassazione. Si tratta dell'accisa e dell'IVA.

Dal valore complessivo della bolletta bisogna far attenzione a eliminare il costo del canone RAI rateizzato (qualora presente).

Altri fattori che possono incidere sui costi dell'energia elettrica sono i concetti di fasce orarie dell'energia e di tipologia tariffe.

Per quanto riguarda il primo punto l'Arera (ex AEEGSI) ha individuato tre fasce orarie di consumo nell'arco della giornata:

  • F1 - Ore di Punta: dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 alle 19.00
  • F2 - Ore Intermedie: dal lunedì al venerdì, dalle 7:00 alle 8:00 e dalle 19:00 alle 23:00; il sabato dalle 7:00 alle 23:00
  • F3 - Ore "fuori punta": dal lunedì al sabato dalle 23.00 alle 7.00, la domenica e i festivi a tutte le ore.

Spesso nelle offerte pubblicate si fa riferimento anche a F2+3 (o F23) e F0: nel caso delle F23 si intende tutti i giorni feriali, sabati, domeniche e festivi dalle 19:00 alle 8:00; quando si parla di F0 invece si fa già riferimento a quella che è la tipologia tariffa e nello specifico coincide con la monoraria. Le tipologie di tariffe presenti sul mercato sono infatti:

  • Monorarie: il prezzo della componente energia rimane invariato tutti i giorni per tutto il giorno, senza distinzione di alcuna fascia di consumo;
  • Biorarie: il costo della materia prima varia a seconda della fascia oraria di consumo (diurna o serale) e del giorno (settimanale o feriale)
  • Multiorarie: il costo della luce varia in base alla fascia di consumo (F1, F2 ed F3) e al giorno (settimanale o feriale).

Come scegliere la migliore tariffa luce per la fornitura di energia elettrica per la casa?

Adesso che abbiamo visto i principali componenti di costo di una bolletta rimane il problema di comprendere al meglio come combinarli e sfruttarli a proprio favore per scegliere la migliore tariffa luce per la casa. Nella scelta dovremmo valutare i seguenti aspetti:

  • tipologia di contratto
  • potenza fornitura
  • tipologia di tariffa
  • bonus e sconti

Tipologia di contratto energia

Il primo "difficile" passo per la scelta della giusta offerta è sapere di che tipo di contratto abbiamo bisogno. Certo può sembrare banale, ma ti assicuriamo che non è così e che ancora oggi ci sono molti dubbi sulla scelta. Le tipologie di contratto si distinguono in::

  • Allaccio luce o nuova attivazione: è il caso in cui non sia mai stato attivato una fornitura di luce sul contatore dell'utenza (neanche in passato).
  • Cambio fornitore energia elettrica: sull'utenza c'è una fornitura attiva e si vuole passare ad altro operatore.
  • Subentro luce: è la riattivazione di un servizio di fornitura di energia elettrica elettrica momentaneamente interrotto.
  • Voltura luce: cambio del titolare di un contratto di fornitura di luce già attivo.

Potenza fornitura energia

Un altro elemento da valutare nella scelta della migliore tariffa di energia elettrica è la potenza impiegata, ossia il livello di potenza messo a disposizione dal fornitore energia, definito in fase contrattuale sulla base delle esigenze del cliente. La scelta della potenza contrattualmente impiegata è una decisione importante, in quanto la tariffa cambia in modo significativo. Le opzioni vanno da 1 kW a 6 kW. Per un'utenza domestica, generalmente, si applica uno standard di 3 kW, potenza che permette di gestire l'assorbimento degli elettrodomestici di consumo (anche utilizzati contemporaneamente). È comunque possibile anche richiedere una potenza superiore di almeno 4,5kW.

Tipologia di tariffa

Una scelta rilevante, che deve essere basata sullo stile di consumo di elettricità della famiglia o del singolo, è poi quella della tipologia di tariffa: scegliere una offerta luce bioraria (o multioraria), con tariffe differenziate sulla base delle fasce orarie, è preferibile nel caso in cui i componenti della famiglia lavorino fuori casa tutto il giorno e quindi i maggiori consumi avvengono fuori dagli orari d'ufficio (durante la serata e fino alla mattina presto, nei weekend e nei giorni festivi); una offerta luce monoraria, con il prezzo al consumo "flat", al contrario è conveniente se abbiamo un consumo omogeneo nell'arco della giornata e la casa venga vissuta durante tutte le ore del giorno e durante tutti i giorni della settimana.

