Come scegliere il condizionatore giusto?

1
2
3
4

Come risparmiare senza rinunciare al comfort

Il consumo del condizionatore d’aria può incidere e molto, sul costo della componente energia della bolletta. Acquistare l’apparecchio giusto per le proprie esigenze è molto importante per avere la massima efficienza ad un prezzo ragionevole. Il primo passo è sicuramente quello di valutare una buona offerta per l’energia del mercato capace di rispondere alle vostre esigenze di consumo. Il secondo consiglio è quello di dotare la casa di condizionatori di ultima generazione e utilizzare l’apparecchio in modo corretto. Il consumatore ha l’imbarazzo della scelta tra modelli e tecnologie sul mercato, ma non per questo, la scelta del modello deve avvenire in maniera superficiale, perché le prime conseguenze di una scelta sbagliate, ricadono proprio, come detto, sulle bollette dell’energia elettrica. 

Vediamo alcuni consigli per scegliere il condizionatore di casa.

I diversi modelli di condizionatore: meglio fisso o portatile?

Una delle prime scelte davanti alla quale il cliente viene a trovarsi è: quale modello scegliere? Esistono sostanzialmente due macrocategorie di apparecchi per il condizionamento dell’aria: il condizionatore portatile e quello fisso.

La scelta del cliente deve basarsi su diversi fattori principali, quali:

  • Luogo dell’abitazione da dover rinfrescare
  • Prezzo d’acquisto
  • Consumi stimati da parte del cliente

In linea di massima possiamo dire quindi che, la scelta del modello deve essere fatta considerando le proprie esigenze e abitudini di consumo, tendendo sotto controllo il rapporto qualità/prezzo.

Condizionatore portatile:

Il condizionatore d’aria portatile, al momento dell’acquisto, è sicuramente meno costoso rispetto ad uno fisso, anche perché non necessita delle spese previste per l’installazione.

Tuttavia il costo iniziale dell’acquisto di un condizionatore fisso è ammortizzato nel tempo, poiché, esso consuma meno energia rispetto ad uno portatile.

Qualora le esigenze della famiglia siano quelle di spostare il condizionatore da una stanza all’altra per raffrescare più ambienti della casa oppure l’abitazione è sprovvista di balconi dove collocare il motore del condizionatore fisso, il portatile è sicuramente la scelta migliore.

 I modelli di ultima generazione non hanno il tubo di scarico, pertanto possono essere utilizzati senza dover necessariamente creare una fessura nella finestra per far uscire l’aria calda.

Uno svantaggio di questa tipologia di apparecchi è che non sono dotati della tecnologia inverter, ossia dello strumento che permette di impostare una temperatura ideale e fare in modo che una volta raggiunta possa mantenerla. Infine è più rumoroso del fisso.

Condizionatore fisso:

Il condizionatore d’aria fisso è la scelta migliore se non si vogliono rischiare consumi di energia elevati e quindi bollette salate, anche se al momento dell’acquisto prevede un importo maggiore, nel quale devono essere considerati i costi per l’installazione dell’apparecchio.

In ogni caso, qualora si abbia la possibilità, avere un condizionatore fisso è sicuramente da preferire al portatile date le sue prestazioni energetiche nettamente migliori. Infatti, questi apparecchi hanno raggiunto un livello tecnologico importante.

Esistono due grandi tipologie dei condizionatori d’aria: i climatizzatori solo per il freddo e le pompe di calore. I primi permettono esclusivamente di rinfrescare gli ambienti dove sono installati. Le pompe di calore, invece, sono apparecchi capaci di raffreddare l'aria in estate e, invertendo il ciclo di funzionamento, riscaldarla in inverno. Quelle di classe energetica più avanzata sono molto efficienti e esistono in varie potenze.

I condizionatori con pompa di calore, si dividono a loro volta a seconda del principio di funzionamento su cui si basano, che può essere ad assorbimento o a compressione. In quest’ultima categoria rientrano i condizionatori a split, la tipologia di condizionatore più venduta e che più di frequente si trova nelle case degli italiani. Quando il condizionatore è impostato per raffreddare l’aria, la pompa di calore a compressione sottrae il calore dall’ambiente da rinfrescare e lo porta all’esterno. Al contrario, quando riscalda, la pompa di calore riesce a trasformare la bassa temperatura dell’ambiente esterno, in calore che cede ai locali da riscaldare.

