Temperatura ideale per la salute: quanti gradi in casa?

Temperatura ideale per la salute: quanti gradi in casa?
3.6 (72.73%) 11 votes
di | 12-11-2015 | Energia

Gli esseri umani hanno la capacità di adattarsi alla condizioni climatiche avverse, una capacità che deriva più dall’intelligenza nel far fronte alle difficoltà con la “tecnica”, che non alla capacità del corpo di adattarsi a condizioni distanti dall’optimum.
Questo però non può farci dimenticare l’importanza per l’uomo del rispetto del giusto rapporto fra temperatura e umidità.
A contribuire infatti alle condizioni di benessere o meno del nostro corpo, non è solo la temperatura effettiva, ma la cosiddetta temperatura percepita: particolari condizioni di umidità così come di ventilazione modificano la percezione che il nostro organismo ha della temperatura.

L’indice Humidex, utilizzato per valutare il benessere biometereologico dell’uomo in relazione all’umidità e alla temperatura, colloca il rapporto ideale tra i 18-24 °C di temperatura e il 40-60% di umidità (la percentuale di vapore acqueo presente nell’aria).
Immaginando una persona adulta le temperature con relativi tassi di umidità ideali sarebbero:

  • con 18° di temperatura, un’umidità del 100%;
  • con 19° di temperatura, un’umidità dell’80%;
  • con 20° di temperatura un’umidità del 60%;
  • con 21,5° di temperatura, un’umidità del 40%;
  • con 23° di temperatura, un’umidità del 20%

Ma questi numeri variano anche in funzione di alcune caratteristiche delle persone, quali l’età ad esempio, ma soprattutto particolare patologie. Non ultimo l’ambiente in cui sono scresciute e abituate a vivere.

Condizioni sub-ottimali portano a reazioni fisiche: sudorazione o brividi se la temperatura è troppo alta o troppo bassa e per l’umidità ad esempio sotto il 20% l’aria diventa troppo asciutta e può causare altri tipo di problemi: secchezza alle fauci e alle vie respiratorie, rischio di infiammazione, fastidio a respirare e difficoltà nel produrre saliva.
A queste reazioni va aggiunto anche lo stress derivante dalle condizioni di temperatura e/o umidità non corretta, ed anche lo stress porta a conseguenze sul piano prima psicologico poi sul lungo periodo anche fisico.

In tutto questo quadro si inserisce quindi la legge nazionale che fissa un limite di temperatura per le abitazioni e gli uffici, con due gradi tolleranza: oltre i 22 gradi possono scattare sanzioni.
Questi valori di temperatura, infatti, sono considerati ottimali, nella stagione invernale, per la vita quotidiana e le attività lavorative dagli esperti internazionali che studiano il cosiddetto “comfort climatico”.

Va considerato anche che, inseguendo un’assolutamente ipotetica temperatura o umidità ideale, possiamo ottenere “soglie differenziali” esagerate rispetto alla temperatura esterna (15-20 gradi, 30-40% umidità) questo è DANNOSO per l’organismo. Gli sbalzi provocano forti stress fisici, sono “agenti stressanti”: sappiamo ad esempio da una ricerca effettuata presso la Yale School of Public Health che ampi cambiamenti di temperatura all’interno della stessa giornata  sono associati a una più elevata ospedalizzazione per ictus!

Per questo ogni considerazione deve modellarsi sulla temperatura esterna, avvicinando le esigenze alla soglia più bassa laddove il clima è più rigido e a quella più alta dove e quando il clima fuori casa è più caldo. Da una parte settando i riscaldamenti a temperature più basse (meglio può fare chi è dotato di impianto autonomo magari con pompa di calore) e dall’altra evitando di consumare troppa corrente  impostando temperature più elevate per l’impianto di aria condizionata. In questo modo e per entrambi i casi, riusciremo a garantirci un risparmio di energia elettrica ed anche una salute migliore.
Utilizzare un termometro da esterno e con lettura anche della temperatura interna, che sia preciso e affidabile, è un’ottimo modo per prendere decisioni informate giorno per giorno, e magari in futuro avere un sistema automatico che ottimizzi il tutto.

Chi siamo

Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere guide e consigli per il risparmio

Naviga tra le news

EnergiaADSLAssicurazionePayTV
0321.085995

Titolo Popup

La Newsletter di comparasemplice.it è pubblicata sul sito Internet istituzionale distribuita via e-mail – in automatico e gratuitamente – a quanti fanno richiesta di riceverla compilando il form presente in questa pagina.

I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella possibilità da parte degli utenti interessati di ricevere di comunicazioni promozionali relative a prodotti e/o servizi di Cloud Care srl. o di terzi mediante impiego del telefono con operatore e/o anche mediante sistemi automatizzati (es. email, sms, fax mms, autorisponditori) e/o posta cartacea.

Il titolare del trattamento è CLOUD CARE SRL , con sede in Via Righi 27, Novara; PEC: cloudcare@legalmail.it.

I dati saranno trattati esclusivamente secondo le finalità di cui al punto 3 e punto 6 dell’informativa generale di Cloud Care srl presente sul sito www.comparasemplice.it.

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da Cloud Care srl, nei casi previsti, l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) inviando una email all’indirizzo cloudcare@legalmail.it.

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO
Si può richiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal nostro database scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@comparasemplice.it.