Bonus e sconti: il prezzo bloccato

Ultima valutazione da fare nella scelta dell’offerta di luce più conveniente e adatta alle nostre esigenze è la possibilità del prezzo bloccato. Con tariffa bloccata o fissa s'intende un prezzo invariabile della componente elettricità per la durata del contratto (solitamente 12 o 24 mesi). A differenza della tariffa variabile, quella bloccata non subisce le fluttuazioni del mercato, mettendo al riparo da eventuali aumenti del costo dell'energia, ma anche precludendo il vantaggio di un eventuale ribasso del prezzo. La tariffa bloccata è l'opzione da preferire nel caso in cui si prevedano incrementi del prezzo della materia prima nei mesi successivi. Una valutazione che richiede una profonda conoscenza del mercato energetico nazionale e internazionale. Al di là dell'analisi macroeconomiche, questa tipologia di tariffa è preferibile qualora si desiderasse avere, per un periodo definito, un costo stabile in bolletta, variabile solo sulla base del livello di prelievo mensile.

Al termine del periodo contrattuale, con debito anticipo, il fornitore propone al cliente la nuova tariffa applicata: il cliente può accettare tacitamente il rinnovo alle nuove condizioni o cambiare contratto/fornitore.

Non è raro trovare, tra le condizioni proposte dalle varie offerte luce, il classico sconto sulla tariffa a consumo. Può trattarsi di uno sconto permanente o limitato nel tempo. Un'occasione da cogliere senza farsi impressionare dalla percentuale di sconto o dalla somma del bonus, ma sempre mettendo a confronto la spesa mensile delle singole offerte.

La bolletta della luce e le modalità di pagamento

La fatturazione standard per il servizio elettrico è bimestrale; tuttavia, si possono trovare anche offerte con fatturazione mensile. La modalità di pagamento della fattura elettrica è una preferenza, ma può diventare anche un'occasione di risparmio. Carta di credito, RID o bollettino? In molti ancora non si fidano dell'addebito diretto su conto corrente o possiedono un conto base, con operazioni limitate. Per questo è spesso richiesta un'offerta pagabile con bollettino postale. In questo caso, è bene fare alcune considerazioni:

  • deposito cauzionale: a chi, in fase di stipula del contratto per la fornitura di energia elettrica, sceglie il pagamento tramite bollettino, viene quasi sempre richiesto un deposito cauzionale;
  • scadenze, dimenticanze e ritardi: con le bollette della luce cartacee e i bollettini è facile dimenticare le scadenze, pagare in ritardo o saltare qualche pagamento. Il rischio è quello di dover pagare interessi di mora o, peggio, la segnalazione come cattivo pagatore. L'addebito diretto sul conto corrente mette al riparo da questi spiacevoli conseguenze legate ai pagamenti manuali.
  • sconti per la scelta del RID: alcuni fornitori propongono sconti per coloro che optano per l'addebito su conto.

In fase di stipula contrattuale si può scegliere il recapito della bolletta elettronica via e-mail. Una soluzione smart, che può portare anche qualche vantaggio economico: infatti, a fronte di una minor spesa di postalizzazione delle bollette e per incentivare la cultura dei documenti in formato elettronico, i fornitori possono proporre sconti sulla fornitura elettrica.

Come si attiva un'offerta luce?

Per attivare un'offerta luce è necessario effettuare una richiesta a uno dei fornitori luce e gas presenti sul mercato. Solitamente è possibile farlo contattando il gestore tramite numero verde clienti oppure recandosi presso un eventuale punto vendita o inviando il modulo di contratto compilato e firmato via posta, fax o PEC. Nel momento in cui si decide di attivare un contratto luce il cliente dovrà fornire:

  • dati anagrafici dell'intestatario del contratto (nome, cognome, codice fiscale, data e luogo di nascita, residenza, numero di telefono e email)
  • codice POD o matricola del contatore luce da attivare
  • titolarità in base alla quale si occupa l'immobile (proprietà, locazione..)
  • potenza in kW (necessario da specificare se superiore a 3kW)
  • codice IBAN per eventuale domiciliazione bancaria della bolletta

Una volta forniti tutti i dati e firmato il contratto i tempi di attivazione variano a 2 a 12 giorni circa a seconda della procedura richiesta: nel caso di semplice subentro la procedura è molto veloce e richiede 2/ 3 giorni lavorativi per consentire l'uscita del tecnico; nel caso di riattivazione o nuova attivazione i tempi si allungano.

Scopri le migliori offerte luce per città

Per informazioni e maggiori approfondimenti, i consulenti di ComparaSemplice.it sono a disposizione con una assistenza professionale, gratuita e non vincolante.

Contattaci telefonicamente 02 200 11 200, tramite chat oppure lasciaci email e telefono e ti richiamiamo noi.