[Torna all'indice]

Come scegliere il condizionatore: 8 consigli per fare un buon acquisto

Qualora stiate pensando di acquistare un nuovo condizionatore, vi consigliamo di seguire questi parametri di scelta:

  1. Efficienza energetica: come per gli atri elettrodomestici di casa, scegliere un condizionatore contraddistinto da classe energetica A++, vi permetterà di ridurre i consumi elettrici dell’impianto.
  2. Modello adatto alle proprie esigenze di spazio e funzionamento.
  3. Capacità di raffreddamento: espressa in kWh. Più è alto il valore maggiore è la potenza dell’impianto di raffreddamento.
  4. Marchi di sicurezza: più il condizionatore ne è dotato, più il suo costo è elevato, tuttavia essi garantiscono una maggiore efficienza. I soldi spesi al momento dell’acquisto potranno essere recuperati, secondo le nostre stime, entro i primi tre anni dall’acquisto.
  5. Verificare la rumorosità: per non avere disturbi durante il funzionamento.
  6. Tecnologia inverter: si tratta di un sistema che consente di tenere costante la temperatura dopo che si sono raggiunti i gradi desiderati.
  7. Verificare i fluidi refrigeranti: è importante chiedere al momento dell’acquisto, un condizionatore che non usi come gas refrigerante dannosi per l’atmosfera, anche in quelli di ultima generazione. I gas previsti per legge sono R134, R407C e R410A.
  8. Timer e termostato digitale: permette di regolare la temperatura e gli orari di accensione e spegnimento del condizionatore.

Qualsiasi condizionatore che sceglierete deve avere un etichetta energetica dove sono riportate queste informazioni. Leggerla è fondamentale per acquistare un buon apparecchio e non rischiare di spendere denaro invano.

Infine avere una buona offerta per la fornitura di energia elettrica può influire anche sul consumo del condizionatore. Tuttavia sceglierla non è semplice. Comparare le varie tariffe sul mercato energia vi permetterà di tagliare i costi della bolletta e risparmiare tempo nelle ricerche. Visitate il sito ComparaSemplice.it, oppure telefonate al numero verde 800.709993 per avere a vostra disposizione, l’esperienza di esperti del settore.

[Torna all'indice]

Valuta il nostro servizio di comparazione

Media: 5 su 5
Basata su 1250 recensioni cliente

Le nostre guide

  • Contratti

    Allaccio di luce e gas

    Tutto quello che ti serve sapere sull'allacciamento della fornitura di energia elettrica e gas.

    Leggi la guida
  • Mercato Luce e Gas

    Mercato libero dell'energia e del gas

    Cos'è il mercato libero? Perché conviene rispetto al mercato tutelato? Scoprilo nella guida.

    Leggi la guida
  • Fornitori Luce e Gas

    Come cambiare fornitore

    Consigli e informazioni per cambiare fornitore di luce e gas senza problemi.

    Leggi la guida
  • Forniture energia

    Domande frequenti

    Tutto quello che ti sei sempre chiesto su contratti e offerte per l'energia elettrica e il gas metano.

    Leggi la guida
  • Prezzi Luce

    Costo al kWh dell'energia elettrica

    Quanto costa un kWh di luce? Scopri il prezzo della materia prima sul mercato libero e tutelato.

    Leggi la guida
  • Prezzi Gas

    Quanto costa un metro cubo di gas?

    Il prezzo di un smc di gas naturale sul mercato libero e sul mercato tutelato.

    Leggi la guida
  • Il contatore

    Codice Pod: cos'è e dove trovarlo

    Tutto quello che devi sapere sul Codice Pod: ti spieghiamo dove trovarlo con o senza bolletta della luce.

    Leggi la guida
  • Fornitori Luce e Gas

    Trova il fornitore energia più economico

    Come trovare il fornitore luce e gas più economico? È facile: te lo spieghiamo in questa guida.

    Leggi la guida
Tutte le guide

Fornitori a confronto

News

Tutte le news
02 200 11 200