Faq e Domande Frequenti Luce e Energia elettrica

Qual è la migliore offerta luce?

Per conoscere la migliore offerta luce ti consigliamo di effettuare una simulazione su ComparaSemplice.it: ogni mese i principali fornitori energia hanno promozioni e offerte che ti consentono di risparmiare sui costi in bolletta.

Come confrontare le offerte luce?

Per confrontare le offerte luce e trovare la più conveniente per te è necessario considerare il numero di persone che vivono nell'abitazione, il tempo trascorso in casa e gli elettrodomestici utilizzati al fine di poter fare una stima dei consumi annuali. Conoscendo il fabbisogno energetico è possibile avere una idea dei costi annuali della luce e scegliere l'offerta più conveniente.

Cosa comporta cambiare fornitore luce?

Il cambio del fornitore luce non comporta in generale alcuna modifica all'impianto o alcun disagio o interruzione di servizio.

Cosa cambia nei costi delle tariffe luce?

In bolletta una parte della somma è relativa a costi che non variano tra una tariffa e l'altra. La parte variabile è da imputare a servizi di vendita dell'operatore ed è quella che determina la concorrenzialità del mercato.

Qualè il costo medio di un kWh?

Il costo kWh dell'energia per il trimestre attuale è di 0,25592 € per la fascia monoraria, a cui deve essere aggiunti i costi di gestione e trasporto dell'energia elettrica.

Quando è prevista la fine del mercato tutelato?

La fine del mercato tutelato e il conseguente passaggio al mercato libero è previsto per gennaio 2024.

Cosa si intende per energia a prezzo indicizzato?

Con prezzo indicizzato si intende che il prezzo della materia prima dell'energia elettrica è determinato da un indice che varia in base ai prezzi di gas e petrolio ai quali il fornitore di energia fa riferimento.

Quanto costa la luce per la seconda casa?

Per la seconda casa, i clienti pagano gli oneri di sistema in base ai consumi e una quota fissa annuale di 135 euro.


Valutazione del nostro servizio di comparazione

Media: 5 su 5
Basata su 1250 recensioni cliente

Le nostre guide

  • Contratti

    Allaccio

    Tutto quello che ti serve sapere sull'allacciamento della fornitura di energia elettrica e gas.

    Leggi la guida
  • Contratti

    Voltura

    Ti spieghiamo quando richiedere una voltura di un contratto luce o gas.

    Leggi la guida
  • Contratti

    Subentro

    Cosa significa effettuare un subentro? La guida che ti spiega tutto.

    Leggi la guida
  • Contatore

    Contatore luce: tutto quello che devi sapere

    Sul contatore della luce sono presenti diverse informazioni utili per i clienti sia in fase di attivazione contrattuale che in fase di contratto in essere con una società di vendita.

    Leggi la guida
  • Contatore

    Codice Pod: cos'è e dove trovarlo

    Tutto quello che devi sapere sul Codice Pod: ti spieghiamo dove trovarlo con o senza bolletta della luce.

    Leggi la guida
  • Mercato

    Mercato libero dell'energia e del gas

    Cos'è il mercato libero? Perché conviene rispetto al mercato tutelato? Scoprilo nella guida.

    Leggi la guida
  • Fornitori Luce e Gas

    Come cambiare fornitore

    Consigli e informazioni per cambiare fornitore di luce e gas senza problemi.

    Leggi la guida
  • Prezzi Luce

    Costo al kWh dell'energia elettrica

    Quanto costa un kWh di luce? Scopri il prezzo della materia prima sul mercato libero e tutelato.

    Leggi la guida
  • Prezzi Gas

    Quanto costa un metro cubo di gas?

    Il prezzo di un smc di gas naturale sul mercato libero e sul mercato tutelato.

    Leggi la guida
  • Bolletta Luce

    Come leggere la bolletta luce

    Le indicazioni per capire la fattura per l'energia elettrica e iniziare a risparmiare.

    Leggi la guida
  • Bolletta Gas

    Come leggere la bolletta del gas

    Gli elementi che compongono la fattura del gas spiegati nel dettaglio, le strategie per risparmiare e come pagare la fattura.

    Leggi la guida
  • Tutte le guide

    Le guide ai contratti luce e gas

    Risorse utili per comprendere il mercato dell'energia elettrica e del gas e imparare a risparmiare.

    Leggi la guida
  • Cambio gestore

    Voltura con cambio gestore contestuale

    È possibile richiedere la voltura delle utenze cambiando gestore nello stesso momento e con un’unica richiesta. Scopri come

    Leggi la guida
Tutte le guide

Fornitori a confronto

Ultime News

Tutte le news
02 200 11 200